Un ca­na­den­se in Ita­lia per pro­muo­ve­re la sa­lu­te...su­gli sci!

Corriere Italiano - - Punto e Capo -

Si chia­ma Phil Shaw, è un atle­ta di 42 an­ni e un gran­de ami­co dell’Ita­lia. Ogni an­no, da sva­ria­ti an­ni, par­te­ci­pa, nel me­se di gen­na­io, al­la Mar­cia­lon­ga, una del­le più an­ti­che e più bel­le com­pe­ti­zio­ni di sci di fon­do che si svol­ge in Tren­ti­no Al­to Adi­ge sul­la di­stan­za di cir­ca 70 km. Phil par­te­ci­pa an­che a mol­te al­tre ga­re di li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le e dal 2002 si è mes­so a scia­re (a ro­tel­le) sul­le pi­ste ci­cla­bi­li di tut­to il mon­do per pro­muo­ve­re la sa­lu­te e il be­nes­se­re fi­si­co. Per­ché non far­lo an­che in Ita­lia? – si è chie­sto – , e co­sì è sta­to. Ec­co un suo bre­ve e “si­gni­fi­ca­ti­vo” re­so­con­to dell’av­ven­tu­ra ita­lia­na.

Ar­ri­va­to a Pa­ler­mo il 28 apri­le ho fat­to il gi­ro del­la Si­ci­lia in sen­so con­tra­rio ri­spet­to al­le lan­cet­te di un oro­lo­gio. Ho per­cor­so, su­gli sci a ro­tel­le, le stra­de di Tra­pa­ni, Mar­sa­la, Cam­po­bel­lo di Ma­za­ra, Sciac­ca, Agri­gen­to con i suoi tem­pli gre­ci, Cal­ta­nis­set­ta, En­na, Ca­ta­nia, Messina e, ul­ti­ma tap­pa, Reggio Ca­la­bria.

Lo sco­po di que­sta “pas­seg­gia­ta” su­gli sci a ro­tel­le era quel­lo di fa­re la pro­mo­zio­ne del­la sa­lu­te. Mi so­no re­ca­to, in­fat­ti, nei bar, ri­sto­ran­ti, luo­ghi pub­bli­ci (par­chi) per in­con­ta­re più gen­te pos­si­bi­le e di­re ad al­ta vo­ce: “Ho un an­nun­cio da far­vi: fu­ma­te me­no, man­gia­te me­glio e fa­te più eser­ci­zio”. E spes­so la gen­te ap­plau­di­va al­la mia ini­zia­ti­va o mo­stra­va un cer­to in­te­res­se.

Ar­ri­va­to a me­tà mag­gio a Reggio Ca­la­bria mi è ac­ca­du­to, pur­trop­po, qual­co­sa di spia­ce­vo­le. Un la­dro mi ha ru­ba­to il de­na­ro che ave­vo nel por­ta­fo­glio cu­sto­di­to den­tro lo zai­no pro­prio men­tre an­nun­cia­vo il mio mes­sag­gio di sa­lu­te.

Ad un cer­to pun­to qual­cu­no tra la fol­la ha in­di­ca­to che a ter­ra c’era un po­ta­fo­glio, era il mio. Nel­la sfor­tu­na, mi so­no ac­cor­to che al­me­no i do­cu­men­ti, pas­sa­por­to e car­te di cre­di­to, era­no ri­ma­sti al lo­ro po­sto gra­zie ad un in­ter­ven­to ... “di­vi­no!”. Qual­che ora pri­ma del mi­sfat­to un re­li­gio­so mi ave­va av­vi­ci­na­to per re­ga­lar­mi un pic­co­lo cro­ce­fis­so di le­gno. Mai, in 42 an­ni d’esi­sten­za, qual­cu­no mi ave­va re­ga­la­to un cro­ce­fis­so. Io, che so­no cre­den­te, ho in­ter- pre­ta­to que­sto ge­sto co­me un se­gno di Dio.

La mia “mis­sio­ne” in Ita­lia era ter­mi­na­ta, era tem­po di ri­tor­na­re in Ca­na­da. In un cer­to sen­so ero con­ten­to di tor­na­re in­die­tro, di non aver con­ti­nua­to a dif­fon­de­re il mes­sag­gio an­che nel Nord dell’Ita­lia poi­ché do­po tre set­ti­ma­ne di vi­si­te su­gli sci ero ve­ra­men­te stan­co! Ma non stan­co per il la­dro di por­ta­fo­glio, stan­co per l’in­cre­di­bi­le stress ac­cu­mu­la­to nel­lo scia­re per le pe­ri­co­lo­sis­si­me stra­de ita­lia­ne. In quel mo­men­to ho po­tu­to rea­liz­za­re qua­le for- tu­na ave­vo avu­to per il fat­to di non es­se­re sta­to in­ve­sti­to da un vei­co­lo. Le stra­de, in Ita­lia, so­no dav­ve­ro mol­to pe­ri­co­lo­se. Ita­lia, che Dio ti be­ne­di­ca. Bel Pae­se ma pe­ri­co­lo­so sul­la stra­da!».

Chi vo­les­se sa­per­ne di più può vi­si­ta­re il si­to www.glis­se-rou­le.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.