I ma­la­ti pri­ma di tut­to

INTERVISTA CON SUOR PIERRE-ANNE MAN­DA­TO, DI­RET­TRI­CE GENERALE DELL’OSPE­DA­LE MARIE-CLARAC

Corriere Italiano - - IN PRIMO PIANO - Fa­bri­zio In­tra­va­ia

Il 7 di­cem­bre scor­so si è te­nu­to, pres­so il cen­tro Leo­nar­do da Vin­ci, un con­cer­to a be­ne­fi­cio del­la Fon­da­zio­ne dell’Ospe­da­le Marie-Clarac. Lo spet­ta­co­lo ha per­mes­so di rac­co­glie­re la som­ma di più di 32 000$ che ser­vi­ran­no a con­tri­bui­re al mi­glio­ra­men­to del­le sue strut­tu­re.

Suor Man­da­to, di co­sa ha bi­so­gno l’ospe­da­le?

«So­prat­tut­to di rin­no­va­re al­cu­ne sue at­trez­za­tu­re. Il no­stro – spie­ga la sua di­ret­tri­ce - è un ospe­da­le per la ria­bi­li­ta­zio­ne dei ma­la­ti, cioè per co­lo­ro che aven­do su­bi­to un’ope­ra­zio­ne han­no bi­so­gno di cu­re spe­ci­fi­che co­me fi­sio­te­ra­pia, er­go­te­ra­pia, idro­te­ra­pia e al­tro an­co­ra. Sia­mo un ospe­da­le di “se­con­da li­nea”, non di pri­ma, co­me gli ospe­da­li ge­ne­ra­li, per cui il bud­get è li­mi­ta­to e dob­bia­mo sop­pe­ri­re ai no­stri bi­so­gni cer­can­do al­tre fon­ti di fi­nan­zia­men­to. In que­sto l’ope­ra del­la Fon­da­zio­ne è fon­da­men­ta­le. Cer­to, con 32.000$ ag­giun­ge - non pos­sia­mo fa­re mol­to ma que­sta som­ma con­tri­bui­rà a rag­giun­ge­re l’obiet­ti­vo che si è pre­fis­sa­ta la Fon­da­zio­ne: rac­co­glie­re cir­ca 150 000$ l’an­no per le va­rie esi­gen­ze dell’ospe­da­le. In que­sto ci aiu­te­rà an­che il cock­tail in pro­gram­ma il 26 apri­le.

Ab­bia­mo ne­ces­si­tà di aver del­le nuo­ve se­die a ro­tel­le più con­for­te­vo­li per il tra­spor­to dei no­stri pa­zien­ti, stia­mo do­tan­do le no­stre stan­ze di ba­gni in mo­do che i ri­co­ve­ra­ti non deb­ba­no at­tra­ver­sa­re i cor­ri­doi per an­dar­ci, e di al­tre at­trez­za­tu­re elet­tro­ni­che per fa­vo­ri­re la ria­dat­ta­zio­ne del pa­zien­te. Poi ab­bia­mo “L’Oa­si di Pa­ce”, il pa­di­glio­ne per le cu­re pal­lia­ti­ve dei ma­la­ti in fa­se ter­mi­na­le, vo­glia­mo of­fri­re al­tri ser­vi­zi che pos­sa­no aiu­ta­re ad al­le­via­re le sof­fe­ren­ze del ma­la­to o aiu­ta­re le fa­mi­glie a so­ste­ne­re me­glio i pro­pri ca­ri. Ciò che im­por­ta è che il de­si­de­rio di mi­glio­ra­re i no­stri ser­vi­zi sia sem­pre pre­sen­te, che il ma­la­to sia al cen­tro del­le no­stre pre­oc­cu­pa­zio­ni».

Quan­ti po­sti let­to ha l’ospe­da­le?

Ce ne so­no 192, pra­ti­ca­men­te tut­ti oc­cu­pa­ti men­tre “L’Oa­si di pa­ce” è do­ta­ta di 36 let­ti, tut­ti oc­cu­pa­ti. Nel­le due strut­tu­re ci la­vo­ra­no ci­ra 400 per­so­ne tra me­di­ci, in­fer­mie­ri e per­so­na­le va­rio e ab­bia­mo un buon nu­me­ro di pa­zien­ti d’ori­gi­ne ita­lia­na, mol­to con­ten­ti quan­do sen­to­no par­la­re la no­stra lin­gua.

“L’Oa­si” di pa­ce” - con­ti­nua Suor Man­da­to– è un po’ il mio “te­so­ro”, è sta­ta la rea­liz­za­zio­ne di un so­gno, quel­lo di of­fri­re un luo­go se­re­no do­ve ac­com­pa­gna­re i ma­la­ti ter­mi­na­li ver­so il pas­sag­gio più dif­fi­ci­le da com­pie­re. Per­ché si par­la tan­to di aiu­to me­di­co a mo­ri­re? - si chie­de Suor Man­da­to. Per­ché la gen­te vuol mo­ri­re? Per­ché – è la sua ri­spo­sta - non ha un ve­ro “ac­com­pa­gna­men­to” in que­sto pas­sag­gio de­li­ca­to. Ma quan­do le per­so­ne so­no ben ac­com­pa­gna­te, quan­do so­no cir­con­da­te da te­ne­rez­za, com­pas­sio­ne, dall’amo­re dei pro­pri fa­mi­lia­ri, quan­do ven­go­no con­for­ta­te spi­ri­tual­men­te e uma­na­men­te se ne van­no poi più se­re­ne; se ci fos­se­ro più cen­tri di que­sto ti­po la gen­te non chie­de­reb­be più di mo­ri­re».

Si par­la tan­to di ta­gli al set­to­re del­la sa­ni­tà. Com’è la si­tua­zio­ne al Marie-Clarac?

«In generale so­no con­ten­ta di co­me van­no le co­se per noi. Cer­to, non è fa­ci­le. Il bud­get è quel­lo che è, ne­gli ul­ti­mi an­ni ab­bia­mo do­vu­to far fron­te a di­ver­si ta­gli che ci han­no co­stret­to a ri­ve­de­re al­cu­ne si­tua­zio­ni (ad esem­pio, nel di­cem­bre scor­so, a cau­sa del­le dif­fi­col­tà fi­nan­zia­rie l’ospe­da­le ha do­vu­to chiu­de­re la sua cli­ni­ca ester­na di fi­sio­te­ra­pia, n.d.r.) ma mai a di­sca­pi­to dei ser­vi­zi. No­no­stan­te que­sto il Mi­ni­ste­ro del­la Sa­lu­te ha col­la­bo­ra­to mol­to con noi e lo stes­so Mi­ni­stro Bar­ret­te è ve­nu­to due vol­te a ve­de­re il Cen­tro per i ma­la­ti ter­mi­na­li e sen­za la sua fi­du­cia non sa­rem­mo ar­ri­va­ti a fa­re quel­lo che fac­cia­mo og­gi. È ov­vio, si può sem­pre mi­glio­ra­re, ma sem­pre nell’in­te­res­se dei no­stri ma­la­ti!».

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.