Del ve­sti­re, dell’abi­ta­re

AD (Italy) - - Storie. Laconversazione - di FRAN­CE­SCO BONAMI

For­na­set­ti vuol di­re de­si­gn d’in­ter­ni. Va­len­ti­no è mo­da per def­ni­zio­ne. As­sie­me, i due mar­chi han­no da­to vi­ta a una col­la­bo­ra­zio­ne inau­gu­ra­ta qual­che settimana fa a New York con una mo­stra e una sfla­ta nel pa­laz­zo che fu il Whit­ney Mu­seum – e de­sti­na­ta a ri­pro­por­si a mar­zo a Pa­ri­gi, quan­do il Mu­sée des Arts Dé­co­ra­tifs ospi­te­rà una re­tro­spet­ti­va sull’ar­ti­sta di cui gli sti­li­sti del­la Mai­son, Maria Gra­zia Chiu­ri e Pier Pao­lo Pic­cio­li, sa­ran­no spon­sor. Ce­le­bra­ta da mol­ti, non esen­te da cri­ti­che di al­cu­ni pu­ri­sti, l’operazione se­gna un pas­sag­gio im­por­tan­te nel­la lun­ga sto­ria de­gli intrecci tra mo­da e de­si­gn, che mol­to ci dice di un cer­to gu­sto d’og­gi per la de­co­ra­zio­ne: nel ve­sti­re, nell’ar­re­da­re. Do­ve sta il pun­to di con­tat­to fra di voi e tra le vo­stre crea­zio­ni? Pier Pao­lo Pic­cio­li: «Per me sta nel­la tra­di­zio­ne culturale ri­na­sci­men­ta­le del­le bot­te­ghe dell’ar­te. Il le­ga­me in­trin­se­co fra il pro­get­to e la sua ese­cu­zio­ne è un ap­proc­cio che ap­par­tie­ne al­la no­stra memoria ar­ti­sti­ca e che fa di Va­len­ti­no e For­na­set­ti due real­tà ti­pi­ca­men­te ita­lia­ne. La qua­li­tà dell’ese­cu­zio­ne, le­ga­ta al­la ma­nua­li­tà e all’ar­ti­gia­na­li­tà, ren­de l’idea uni­ca. An­che l’ap­proc­cio este­ti­co, uti­liz­zan­do ele­men­ti del­la tra­di­zio­ne o co­mun­que no­ti in ma­nie­ra non con­ven­zio­na­le, rac­con­ta una memoria este­ti­ca ita­lia­na che di­ven­ta se­gno iden­ti­f­ca­ti­vo per og­get­ti che par­la­no di con­tem­po­ra­nei­tà». Bar­na­ba For­na­set­ti: «Il pun­to di unio­ne più for­te è che en­tram­bi com­bat­tia­mo per con­ser­va­re la ma­nua­li­tà ar­ti­gia­na, un be­ne ita­lia­nis­si­mo in via d’estinzione che me­ri­te­reb­be mol­ta più con­si­de­ra­zio­ne so­prat­tut­to dal­le isti­tu­zio­ni. E si po­treb­be apri­re un di­scor­so sul­le po­ten­zia­li­tà del­le piccole real­tà ar­ti­gia­ne più che del­le gran­di real­tà in­du­stria­li». Maria Gra­zia Chiu­ri: «For­na­set­ti è le­ga­to al­la craf­tsman­ship e al de­co­ro: am­be­due gli ele­men­ti so­no mol­to le­ga­ti al brand Va­len­ti­no. Inol­tre ab­bia­mo fat­to no­stra la Cul­tu­re Cou­tu­re come ele­men­to di­stin­ti­vo del

che può espri­me­re un con­cet­to o un mes­sag­gio. Fa­shion è l’unio­ne di de­si­gn e de­co­ra­zio­ne ap­pli­ca­bi­le so­prat­tut­to all’ab­bi­glia­men­to, che per ra­gio­ni fsio­lo­gi­che è de­sti­na­ta a rin­no­var­si fre­ne­ti­ca­men­te e nel cor­so del­la sto­ria ha se­gna­to l’evo­lu­zio­ne del costume. Og­gi pe­rò mi sem­bra che que­sta ne­ces­si­tà di cam­bia­men­to os­ses­si­vo dia cen­ni di de­ca­den­za, un se­gna­le che do­vreb­be far­ci ri­fet­te­re».

Ma la qua­li­tà di un pro­dot­to de­ve per for­za ri­ve­la­re la la­bo­rio­si­tà che gli sta die­tro?

