Edi­to­ria­le

Vertical (Italian) - - SOMMARIO - Clau­de Gar­dien

Ci so­no mon­ta­gne che eser­ci­ta­no un fa­sci­no par­ti­co­la­re sul no­stro im­ma­gi­na­rio. Il Fitz Roy è uno di que­sti mo­stri sa­cri, un mo­stro di gra­ni­to e di ghiac­cio. La sua for­ma slan­cia­ta ed im­po­nen­te sbia­di­sce so­lo quan­do le tem­pe­ste pro­ve­nien­ti dal Pa­ci­fi­co si ab­bat­to­no sul­le ter­re au­stra­li. A 49° di la­ti­tu­di­ne sud, que­sto pic­co al­to ap­pe­na 3.405 me­tri si in­nal­za nel­la zo­na che i ma­ri­nai chia­ma­no i «Qua­ran­ta rug­gen­ti». Qual­cu­no di­rà che non gli man­ca mol­to per far par­te dei «Cin­quan­ta ur­lan­ti», sen­za riu­sci­re a de­ci­de­re co­sa sia più terribile, se gli ur­li o i rug­gi­ti. La co­sa im­por­tan­te per noi al­pi­ni­sti è es­se­re co­scien­ti che il Fitz Roy com­pen­sa am­pia­men­te l'al­ti­tu­di­ne con la la­ti­tu­di­ne. Bi­so­gna inol­tre te­ne­re con­to del­le di­men­sio­ni di al­cu­ne del­le sue pa­re­ti: al­ta 1200 me­tri, la pa­re­te est è 300 me­tri più bas­sa del­la pa­re­te nord e 400 del­la pa­re­te ove­st. Le ascen­sio­ni del Fitz Roy so­no sta­te ra­re, a causa dell’iso­la­men­to ma so­prat­tut­to del­le tem­pe­ste che con­fi­na­va­no per set­ti­ma­ne gli al­pi­ni­sti all’in­ter­no di ca­pan­ne umi­de e ru­di­men­ta­li. Per al­cu­ni que­sto non ha fat­to che au­men­ta­re l’at­tra­zio­ne per que­ste mon­ta­gne, al­tri se ne so­no an­da­ti per mai più ri­tor­na­re. Og­gi tut­to è cam­bia­to, le pre­vi­sio­ni me­teo so­no di­ven­ta­te pre­ci­se e af­fi­da­bi­li e or­mai si può par­la­re di ra­gio­ne­vo­li pos­si­bi­li­tà di suc­ces­so sul­le mon­ta­gne del­la Pa­ta­go­nia. Il sog­gior­no nel vil­lag­gio di El Chal­ten, svi­lup­pa­to­si in que­sti ul­ti­mi an­ni ap­po­si­ta­men­te per for­ni­re ser­vi­zi ai viag­gia­to­ri, è di­ven­ta­to mol­to ri­cer­ca­to da­gli ha­bi­tué, che vi tra­scor­ro­no le va­can­ze esat­ta­men­te come al­tri scel­go­no Cha­mo­nix. Le vie e le re­la­ti­ve dif­fi­col­tà so­no ben re­cen­si­te e gli sca­la­to­ri, an­che gra­zie al ma­te­ria­le leg­ge­ro ed ef­fi­ca­ce, so­no di­ven­ta­ti più ve­lo­ci: og­gi è pos­si­bi­le ap­pro­fit­ta­re del­le fi­ne­stre di bel tem­po an­che per chi è po­co «ac­cli­ma­ta­to» al­le ru­di leg­gi del cli­ma lo­ca­le. Il Fitz Roy è co­sì en­tra­to a far par­te dei pro­get­ti di un nu­me­ro sem­pre mag­gio­re di al­pi­ni­sti. Quan­do leg­ge­re­te que­ste ri­ghe, avrò la­scia­to Ver­ti­cal. A vol­te il richiamo del­le mon­ta­gne è im­pe­rio­so. At­ti­tu­di­ne ver­ti­cal(e)…

Fo­to Ralf Gan­tz­horn.

Il Fitz Roy ha da­to il suo no­me te­huel­che a El Chal­ten, la Cha­mo­nix del­la Pa­ta­go­nia.

Newspapers in Italian

Newspapers from France

© PressReader. All rights reserved.