16 ot­to­bre 1943, una da­ta da non di­men­ti­ca­re

ITA­LO E JULIA CA­ME­RI­NO RAC­CON­TA­NO LA STO­RIA DEL PA­DRE EN­ZO, DEPORTATO NEI CAM­PI DI CON­CEN­TRA­MEN­TO NA­ZI­STI

Corriere Italiano - - IN PRIMO PIANO -

En­zo ave­va so­lo 14 anni quan­do il 16 ot­to­bre 1943 i na­zi­sti bus­sa­ro­no al­la por­ta di ca­sa Ca­me­ri­no, a Ro­ma, per da­re vi­ta al più gran­de ra­strel­la­men­to di ebrei ro­ma­ni. Fu­ro­no cir­ca un mi­glia­io ad es­se­re de­por­ta­ti nei cam­pi di con­cen­tra­men­to. Di es­si ne tor­na­ro­no in­die­tro sol­tan­to 16 tra cui En­zo che poi nel 1957 emi­grò con la sua fa­mi­glia a Mon­treal.

158.509. «Pa­pà, cosa so­no quei nu­me­ri sul brac­cio?» «Nien­te, so­no nu­me­ri di te­le­fo­no!».

Co­min­cia co­sì l’in­con­tro con Ita­lo e Julia Ca­me­ri­no che, in oc­ca­sio­ne del­la “Gior­na­ta del­la me­mo­ria e dell’Olo­cau­sto” (fis­sa­ta al 27 gen­na­io per­ché in quel gior­no del 1945 le trup­pe rus­se li­be­ra­ro­no il cam­po di con­cen­tra­men­to di Au­sch­wi­tz de­cre­tan­do­ne la fi­ne), han­no rac­con­ta­to, pres­so l’Isti­tu­to Ita­lia­no di Cul­tu­ra di Mon­treal, la tra­gi­ca espe­rien­za vis­su­ta dal pa­dre.

«Era­va­mo pic­co­li, non sa­pe­va­mo nul­la di quel­la sto­ria per­ché lui non ne par­lò mai fi­no ad una de­ci­na di anni fa.

No­stro pa­dre – rac­con­ta­no i fi­gli era una per­so­na mol­to po­si­ti­va. Non ha mai par­la­to ma­le dei te­de­schi, al mas­si­mo di­ce­va lo­ro qual­che pa­ro­lac­cia quan­do ve­de­va dei film di guer­ra, ma non più di quel­lo! Non era un ti­po che rac­con­ta­va spon­ta­nea­men­te le co­se, an­co­ra me­no le co­se “brut­te”. Per lui di “brut­to” c’era so­lo la fa­me. A ca­sa no­stra non po­te­va­mo ave­re il fri­go­ri­fe­ro vuo­to. Ci di­ce­va sem­pre: “Man­gia, man­gia!”. Ama­va mol­to sta­re a ta­vo­la in com­pa­gnia.

Quan­do quel­la mat­ti­na del 16 ot­to­bre bus­sa­ro­no al­la por­ta del­la ca­sa in via­le del­le Milizie, mio pa­dre e la sua fa­mi­glia pen­sa­va­no che fos­se un con­trol­lo da par­te dei fa­sci­sti al­la ri­cer­ca di ar­mi o al­tre co­se, in­ve­ce c’era­no gli SS te­de­schi. No­stro pa­dre vo­le­va scap­pa­re ma il fra­tel­lo Lu­cia­no, di due anni più gran­de, dis­se che sa­reb­be sta­to me­glio ri­ma­ne­re in­sie­me per­ché non vo­le­va se­pa­rar­si dai ge­ni­to­ri.

“Pen­sa­vo – rac­con­ta­va En­zo – che ci avreb­be­ro por­ta­ti in un cam­po di lavoro”. In­ve­ce fu­ro­no av­via­ti ver­so i va­go­ni del treno, de­sti­na­zio­ne Au­schi­wi­tz: i ge­ni­to­ri, i due fra­tel­li, la so­rel­la più gran­de e uno zio».

In­die­tro, nel giu­gno 1945, tor­na­ro­no so­lo En­zo e il fra­tel­lo Lu­cia­no. En­zo fu rin­chiu­so ad Au­sch­wi­tz, poi fu man­da­to a Bir­ke­nau, do­ve riu­scì an­che a far­si ben­vo­le­re dai te­de­schi per­ché ave­va det­to che ave­va im­pa­ra­to a fa­re il bar­bie­re, poi nel­la mi­nie­ra di Ja­wi­scho­wi­tz a rac­co­glie­re il car­bo­ne a 400 me­tri di pro­fon­di­tà ed in­fi­ne a Bu­che­n­wald da do­ve, in­sie­me al fra­tel­lo, riu­scì a fug­gi­re per poi ri­tor­na­re a Ro­ma».

Co­me mai emi­grò pro­prio a Mon­treal?

«La si­tua­zio­ne in Ita­lia era dif­fi­ci­le e no­stro pa­dre cer­ca­va mi­glio­ri op­por­tu­ni­tà di lavoro. Pa­pà e mam­ma, Sil­va­na Pon­te­cor­vo, che riu­scì a sal­var­si dal­la re­ta­ta del 1943 so­lo per­ché la sua fa­mi­glia, per pu­ro ca­so, non era iscrit­ta all’elen­co del­la Si­na­go­ga di Ro­ma, elen­co sul qua­le si ba­sa­ro­no i te­de­schi per or­ga­niz­za­re il ra­strel­la­men­to, si spo­sa­ro­no nel 1951. Ve­ra­men­te – spie­ga Ita­lo che è na­to a Ro­ma nel 1952, ha tre fi­gli e at­tual­men­te è com­mer­cian­te di tes­su­ti - do­ve­va­no an­da­re a New York per­ché pa­pà ave­va dei cu­gi­ni ma in quel mo­men­to l’emi­gra­zio­ne era chiu­sa e le al­ter­na­ti­ve era­no l’Au­stra­lia, giu­di­ca­ta trop­po lon­ta­na, e il Ca­na­da. Ar­ri­vam­mo ad Ha­li­fax e poi da lì in treno a Mon­treal. Era il 1957. Mio pa­dre la­vo­rò per la ca­te­na di fer­ra­men­ta “Pa­scal” e poi, sal­vo una bre­ve pa­ren­te­si nel 1961 in cui ri­tor­nam­mo a Ro­ma - mia ma­dre sof­fri­va di no­stal­gia - si mi­se in pro­prio e aprì un ne­go­zio di ar­ti­co­li per la ca­sa nel­la zo­na di Parc Ex­ten­sion che ge­stì fi­no al­la pen­sio­ne».

Per­ché pa­pà co­min­ciò a par­la­re del­la sua tra­gi­ca espe­rien­za so­lo in tar­da età?

«Do­po la mor­te di mam­ma – spie­ga Julia che in­ve­ce è na­ta a Mon­treal, ha una fi­glia e la­vo­ra co­me im­pie­ga­ta per

(Fo­to Fa­bri­zio In­tra­va­ia)

Julia e Ita­lo Ca­me­ri­no, fi­gli di En­zo

(Fo­to Ita­lo Ca­me­ri­no)

“Il mio no­me è 158509”. En­zo Ca­me­ri­no, tor­na­to ad Au­sch­wi­tz nel 2005 mo­stra il nu­me­ro di pri­gio­nie­ro ta­tua­to dai na­zi­sti sull’avam­brac­cio

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.