PPP: «Un pro­dot­to di qua­li­tà e gli sfor­zi fat­ti per ar­ri­var­ci so­no in­ver­sa­men­te pro­por­zio­na­li. Esi­ste la “ma­gia” dell’ese­cu­zio­ne, qual­co­sa che non va ri­ve­la­to ma solo per­ce­pi­to. Fa­re un pro­dot­to di qua­li­tà vuol di­re ar­ri­va­re al­la “sem­pli­ci­tà come com­ples­si­tà ri­sol­ta” di cui parlava Bran­cu­si».

MGC: «Esat­to. In real­tà la sem­pli­ci­tà è un pun­to d’ar­ri­vo».

Sie­te en­tram­bi mar­chi di lus­so: che def­ni­zio­ne ne da­te?

PPP, MGC: « Il lus­so è le­ga­to al­la cu­ra e al tem­po. Cu­ra per­ché la cou­tu­re è la mas­si­ma espres­sio­ne di lus­so nel­la mo­da per­ché è per sua def­ni­zio­ne fat­ta su una per­so­na, sul suo cor­po e sul­le sue esi­gen­ze. Lus­so non so­no i ma­te­ria­li, nean­che il più pre­zio­so dei cash­me­re o del­le se­te è pa­ra­go­na­bi­le al tem­po spe­so dal­le per­so­ne, sar­ti qua­li­f­ca­ti, o al­la mae­stria e al­la cu­ra per far per­ce­pi­re solo la bellezza. In que­sto sen­so il lus­so è le­ga­to al­la cultura, quel­la di chi com­pren­de la bellezza che nasce dal­le la­vo­ra­zio­ni più in­vi­si­bi­li e strut­tu­ra­li: è un lus­so pri­va­to ap­prez­za­to solo da “cul­to­ri”. Non è le­ga­to all’osten­ta­zio­ne».

Un’ar­chi­tet­tu­ra o uno spa­zio idea­le do­ve ve­de­re una del­la vo­stre crea­zio­ni.

BF: «Il bel­lo di For­na­set­ti è che lo si può in­se­ri­re qua­si dap­per­tut­to, ma pa­ra­dos­sal­men­te sta me­glio in am­bien­ti mi­ni­ma­li».

PPP: «Lo spa­zio idea­le po­treb­be es­se­re la stan­za di 2001 Odis­sea nel­lo spa­zio di Ku­brick. O la ca­sa di una don­na che ve­ste cou­tu­re nel­la sua vi­ta pri­va­ta, quin­di sen­za nes­su­na for­ma di rap­pre­sen­ta­zio­ne. La sua ca­sa è quel­la che pia­ce a lei».

L’uso o il non uso dei co­lo­ri è per voi una questione più este­ti­ca o emo­ti­va?

PPP, MGC: «Este­ti­ca ed emo­ti­va allo stes­so tem­po. Per que­sta col­le­zio­ne ab­bia­mo scel­to il bianco, per an­to­no­ma­sia il colore del­la cou­tu­re: bianca la car­ta con cui si av­vol­go­no gli abi­ti sui ta­vo­li al­la fne del­la gior­na­ta, bian­chi i ca­mi­ci e i ma­ni­chi­ni. Ma il bianco è an­che il colore che esal­ta tut­te le la­vo­ra­zio­ni, per cui ci è sem­bra­to il colore più adat­to a ren­de­re omag­gio al­la no­stra sto­ria tut­ta ita­lia­na e al no­stro ate­lier come una mo­der­na bottega dell’ar­te».

BF: «Di­rei este­ti­ca. Nel mon­do, For­na­set­ti è co­mu­ne­men­te più co­no­sciu­to per il bianco e ne­ro e que­sto nasce dal fat­to che mio pa­dre ave­va una cultura da gra­f­co (è sta­to stam­pa­to­re di li­to­gra­fa) e, an­che quan­do ci so­no mo­ti­vi a co­lo­ri, so­no sem­pre de­li­mi­ta­ti da una linea gra­f­ca».

Come si esce dal pro­prio tem­po per di­ven­ta­re sen­za tem­po?

BF: «Sen­za por­si l’os­ses­sio­ne del­la con­tem­po­ra­nei­tà. Non ho mai l’obiet­ti­vo di crea­re una co­sa nuo­va e mo­der­na, ma il pri­mo pun­to è che sia bel­la e ben fat­ta». FI­NE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.