UN OG­GET­TO, UNA CA­SA, UNA STO­RIA.

MARC SAD­LER / UN TRE­NI­NO CHE RI­COR­DA MIO PA­DRE

AD (Italy) - - Finale - MARC SAD­LER, designer fran­ce­se na­to in Au­stria, abi­ta a Mi­la­no. Ha vin­to quat­tro vol­te il Com­pas­so d’Oro. Pa­gi­na a cu­ra di Mar­ta Gal­li.

«Era il 1999. Da po­co mi ero tra­sfe­ri­to a Mi­la­no, zo­na Na­vi­gli; è pas­seg­gian­do da quel­le parti che in­tra­vi­di, in un cortile, la bottega di un RIGATTIERE in­ten­to a tra­slo­ca­re. In mez­zo al­la gran con­fu­sio­ne no­tai dei mo­del­li­ni di mac­chi­na­ri da la­vo­ro, in sca­la ma di una di­men­sio­ne im­por­tan­te e un tem­po si­cu­ra­men­te fun­zio­nan­ti: c’era­no una ru­spa, un rul­lo tra­spor­ta­to­re e que­sto treno. Un in­con­tro in­cre­di­bi­le per­ché quei gio­cat­to­li ave­va­no il marchio O&K, l’azien­da per la qua­le mio pa­dre in Fran­cia ave­va la­vo­ra­to. Fu UN COUP DE FOUDRE, lo ac­qui­stai sen­za trat­ta­re il prezzo. Il treno ha tro­va­to po­sto in sog­gior­no. Per un cer­to tem­po è an­che sta­to uti­le a sbar­ra­re il di­sli­vel­lo dal qua­le mio fglio più pic­co­lo usa­va pe­ri­co­lo­sa­men­te lan­ciar­si con il gi­rel­lo. Og­gi è sem­pre lì, a ri­cor­dar­mi mio pa­dre e in at­te­sa del re­stau­ro per far­lo di nuo­vo fun­zio­na­re. Ma­ga­ri dan­do­gli fnal­men­te dei bi­na­ri».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.