Pace, amo­re e ... vi­va l’Italia!

Corriere Italiano - - IN PRIMO PIANO - Te­sto e foto Fa­bri­zio In­tra­va­ia

Na­ta l’11 ago­sto del 1938 a Ca­va­so del Tom­ba, un pae­si­no del­la pro­vin­cia di Tre­vi­so, pro­ve­nien­te da una fa­mi­glia nu­me­ro­sa di mon­ta­na­ri, An­gio­la Riz­zar­do, que­sto il suo ve­ro no­me, è ar­ri­va­ta in Que­bec nel 1955, a so­li 17 an­ni. Due an­ni più tar­di, nel 1957, en­tra nel­la co­mu­ni­tà re­li­gio­sa di No­tre-Da­me-du-Bon-Con­seil con il no­me di Suor Angèle. Im­pa­ra il fran­ce­se all’ospe­da­le Hô­tel-Dieu ed ini­zia a la­vo­ra­re ed as­si­ste­re gli im­mi­gra­ti e i più po­ve­ri. Nel 1971 ot­tie­ne la sua li­cen­za per in­se­gna­re l’ali­men­ta­zio­ne e l’ar­te cu­li­na­ria e mol­ti­pli­ca le sue espe­rien­ze pro­fes­sio­na­li di­ven­tan­do con­fe­ren­zie­ra, ani­ma­tri­ce e cro­ni­sta te­le­vi­si­va, scrit­tri­ce di li­bri e tan­to al­tro an­co­ra. Nel 2008 vie­ne per­fi­no crea­to, in suo ono­re, “Le Soeur Angèle”, un for­mag­gio a pa­sta mol­le.

Vivo nel­la co­mu­ni­tà del­le Suo­re del Buon Con­si­glio di Mon­treal ma den­tro di me re­sto pro­fon­da­men­te ita­lia­na, su que­sto non si scher­za, le no­stre radici so­no im­por­tan­ti.

Suo­rAn­gè­le, co­me ha fatt­to a pas­sa­re at­tra­ver­so tut­ti que­sti an­ni in ma­nie­re co­sì se­re­na?

«Per­ché mi so­no “ab­ban­do­na­ta” al­le at­ti­vi­tà di tut­ti i gior­ni. Fac­cio tan­te co­se: la te­le­vi­sio­ne, la cu­ci­na, cer­co di aiu­ta­re le per­so­ne po­ve­re, i bambini e le fa­mi­glie più bi­so­gno­se e pen­so che la co­sa più im­por­tan­te è quel­la di es­se­re pre­sen­ti e di “re­ga­la­re” a tut­te que­ste per­so­ne un sor­ri­so, un po’ d’umo­re, di gio­ia, d’al­le­gria, que­sta è un po’ la mia fi­lo­so­fia. Cer­to, ci vuo­le tan­ta ener­gia e tan­ta vo­lon­tà ma io so­no fe­li­ce quan­do fac­cio tut­to que­sto. La vi­ta nes­su­no la fa al po­sto mio, so­no io che de­vo fa­re la mia vi­ta. So­no in Que­bec da 62 an­ni e da 60 an­ni so­no suo­ra.

Og­gi non por­ta l’abi­to da suo­ra ma quel­lo da chef ...

«Sì, so­no qui con la di­vi­sa del­la “So­cié­té des Chefs, Cui­si­niers & Pa­tis­siers du Qué­bec”. In ef­fet­ti so­no tan­ti an­ni che la­vo­ro in que­sto set­to­re; ho in­se­gna­to per 16 an­ni all’In­sti­tut de tou­ri­sme et d’hô­tel­le­rie du Qué­bec, ho aper­to il Cen­tro di ri­cer­ca del­la ga­stro­no­mia all’Isti­tu­to, ho fat­to e fac­cio del­le con­fe­ren­ze, ho scrit­to dei li­bri di ri­cet­te, ho fat­to del­le tra­smis­sio­ni te­le­vi­si­ve de­di­ca­te al­la ga­stro­no­mia. La cu­ci­na, so­prat­tut­to quel­la ita­lia­na, è una pas­sio­ne, ho pre­pa­ra­to mi­glia­ia di piat­ti e la cu­ci­na è la co­sa più im­por­tan­te del mon­do an­che per­ché chi man­gia be­ne vi­ve be­ne».

Il Signore mi ha chia­ma­to dall’Italia per ve­nir e nel Que­bec

Qua­li so­no i suoi piat­ti pre­fe­ri­ti?

«Quel­li più sem­pli­ci, che so­no i più sa­ni e na­tu­ra­li. E poi, ov­via­men­te, la cu­ci­na ita­lia­na. Sto ul­ti­man­do un li­bro, che usci­rà al­la fi­ne di mar­zo, che par­la del­la cu­ci­na tre­vi­sa­na, del­la cu­ci­na del­la mia mam­ma. È un mo­do per dir­le “gra­zie” per tut­to quel­lo che mi ha re­ga­la­to nel­la vi­ta».

«No per­ché ci va­do spes­so. In­fat­ti, in oc­ca­sio­ne dei 375 an­ni di Mon­treal, stan­no pre­pa­ran­do un re­por­ta­ge su di me e sull’Italia nel Que­bec e al­cu­ne ri­pre­se sa­ran­no fat­te pro­prio in Italia».

In un pe­rio­do di cri­si dei va­lo­ri re­li­gio­si che con­si­glio può da­re ai gio­va­ni di og­gi?

«Pos­so di­re ai non­ni di par­la­re con i lo­ro ni­po­ti, di par­la­re del Signore. Tut­ti han­no pau­ra di par­la­re di Dio, in­ve­ce de­vo­no far­lo, nel­le scuo­le non si par­la più di que­ste co­se e se a que­sti bambini nes­su­no glie­ne par­la non co­no­sce­ran­no mai cer­ti va­lo­ri po­si­ti­vi di fra­ter­ni­tà, di amo­re, di ri­spet­to de­gli al­tri, di so­li­da­rie­tà. Man­ca la fede, man­ca l’amo­re nel cuo­re. Tut­ti si oc­cu­pa­no trop­po del­le co­se ma­te­ria­li e ciò non è buo­no per­ché so­no co­se vuo­te, pri­ve di un ve­ro va­lo­re. Il mio so­gno è ve­de­re la pace nel mon­do! Al­lo­ra vi au­gu­ro pace, amo­re e ... vi­va l’Italia!»

Suor Angèle ringrazia i pre­sen­ti al­la se­ra­ta in ono­re dei suoi 60 an­ni di vi­ta re­li­gio­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.