COP­PIA: SCAP­PA­RE DA CHI?

Corriere Italiano - - SPORT - La vo­stra mo­ti­va­tri­ce: Ma­ria Prio­riel­lo T. 514 381-6363

Ca­ris­si­mi let­to­ri, ben tro­va­ti. Que­sta set­ti­ma­na ri­spon­dia­mo a R., un uo­mo di 52 an­ni. “Ma­ria... ti scri­vo per­ché sen­to den­tro di me for­te il ven­to del cam­bia­men­to... Mi so­no sen­ti­to con­trol­la­to ed in­sod­di­sfat­to per tan­to tem­po... so­prat­tut­to ne­gli ul­ti­mi sei an­ni. Con mia mo­glie è tut­ta una rou­ti­ne... Con la fa­mi­glia è la stes­sa co­sa. Da qual­che me­se, pe­rò, sen­to for­te la vo­glia di cam­bia­re... A con­tri­bui­re a que­sto cam­bia­men­to è sta­ta so­prat­tut­to l’ami­ci­zia di una col­le­ga più gio­va­ne di me... in­ten­si­fi­ca­ta­si nel cor­so del tem­po... di­ven­tan­do sem­pre più stret­ta. Mi ba­sta pen­sa­re a lei e tut­to sem­bra bel­lo... Sto pen­san­do an­che al­la se­pa­ra­zio­ne. Vor­rei un con­si­glio pri­ma di pren­de­re una de­ci­sio­ne de­fi­ni­ti­va...” Ca­ris­si­mo 52en­ne, co­sa vuoi che ti di­ca? Mi sem­bra di ca­pi­re che tu sia ad un in­cro­cio. Pri­ma di im­boc­ca­re nuo­ve stra­de, pe­rò, fer­ma­ti e ri­flet­ti. Spes­so, ci il­lu­dia­mo che la cau­sa di tut­te le no­stre sven­tu­re sia la per­so­na al no­stro fian­co. De­ci­dia­mo, co­sì, di an­da­re via. Quan­do, poi, an­che la nuo­va com­pa­gna di­ven­ta un’abi­tu­di­ne, e tut­to ciò che per il cer­vel­lo ini­zial­men­te è nuo­vo non lo è più, ci ren­dia­mo con­to che il pro­ble­ma non è fuo­ri, ma den­tro di noi. Io, dal mio can­to, pos­so so­lo con­si­gliar­ti di re­sta­re sve­glio e, se per ca­so ti con­fi­di con la tua nuo­va ami­ca par­lan­do ma­le di tua mo­glie, at­ten­to al­le ma­ni­po­la­zio­ni. Ri­cor­da che du­ran­te il cam­bia­men­to si è vul­ne­ra­bi­li. Il mio con­si­glio è quel­lo di fer­mar­ti e di ap­pro­fit­ta­re di que­sti mo­men­ti. Re­sta da so­lo e fa’ un buon la­vo­ro in­tro­spet­ti­vo, ma­ga­ri fa­cen­do­ti aiu­ta­re da un esper­to. So­lo co­sì fa­cen­do, il tuo mo­men­to di cam­bia­men­to ti por­te­rà ver­so una cre­sci­ta per­so­na­le. In­ve­ce di scap­pa­re, vai den­tro di te e cer­ca di ca­pi­re co­sa ti sta suc­ce­den­do. D’al­tron­de la rou­ti­ne l’hai crea­ta an­che tu. So­lo in se­gui­to po­trai sce­glie­re con con­sa­pe­vo­lez­za se re­sta­re con tua mo­glie o cam­bia­re. Sii tu a sce­glie­re, af­fin­ché nes­sun pen­ti­men­to pos­sa as­sa­lir­ti in fu­tu­ro, quan­do, or­mai an­zia­no, vor­re­sti es­se­re la­scia­to in pa­ce per vi­ve­re pie­na­men­te la tua esi­sten­za ed in­ve­ce, a cau­sa di una even­tua­le scel­ta sba­glia­ta, do­vrai re­go­la­re pro­ble­mi che non ti ap­par­ten­go­no. Sce­gli per il tuo be­nes­se­re. Sii for­te. Stac­ca­ti e ri­flet­ti. Au­gu­ran­do­ti buo­na ri­fles­sio­ne, ti sa­lu­to e, con te, sa­lu­to tut­ti voi ca­ris­si­mi let­to­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.