C’ERA UNA VOL­TA, UN’ISO­LA

Corriere Italiano - - DA PRIMA PAGINA -

Cin­quan­ta­mi­la, cen­to­mi­la, for­se il dop­pio. La con­ta dei mor­ti del di­sa­stro­so ter­re­mo­to che il 12 gen­na­io scor­so ha col­pi­to la ca­pi­ta­le di Hai­ti, Port-au-Prin­ce, è di un’am­piez­za ta­le che di­ven­ta dif­fi­ci­le an­zi, as­sur­do, so­lo im­ma­gi­nar­la. L’Apo­ca­lis­se si è ab­bat­tu­ta su un’iso­la che non è mai sta­ta “for­tu­na­ta” da un pun­to di vi­sta sto­ri­co e po­li­ti­co, men che me­no da quel­lo geo­gra­fi­co pur es­sen­do un pae­se “ba­cia­to” dal so­le e “ac­ca­rez­za­to” dal­le ac­que ver­di dei Ca­rai­bi, qua­si a vo­ler con­fer­ma­re il fat­to che le di­sgra­zie non ven­go­no mai da so­le. Il si­sma di ma­gni­tu­do 7 del­la sca­la Ri­ch­ter (la qua­le, a dif­fe­ren­za del­la sca­la Mer­cal­li che va­lu­ta l’in­ten­si­tà del si­sma ba­san­do­si sui dan­ni ge­ne­ra­ti dal ter­re­mo­to e su va­lu­ta­zio­ni sog­get­ti­ve, ten­de a mi­su­ra­re l’ener­gia spri­gio­na­ta dal fe­no­me­no si­smi­co su ba­se pu­ra­men­te stru­men­ta­le e gli stru­men­ti han­no re­gi­stra­to un’ener­gia pa­ri a 31,6 mi­lio­ni di ton­nel­la­te di tri­to­lo - l’ener­gia di una pic­co­la bom­ba ato­mi­ca è pa­ri a 1000 ton­nel­la­te di tri­to­lo -) si è ab­bat­tu­to su uno dei Pae­si più po­ve­ri del mon­do, si­cu­ra­men­te il Pae­se più po­ve­ro del con­ti­nen­te ame­ri­ca­no do­ve ol­tre il 50% del­la po­po­la­zio­ne vi­ve con me­no di un dol­la­ro al gior­no e il 78% con me­no di 2 dol­la­ri, do­ve i di­soc­cu­pa­ti so­no ol­tre il 60% del­la po­po­la­zio­ne e do­ve la mor­ta­li­tà in­fan­ti­le (74 su 1000 bam­bi­ni) è dop­pia ri­spet­to al pae­se vi­ci­no, la Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na, do­ve il red­di­to pro-ca­pi­te an­nuo è di 560 dol­la­ri. Hai­ti è 146esi­ma nel­la li­sta di 177 Pae­si dell’In­di­ce di svi­lup­po uma­no dell’Onu (UNDP Hu­man De­ve­lo­p­ment In­dex). La Re­pub­bli­ca ca­rai­bi­ca, che oc­cu­pa la me­tà oc­ci­den­ta­le dell’iso­la di Hi­spa­nio­la (l’al­tra me­tà è oc­cu­pa­ta dal­la Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na) ha po­co più di 9 mi­lio­ni di abi­tan­ti di cui il 25% cir­ca (2,3 mi­lio­ni di abi­tan­ti) vi­ve nel­la ca­pi­ta­le do­ve, for­se, il ter­re­mo­to ha spaz­za­to via un ter­zo se non la me­tà del­la po­po­la­zio­ne. Hai­ti è un’ex co­lo­nia fran­ce­se e la più an­ti­ca re­pub­bli­ca ne­ra del mon­do, fon­da­ta da schia­vi li­be­ra­ti do­po una ri­vol­ta che por­tò all’in­di­pen­den­za nel 1804. Il Pae­se vi­ve in uno sta­to di pe­ren­ne emer­gen­za uma­ni­ta­ria. Gli scon­tri po­li­ti­ci suc­ce­du­ti­si ne­gli an­ni non si con­ta­no più. Per qua­si 30 an­ni (1957-1986) ha su­bi­to la fe­ro­ce dit­ta­tu­ra del­la fa­mi­glia Du­va­lier, “Pa­pa Doc” e “Ba­by Doc”, eco­no­mi­ca­men­te so­ste­nu­ta da­gli Usa. In tem­pi più re­cen­ti, nel 2004, è sta­to de­va­sta­to dall’ura­ga­no “Jean­ne” che cau­sò tre­mi­la mor­ti, lo stes­so an­no dei peg­gio­ri scon­tri po­li­ti­ci con tan­to di ri­vol­ta po­po­la­re, era l’epo­ca di Ari­sti­de. Da al­lo­ra è in cor­so una mis­sio­ne in­ter­na­zio­na­le dell’Onu. Nel 2008 al­tri ura­ga­ni han­no col­pi­to Hai­ti cau­san­do en­ne­si­mi lut­ti e dan­ni per mi­lio­ni di dol­la­ri. Nean­che il tem­po di ri­ti­ra­re su la te­sta, di re­spi­ra­re un po’ che Hai­ti è ri­piom­ba­ta nell’in­cu­bo, il peg­gio­re che si po­tes­se ve­ri­fi­ca­re, am­pi­fi­ca­to in ma­nie­ra ab­nor­me dal­le fra­gi­li strut­tu­re so­cia­li, dall’esi­lis­si­mo tes­su­to eco­no­mi­co, dal­le qua­si ine­si­sten­ti in­fra­strut­tu­re, che sa­reb­be­ro sta­te spaz­za­te via per mol­to me­no. So­lo una gran­de for­za d’ani­mo e l’aiu­to in­ter­na­zio­na­le di­sin­te­res­sa­to di tut­ti, no­stro com­pre­so, po­trà ri­sol­le­va­re le sor­ti di una na­zio­ne che pa­ga un da­zio trop­po al­to per la sua esi­sten­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.