NIEN­TE OM­BRE

«Il Paradiso me lo im­ma­gi­no co­sì, una me­ra­vi­glia fat­ta di lu­ci e d’as­sen­za»: un gran­de fo­to­gra­fo vi­si­ta la VE­NA­RIA REA­LE di To­ri­no, nuo­va pun­ta­ta del viag­gio di « AD» tra i gio­iel­li ita­lia­ni del­la de­co­ra­zio­ne.

AD (Italy) - - Speciale - fo­to­gra­fe di GIO­VAN­NI GA­STEL — te­sto di ELE­NA DALLORSO

L’im­pat­to sce­no­gra­f­co, a di­stan­za di più di tre se­co­li, è ri­ma­sto im­mu­ta­to. La Ve­na­ria Rea­le (pa­laz­zo, scu­de­rie, par­co, boschi di caccia, un bor­go in­te­ro, e an­co­ra scul­tu­re, fon­ta­ne, sca­li­na­te e terrazze su più li­vel­li) è la gran­dio­sa rea­liz­za­zio­ne dell’am­bi­zio­ne di Vit­to­rio Ame­deo II, che per di­ven­ta­re re vo­le­va una sua Ver­sail­les pie­mon­te­se. Set­te­cen­te­sca, pe­rò, se­con­do il di­se­gno di Fi­lip­po Ju­var­ra. Son­tuo­sa ma ae­rea, ca­ri­ca di de­co­ri ma inon­da­ta di lu­ce. Il set per­fet­to per un gran­de fo­to­gra­fo come Gio­van­ni Ga­stel, che qui ha scat­ta­to al­cu­ni dei suoi ser­vi­zi, tra i qua­li la nuo­va cam­pa­gna di Pol­tro­na Frau.

Una sce­no­gra­fia idea­le. An­che per lei? «La Ve­na­ria è una me­ra­vi­glia che la­vo­ra sul­la lu­ce e sull’as­sen­za, più che sul­la pre­sen­za. Qui è la lu­ce a di­se­gna­re le for­me, non ci so­no ec­ces­si di pro­spet­ti­ve come nel fa­ti­co­sis­si­mo Ba­roc­co. Rap­pre­sen­ta quel­lo che amo: l’or­to­go­na­li­tà nel­la let­tu­ra del­le cose. Il 700 il­lu­mi­ni­sta ha pro­dot­to palazzi a mi­su­ra d’uo­mo, un in­sie­me di ar­mo­nia e di ri­spet­to. So­no piut­to­sto le epo­che di scar­sa de­mo­cra­zia ad aver avu­to ar­chi­tet­tu­re spro­por­zio­na­te, do­ve ci si sen­te schiac­cia­ti dal po­te­re. Un po­sto come que­sto dà sen­so di con­ti­nui­tà sto­ri­ca al no­stro Pae­se, che pro­du­ce sem­pre ca­po­la­vo­ri ma non se ne ren­de con­to. Un tem­po è sta­ta mo­der­nis­si­ma an­che la Ve­na­ria, ad­di­rit­tu­ra cri­ti­ca­tis­si­ma dai con­tem­po­ra­nei».

È sta­to dif­fi­ci­le am­bien­ta­re foto di mo­da e og­get­ti? «No, per­ché in que­sto ca­so è il luogo che det­ta la danza. Io al mas­si­mo pos­so “ap­pog­giar­ci” un og­get­to, un abito, un ar­re­do. Che è poi la mia filosofia: fa­re po­co, pro­ce­de­re con un’operazione a to­glie­re. Qui c’è già tut­to».

Se po­tes­se, ci abi­te­reb­be? «Sì, e mi ci tro­ve­rei be­nis­si­mo. Ci met­te­rei il me­no pos­si­bi­le, pre­di­li­gen­do co­lo­ri chia­ri, bian­chi, pa­stel­lo. Lo di­ce­va mia ma­dre: cam­bia il me­no pos­si­bi­le, la­scia in pa­ce l’ar­chi­tet­tu­ra. Se c’è un mu­ro per­ché ab­bat­ter­lo?».

Che cos’ha pen­sa­to la pri­ma vol­ta che è sta­to qui? «Mi è sem­bra­to d’en­tra­re in una con­di­zio­ne angelica. Il Paradiso me lo im­ma­gi­no co­sì: nien­te om­bre, solo lu­ce». FI­NE Sul la­vo­ro di Ga­stel al­la Reggia per Pol­tro­na Frau ve­di «Back­sta­ge» p.161

Lu­ce di sce­na. La vol­ta del­la Gal­le­ria Gran­de, lun­ga 80 me­tri, il­lu­mi­na­ta da 22 “oc­chi” ova­li e 44 fi­ne­stre. Pa­gi­na ac­can­to:

una del­le gran­di ve­tra­te af­fac­cia­te sul giar­di­no. Dop­pia pre­ce­den­te, a si­ni­stra: sta­tua del­le Quat­tro Stagioni

di Si­mo­ne Mar­ti­nez nel Ron­dò al­fie­ria­no. A de­stra, un par­ti­co­la­re del­la Gal­le­ria Gran­de. In aper­tu­ra, a si­ni­stra e a de­stra: par­ti­co­la­ri

de­gli stucchi di Pie­tro Fi­lip­po So­mas­so, Giu­sep­pe Bo­li­na, An­to­nio Pa­pa e Gio­vam­bat­ti­sta San­bar­to­lo­meo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.