Fa­mi­glia o non fa­mi­glia?

Corriere Italiano - - COMUNITÀ - Ma­ria PRIORIELLO

LA LET­TE­RA

Si par­la spes­so di fa­mi­glia, di ri­spet­to... So­no giovane e spe­ro di po­ter os­ser­va­re al­tre fa­mi­glie. Quel­le che ho fre­quen­ta­to fi­no­ra non so­no si­cu­ra­men­te mo­del­li di mo­ti­va­zio­ne al ma­tri­mo­nio. Al con­tra­rio, in es­se, ho ri­scon­tra­to: in­vi­dia, ge­lo­sia, in­di­vi­dua­li­smo e sfrut­ta­men­to tra fra­tel­li. Pen­si che in me pos­sa na­sce­re an­co­ra il de­si­de­rio di for­ma­re una fa­mi­glia?

LA RI­SPO­STA

Per for­tu­na ge­lo­sia, in­vi­dia e in­di­vi­dua­li­smo non so­no ma­lat­tie con­ta­gio­se, al­tri­men­ti ci sa­reb­be un’epi­de­mia to­ta­le. È an­che ve­ro, pe­rò, che ab­bia­mo bi­so­gno di mo­del­li e i mem­bri del­la fa­mi­glia so­no le pri­me per­so­ne con le qua­li ab­bia­mo con­tat­to. Se mal­sa­ne, pos­so­no in­flui­re ne­ga­ti­va­men­te sul no­stro ca­rat­te­re, so­prat­tut­to quan­do il lo­ro di­re di­sta ocea­ni dal fa­re. L’am­bien­te, in­fat­ti, è una del­le tre par­ti fon­da­men­ta­li per la for­ma­zio­ne del ca­rat­te­re dell’es­se­re uma­no. Ol­tre all’ere­di­ta­rie­tà e all’am­bien­te, c’è l’in­di­vi­dua­li­tà che per­met­te a chiun­que di met­ter­si al ti­mo­ne del­la pro­pria vi­ta e con­dur­la ver­so le am­bi­te me­te dell’IO. Non so quan­ti anni tu ab­bia, co­mun­que ri­ten­go che, poi­ché pron­ta per le do­man­de, tu sia ca­pa­ce an­che di ri­ce­ve­re le ri­spo­ste dall’Uni­ver­so, ma­ga­ri, fa­cen­do at­ten­zio­ne al­la di­re­zio­ne del tuo sguar­do. Spo­sar­si non è una pre­scri­zio­ne me­di­ca da ac­cet­ta­re sen­za in­du­gio per gua­ri­re e non è nem­me­no la so­lu­zio­ne per tut­te le pro­ble­ma­ti­che dell’esi­sten­za. Sia­mo sta­ti crea­ti liberi. Di­re vi­ta è di­re li­ber­tà, di­re li­ber­tà è di­re re­spon­sa­bi­li­tà e, in­fi­ne, di­re re­spon­sa­bi­li­tà è di­re scel­ta. Fi­no a quan­do ter­rai lo sguar­do su­gli al­tri, non avrai il tem­po ne­ces­sa­rio per guar­da­re den­tro di te e sa­pe­re cosa vo­glia ve­ra­men­te il tuo IO in­te­rio­re. Sup­pon­go, pe­rò, che tu mi ab­bia scrit­to per­ché, nel­la pro­fon­di­tà di te stes­sa, spo­sar­ti è ciò che vor­re­sti, ma la pau­ra di sba­glia­re ti por­ta a scru­ta­re gli al­tri per giu­sti­fi­ca­re il tuo non agi­re. Cer­chi una sto­ria si­cu­ra, af­fin­ché es­sa ti spin­ga ver­so la co­stru­zio­ne di un’even­tua­le fa­mi­glia. In que­sto me­ra­vi­glio­so Uni­ver­so, pe­rò, non c’è nien­te di si­cu­ro (e for­se è bel­lo pro­prio per que­sto), ad ec­ce­zio­ne del mo­men­to pre­sen­te ed il ri­spet­to per noi stes­si e per gli al­tri. Met­ti­ti all’ascol­to del tuo IO in­te­rio­re e, sen­za l’of­fu­sca­men­to del­la pau­ra, im­pa­ra a sa­per­lo ascol­ta­re con umil­tà ed Amo­re; una vol­ta che sa­re­te di­ven­ta­ti ami­ci, sii si­cu­ra che si con­fi­de­rà con te e lo co­no­sce­rai. Ac­cet­ta­lo e ri­spet­ta­lo, co­sì co­me è, per­ché, a tua in­sa­pu­ta, è qui per com­pie­re la sua uni­ca e gran­de ope­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.