Una pas­sio­ne chia­ma­ta fo­to­gra­fia

Corriere Italiano - - IN PRIMO PIANO/L’INTERVISTA - F. I.

Ol­tre ad es­se­re un bril­lan­te ri­cer­ca­to­re Andrea Paolella è an­che un ot­ti­mo fo­to­gra­fo. Al suo at­ti­vo ci so­no di­ver­si li­bri e di­ver­se col­la­bo­ra­zio­ni im­por­tan­ti. Due gran­di pas­sio­ni, la scien­za e la fo­to­gra­fia, che col­ti­va e che por­ta avan­ti con ugua­le de­ter­mi­na­zio­ne. La sua non è una fo­to­gra­fia ba­na­le, è una fo­to­gra­fia di im­pe­gno so­cia­le, di ri­fles­sio­ne, di de­nun­cia, di sco­per­ta.

«Per me la fo­to­gra­fia – af­fer­ma Andrea - è un an­ti­stress. Ho ini­zia­to a far­la con Va­sco Asco­li­ni, un fo­to­gra­fo ec­ce­zio­na­le, an­che lui di Reg­gio Emi­lia, men­tre stu­dia­vo all’uni­ver­si­tà. Poi a Bo­lo­gna ho fo­to­gra­fa­to le ca­se co­lo­ni­che in ro­vi­na, un te­ma per me cru­cia­le: la fi­ne del­la ci­vil­tà con­ta­di­na in Emi­lia. Ho la­vo­ra­to con il Co­mu­ne di Reg­gio Emi­lia e con la CGIL per fa­re dei re­por­ta­ge sull’im­mi­gra­zio­ne, sul con­tri­bu­to dei mi­gran­ti al pro­ces­so pro­dut­ti­vo dei pro­dot­ti ti­pi­ci emi­lia­ni co­me il pro­sciut­to, il par­mi­gia­no, il Lam­bru­sco, ecc.. Tut­ta la fi­lie­ra pro­dut­ti­va era ed è sup­por­ta­ta dai mi­gran­ti che in tal mo­do so­no di­ven­ta­ti par­te in­te­gran­te del no­stro DNA». A ta­le pro­po­si­to so­no sta­ti pub­bli­ca­ti due li­bri:”Sen­za Orien­te Nes­sun Oc­ci­den­te” e “Que­sti qui”.

Poi ho col­la­bo­ra­to con Pao­lo Bo­lo­gne­si, pre­si­den­te dell’ “As­so­cia­zio­ne 2 ago­sto 1980”, da­ta che si ri­fe­ri­sce al­la stra­ge del­la sta­zio­ne di Bo­lo­gna; ho fo­to­gra­fa­to la sta­zio­ne e la sa­la d’aspet­to 30 anni do­po». Ne è usci­to un li­bro in­ti­to­la­to “La stra­ge dei trent’anni”.

«Poi ho la­vo­ra­to a va­ri al­tri pro­get­ti tra cui quel­lo di fa­re dei ri­trat­ti dei più gran­di re­gi­sti ita­lia­ni, da Ber­to­luc­ci a Liz­za­ni, da Fran­ce­sco Ro­si ai fra­tel­li Ta­via­ni, che pe­rò è an­co­ra ine­di­to per­ché so­no par­ti­to per Mon­treal e la mia car­rie­ra di fo­to­gra­fo ha su­bi­to un’in­ter­ru­zio­ne! Ma di pro­get­ti ne ho in men­te al­tri tra cui uno che ri­guar­da pro­prio gli ita­lia­ni di Mon­treal».

In at­te­sa di sa­pe­re se da “gran­de” fa­rà più lo scen­zia­to che il fo­to­gra­fo o an­che tut­te e due le co­se, Andrea ci sa­lu­ta di­cen­do: «So­no con­ten­to di fa­re la ri­cer­ca scien­ti­fi­ca per­ché mi dà gran­di sod­di­sfa­zio­ni. Io ci met­to tan­ta pas­sio­ne; la ri­cer­ca a vol­te fun­zio­na, a vol­te no ma bi­so­gna per­se­ve­ra­re. Non è so­lo que­stio­ne di sti­pen­dio, io vo­glio por­ta­re a ca­sa dei ri­sul­ta­ti e cer­ca­re di es­se­re uti­le!»

«Que­ste im­ma­gi­ni – spie­ga il suo au­to­re Andrea Paolella - ri­guar­da­no un pro­get­to fo­to­gra­fi­co rea­liz­za­to tra il 2007 e il 2010 sul­le cam­pa­gne emi­lia­ne tra la Via Emi­lia e il Po. Le tre fo­to fan­no par­te di un ar­chi­vio di ol­tre die­ci­mi­la im­ma­gi­ni. Ho cer­ca­to di rac­co­glie­re prin­ci­pal­men­te im­ma­gi­ni di ca­se co­lo­ni­che ab­ban­do­na­te: ca­se che ora non esi­sto­no piu per­ché di­strut­te dal tem­po o dal­la spe­cu­la­zio­ne. L’Emi­lia era una ter­ra con­ta­di­na e ha cer­ca­to re­cen­te­men­te di di­ven­ta­re una ter­ra fi­nan­zia­ria ma ha fal­li­to. Ora non è più né l’una né l’al­tra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.