La firma ri­bel­le

Espres­sio­ne di lin­guag­gi este­ti­ci mol­to sug­ge­sti­vi, og­gi la de­co­ra gli in­ter­ni di edi­fi­ci pub­bli­ci e pri­va­ti. Ma do­ve è fi­ni­to lo spi­ri­to pro­vo­ca­to­rio, anar­chi­co che con­trad­di­stin­gue­va i wri­ter de­gli an­ni ’80 e ’90, le lo­ro tag e i lo­ro graf­fi­ti?

AD (Italy) - - Storie - Di BER­NAR­DO RIZZATO STREET ART

La no­ti­zia. La Street Art è en­tra­ta nel­le ca­se bor­ghe­si di­ven­tan­do­ne ele­men­to esor­na­ti­vo. La do­man­da. Co­me è po­tu­to ac­ca­de­re? In fon­do è la for­ma d’ar­te più ur­ti­can­te per il gu­sto con­tem­po­ra­neo. La ri­spo­sta. Pro­via­mo a for­mu­lar­ne una par­lan­do con Mar­co Man­to­va­ni, aka KayO­ne, an­ni 44, uno dei pa­dri del graf­fi­ti­smo ita­lia­no. «La pri­ma co­sa che mi vie­ne in men­te è che non bi­so­gna con­fon­de­re i wri­ter con gli street ar­ti­st, il Graf­fi­ti Wri­ting e la Street Art. È que­stio­ne di sto­ria, di at­teg­gia­men­to, di vi­sio­ne. Tut­to na­sce ne­gli an­ni ’70 con i wri­ter co­me Ta­ki 183, Lee, Fab 5 Fred­dy, pri­ma a Fi­la­del­fia poi a New York, quin­di in Eu­ro­pa e an­che in Ita­lia, do­ve, sull’on­da di due mo­stre ma so­prat­tut­to del tam-tam po­po­la­re, la fac­cen­da at­tec­chi­sce al­la gran­de, da Roma a Mi­la­no, da Bo­lo­gna a Na­po­li. La bom­bo­let­ta spray ne è l’in­di­spen­sa­bi­le stru­men­to, la vo­glia di di­re “esi­sto”, la di­men­sio­ne an­tro­po­lo­gi­ca che si su­bli­ma in un’azione este­ti­ca. Per il wri­ter al­la ba­se di tut­to c’è la tag, la “firma” che lo rap­pre­sen­ta e lo iden­ti­fi­ca, che ap­po­ne rei­te­ra­ta­men­te su qual­sia­si su­per­fi­cie in bar­ba al­la pro­prie­tà pri­va­ta o pub­bli­ca. Sui mu­ri scal­ci­na­ti, sui ca­val­ca­via dell’au­to­stra­da, sui tre­ni. E tan­to me­glio se, espres­sio­ne di un ap­proc­cio de­fi­ni­to Wild­sty­le, que­sta firma ri­sul­ta il­leg­gi­bi­le: gli uni­ci a po­ter­la de­ci­fra­re e giu­di­ca­re so­no gli al­tri wri­ter per­ché ciò che con­ta per il wri­ter è pia­ce­re al pro­prio grup­po di ap­par­te­nen­za, e non al­la so­cie­tà “per­be­ne” che, al con­tra­rio, si vuo­le pro­vo­ca­re. La tag è una ri­con­qui­sta di iden­ti­tà ri­spet­to a un con­te­sto

che ti di­men­ti­ca, un’anar­chi­ca af­fer­ma­zio­ne di sé, ma an­che del­la “tri­bù” di cui si fa par­te. Il wri­ter non mi­ra a com­mer­cia­liz­za­re la pro­pria ar­te, an­zi la ri­co­no­sce co­me ef­fi­me­ra, ciò che per lui va­le è la per­for­man­ce fi­si­ca che con­flig­ge con le re­go­le so­cia­li: se la tag fos­se au­to­riz­za­ta tut­to fi­ni­reb­be! E poi c’è il sen­ti­men­to di ap­par­te­ne­re a un cer­chio ma­gi­co. Ri­cor­do che noi, a Mi­la­no, ci tro­va­va­mo al mu­ret­to di Cor­sia dei Ser­vi, vicino al Duo­mo, per con­di­vi­de­re espe­rien­ze, tro­va­te, in­ven­zio­ni. Lì c’era­no an­che i rap­per, gli ska­ter, i break-dan­cer, in­som­ma la cul­tu­ra hip-hop che ini­zia­va al­lo­ra a di­ven­ta­re il più va­sto e dif­fu­so fe­no­me­no cul­tu­ra­le di tut­ti i tem­pi». Poi c’è la Street Art. «La tag non è più la mi­su­ra di tut­to, la not­te e la sfi­da non so­no più la di­men­sio­ne esi­sten­zia­le. Al­tri fat­to­ri la con­no­ta­no, fi­gu­ra­ti­vi, nar­ra­ti­vi, di com­pren­si­bi­li­tà. I wri­ter era­no an­ti­si­ste­ma, la Street Art mi­ra a in­ve­ce a lu­sin­ga­re il gu­sto del pub­bli­co. I wri­ter non si mo­stra­va­no, gli street ar­ti­st, fi­gli di in­ter­net, in­ta­sa­no i so­cial net­work con le im­ma­gi­ni dei pro­pri la­vo­ri. Se i graf­fi­ti era­no “ar­te di fron­tie­ra” co­me li de­fi­nì Fran­ce­sca Ali­no­vi nel 1984, un van­da­li­smo crea­ti­vo, la Street Art è in­ve­ce un mo­vi­men­to pit­to­ri­co ben in­te­gra­to con va­li­di pro­ta­go­ni­sti, che pe­rò di ri­bel­le, a par­te qual­che sog­get­to di ru­vi­da con­te­sta­zio­ne, ha ben po­co. E– e non è una cri­ti­ca – è mol­to de­co­ra­ti­va e sug­ge­sti­va: per que­sto è en­tra­ta nel­le ca­se...». Un tra­di­men­to? «Un po’, e lo di­co a ra­gion ve­du­ta per­ché so­no par­te in cau­sa. La stra­da era la no­stra ma­tri­ce cul­tu­ra­le. Por­tar­la tra le mu­ra do­me­sti­che è, in un cer­to sen­so, abu­si­vo. Ma tant’è: la Street Art può an­che si­gni­fi­ca­re pro­se­gui­re con al­tri mez­zi ciò che il graf­fi­ti­smo ha ini­zia­to».

Ar­te su ar­te. so­pra: co­sì KayO­ne ha rein­ter­pre­ta­to il di­va­no Flap di Fran­ce­sco Bin­fa­ré per Edra, Mi­la­no De­si­gn Week 2015. sot­to: il trat­to fir­ma­to da Mar­co Man­to­va­ni del mu­ro di­pin­to da una crew di wri­ter a Mi­la­no in via Ca­pril­li. I mu­ri do­ve si può in­ter­ve­ni­re sen­za te­ma di de­nun­cia so­no det­ti, in gra te­se, “hall of fa­me”. 2015

Sti­le sel­vag­gio. a si­ni­stra: l’ar­te di stra­da “in­con­tra” l’in­te­rior de­si­gn: un la­vo­ro di KayO­ne per la hall del No­vo­tel di Mi­la­no. in bas­so: KayO­ne con la sua tag. In­de­ci­fra­bi­le, è espres­sio­ne di una scel­ta este­ti­ca che fa ca­po al Wild­sty­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.