99

THE GREAT BEAU­TY,

AD (Italy) - - Storie. - A far l’amo­re co­min­cia tu, Mar­fo­rio La gran­de bel­lez­za La gran­de bel­lez­za La gran­de bel­lez­za La dol­ce vi­ta. La gran­de bel­lez­za.

Sul­la ter­raz­za im­paz­za la fe­sta. Cor­pi su­da­ti si sfio­ra­no, bal­la­no e si sfre­ga­no l’uno ad­dos­so all’al­tro sul­le no­te os­ses­si­ve di re­mix di un vec­chio suc­ces­so di Raf­fael­la Car­rà. Vol­ti de­for­ma­ti dal botulino, look grot­te­schi, sguar­di fa­me­li­ci e an­no­ia­ti. E tre­ni­ni “che non van­no da nes­su­na par­te”. Ro­ma, in­tor­no, sem­bra dor­mi­re. Di­strat­ta, iner­te, di­sin­can­ta­ta. Ai cor­pi che si agi­ta­no fre­men­ti nel­la dan­za pseu­do-or­gia­sti­ca cor­ri­spon­do­no i cor­pi im­mo­bi­li e scol­pi­ti del­le sta­tue. Cor­pi di car­ne, cor­pi di pie­tra. Cor­pi or­ga­ni­ci, cor­pi inor­ga­ni­ci. Cor­pi che sen­to­no, cor­pi che non sen­to­no nul­la. La Ro­ma de sta in buo­na par­te in que­sto at­tri­to, in que­sta dop­piez­za. Jep Gam­bar­del­la (un gi­gan­te­sco To­ni Ser­vil­lo) la esplo­ra so­prat­tut­to all’al­ba, nel­le sue pas­seg­gia­te so­li­ta­rie al ter­mi­ne del­le fe­ste mon­da­ne di cui è il “re”: de­ser­ta, so­spe­sa in una me­ra­vi­glia sen­za tem­po, è una Ro­ma fat­ta di at­ti­ci e ter­raz­ze, di par­chi e di pa­laz­zi, di si­len­zi e di “spa­ru­ti, in­co­stan­ti spraz­zi di bel­lez­za”. Sor­ren­ti­no gio­ca con le iden­ti­tà dei luo­ghi, li in­trec­cia e li tra­sfor­ma se­con­do le sue esi­gen­ze nar­ra­ti­ve: dal Giar­di­no de­gli Aran­ci al Tem­piet­to del Bra­man­te o al dei Mu­sei Ca­pi­to­li­ni, dal Par­co de­gli Ac­que­dot­ti al Cimitero mo­nu­men­ta­le del Ve­ra­no, dal­la log­gia di Vil­la Giu­lia do­ve è al­le­sti­ta una mo­stra di fo­to­gra­fia al­le Ter­me di Ca­ra­cal­la do­ve fa la sua ap­pa­ri­zio­ne una gi­raf­fa mi­ste­rio­sa, è una Ro­ma ma­gi­ca e sur­rea­le, mar­mo­rea e sen­sua­le, sfi­ni­ta ep­pu­re vi­ta­le. È una Ro­ma se­gre­ta e na­sco­sta, che non si ri­ve­la al pri­mo che pas­sa, e che esi­ge an­zi lo sguar­do ra­pi­to che han­no Jep e Ra­mo­na (Sa­bri­na Fe­ril­li) quan­do rie­sco­no a en­tra­re nei “pa­laz­zi del­le prin­ci­pes­se” ed esplo­ra­no di not­te al­cu­ni dei grup­pi mar­mo­rei più bel­li del mon­do. La ter­raz­za dell’ini­zio – quel­la su cui cam­peg­gia l’in­se­gna al neon (a de­stra nel­la fo­to) del­la Mar­ti­ni – è sul tet­to del pa­laz­zo dell’Ina, tra via Sal­lu­stia­na e via Bis­so­la­ti. L’ap­par­ta­men­to in cui la bel­la si­gno­ra in­ter­pre­ta­ta da Isa­bel­la Fer­ra­ri in­vi­ta Jep per una not­te d’amo­re si af­fac­cia in­ve­ce su Piaz­za Na­vo­na. E la sce­na del fu­ne­ra­le si svol­ge nel­la chie­sa dei San­ti Do­me­ni­co e Si­sto, tra la Sa­li­ta del Gril­lo e via Pa­ni­sper­na. Ma non va­le la pe­na ac­ca­nir­si più di tan­to nel­la ri­cer­ca e nel ri­co­no­sci­men­to dei luo­ghi. La Ro­ma de non ha nul­la di “rea­li­sti­co”, nul­la di tu­ri­sti­co: è una cit­tà im­ma­gi­na­ta e ri­di­se­gna­ta dall’oc­chio vi­sio­na­rio e sur­rea­le di Pao­lo Sor­ren­ti­no, esat­ta­men­te co­me ave­va fat­to Fe­de­ri­co Fel­li­ni con la Ro­ma de Ma nel suo con­ti­nuo at­tri­to fra vi­ta­li­smo e in­do­len­za, tra fre­ne­sia e im­mo­bi­li­tà, fra i cor­pi di car­ne de­gli uma­ni e i cor­pi di pie­tra del­le sta­tue, è mol­to più che una “dol­ce vi­ta” dei no­stri tem­pi ca­fo­ni. È un mix di ni­chi­li­smo, ci­ni­smo e di­sin­can­to che ha il co­rag­gio di met­te­re in sce­na non sen­ti­men­ti no­bi­li, non sto­rie di ri­scat­to, non te­mi so­cia­li e ci­vi­li, non mes­sag­gi ras­si­cu­ran­ti, non de­nun­ce ur­la­te e rin­ghio­se, ma sem­pli­ce­men­te la sco­per­ta di quan­to l’uo­mo sia mi­se­ra­bi­le. Sen­za com­pro­mes­si, sen­za ipo­cri­sie, Pao­lo Sor­ren­ti­no – con la scu­sa di se­gui­re Jep Gam­bar­del­la nel­le sue flâ­ne­ries o lun­go il Te­ve­re, o nel­la sua va­na ri­cer­ca dell’“odo­re del­le ca­se dei vec­chi” – ci met­te a po­co a po­co di fron­te al­la per­ce­zio­ne dell’ir­ri­le­van­za. Del­la va­ni­tas va­ni­ta­tum. For­se è per que­sto che in mol­ti – so­prat­tut­to in Ita­lia – non lo sop­por­ta­no. Per­ché ci di­ce che la “gran­de bel­lez­za” evo­ca­ta dal ti­to­lo, pur­trop­po, non ci ap­par­tie­ne più, non ci ri­guar­da. L’ab­bia­mo smar­ri­ta. Non la sap­pia­mo più ri­co­no­sce­re. Non la ve­dia­mo nep­pu­re, a vol­te, an­che se l’ab­bia­mo lì, da­van­ti agli oc­chi. Al­me­no fin­ché non c’è qual­co­sa o qual­cu­no – un film? – che ce la fa ri­tro­va­re. Co­me fa – ap­pun­to –

La gran­de bel­lez­za The Young Po­pe, L’uo­mo in più Il di­vo New my­ths. Pao­lo Sor­ren­ti­no on the set wi­th ac­tor Mas­si­mo Po­po­li­zio, por­tray­ing a plastic sur­geon.

Nuo­vi mi­ti. Pao­lo Sor­ren­ti­no sul set con l’at­to­re Mas­si­mo Po­po­li­zio, nei pan­ni di un chi­rur­go pla­sti­co. WHO’S WHO Pao­lo Sor­ren­ti­no sta al ci­ne­ma con­tem­po­ra­neo co­me Fe­de­ri­co Fel­li­ni sta­va al ci­ne­ma de­gli an­ni ’60 e ’70. Stes­sa vi­sio­na­rie­tà. Stes­sa iro­nia. Stes­sa ca­pa­ci­tà di dar for­ma al mon­do e, al con­tem­po, di sfor­mar­lo. Na­po­le­ta­no, clas­se 1970, dal suo esor­dio nel 2001 con non ha sba­glia­to un film. Con ha vin­to il Pre­mio del­la Giu­ria a Can­nes 2008, con si è ag­giu­di­ca­to l’Oscar 2014 per il mi­glior film straniero. Nel 2016 Sor­ren­ti­no ha idea­to e di­ret­to la se­rie tv in­ter­pre­ta­ta dal di­vo bri­tan­ni­co Ju­de Law. (right)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.