EDEN CON VI­STA

Sul­le col­li­ne in­tor­no a FI­REN­ZE , una vec­chia ca­sa co­lo­ni­ca è og­get­to di un pro­get­to di re­cu­pe­ro fat­to di mi­su­ra ed ele­gan­za. Do­ve la sto­ria dia­lo­ga col pre­sen­te.

AD (Italy) - - Focus. - Pro­get­to di BAR­BA­RA MO­NI­CA — in­te­rior de­si­gn di MO­NI­CA LU­PI te­sto di RU­BEN MO­DI­GLIA­NI — fo­to­gra­fie di GIOR­GIO BA­RO­NI

Dol­ci, mor­bi­de, per­fet­te: le col­li­ne in­tor­no a Fi­ren­ze so­no uno dei gran­di te­so­ri del­la cit­tà to­sca­na. Po­chi mi­nu­ti di stra­da e dai pa­laz­zi del Ri­na­sci­men­to si è in un al­tro mon­do, do­ve l’uli­vo è il pro­ta­go­ni­sta e la cit­tà è so­lo una mac­chia ros­sa di tet­ti all’oriz­zon­te. Un pae­sag­gio che da de­cen­ni at­ti­ra i cit­ta­di­ni, e do­ve nel tem­po le ar­chi­tet­tu­re ru­ra­li so­no sta­te tra­sfor­ma­te in ca­se mo­der­ne, mol­to spes­so per­den­do la lo­ro iden­ti­tà. «Quan­do ab­bia­mo vi­si­ta­to l’edi­fi­cio la pri­ma vol­ta ci sia­mo tro­va­ti da­van­ti una strut­tu­ra sna­tu­ra­ta: sem­bra­va di es­se­re in un con­do­mi­nio an­ni ’70», rac­con­ta Bar­ba­ra Mo­ni­ca, co­fon­da­tri­ce del­lo stu­dio Ros­so19, che ha fir­ma­to il pro­get­to di ri­strut­tu­ra­zio­ne che mo­stria­mo in que­ste pa­gi­ne. «Era sta­to ri­fat­to tut­to: sca­le, pa­vi­men­ti, so­lai. Il pri­mo obiet­ti­vo per noi è sta­to quel­lo di re­cu­pe­ra­re la con­no­ta­zio­ne co­lo­ni­ca che era an­da­ta per­du­ta. Il ri­sul­ta­to mi ren­de or­go­glio­sa: sem­bra che sia co­sì da sem­pre». La ri­strut­tu­ra­zio­ne è sta­ta con­dot­ta di­stac­can­do­si ap­pe­na da un mo­del­lo di re­cu­pe­ro fi­lo­lo­gi­co: se per tut­ti i so­lai so­no sta­ti usa­ti so­lo le­gni di re­cu­pe­ro, e quin­di l’e et­to è di to­ta­le au­ten­ti­ci­tà, per i pa­vi­men­ti so­no sta­te scel­te pia­strel­le di cot­to cam­pa­no (ter­ra d’ori­gi­ne dei pa­dro­ni di ca­sa) an­zi­ché to­sca­no, più scu­ro. An­che la di­spo­si­zio­ne de­gli spa­zi è pen­sa­ta per ri­spon­de­re al­lo sti­le di vi­ta con­tem­po­ra­neo: i lo­ca­li al

pia­no ter­ra, quel­li de­di­ca­ti al gior­no, flui­sco­no gli uni ne­gli al­tri at­tra­ver­so gran­di aper­tu­re, ta­gli net­ti nel­le pa­re­ti; la cu­ci­na è aper­ta su una zo­na pran­zo in­for­ma­le, da cui è se­pa­ra­ta da una “pe­ni­so­la” con pia­no in le­gno mas­sel­lo. Uno spa­zio che nel­la bel­la sta­gio­ne si pro­lun­ga all’ester­no in una gran­de ve­ran­da a ac­cia­ta sul pa­no­ra­ma.

La ca­sa, cir­ca 700 me­tri qua­dra­ti, è ar­ti­co­la­ta su più li­vel­li: can­ti­na, pia­no ter­ra, pri­mo pia­no (do­ve so­no col­lo­ca­te le camere) e una tor­ret­ta, pen­sa­ta co­me living in­for­ma­le con di­va­ni in mu­ra­tu­ra che all’oc­cor­ren­za di­ven­ta­no let­ti (lo spa­zio pre­fe­ri­to dai fi­gli e dai lo­ro ami­ci). In un cor­po di fab­bri­ca an­nes­so ma più bas­so so­no ri­ca­va­ti una pa­le­stra e un ap­par­ta­men­to per gli ospi­ti. L’ar­re­da­men­to, cu­ra­to da Mo­ni­ca Lu­pi, è gio­ca­to sul fi­lo del dia­lo­go tra epo­che. «I pa­dro­ni di ca­sa so­no due col­le­zio­ni­sti d’ar­te», spie­ga la pro­get­ti­sta. «Ab­bia­mo gio­ca­to pro­prio sull’idea di mix per crea­re ar­mo­nia». Un am­bien­te-sim­bo­lo po­treb­be es­se­re il living: per ri­ve­sti­re gli im­bot­ti­ti, qua­si tut­ti rea­liz­za­ti su di­se­gno, so­no sta­ti scel­ti tes­su­ti i cui co­lo­ri ri­pren­des­se­ro quel­li dei qua­dri nel­la stan­za; a un tap­pe­to ber­be­ro è sta­to ac­co­sta­to un ta­vo­lo bas­so an­ni ’60 pro­ve­nien­te dal­la Spa­gna, e due ta­vo­li­ni in lac­ca ospi­ta­no una cop­pia di lam­pa­de an­ni ’70. Il fi­lo con­dut­to­re di tut­ti gli spa­zi è quel­lo di una ele­gan­te ma­te­ri­ci­tà: le pa­re­ti so­no im­bian­ca­te a cal­ce, che crea una tex­tu­re ap­pe­na per­ce­pi­bi­le; gli spi­go­li dei mu­ri so­no smus­sa­ti per da­re char­me; an­che nei lo­ca­li più tec­ni­ci co­me ba­gni e cu­ci­na è sta­to usa­to un mas­sel­lo di ce­men­to li­scia­to e idro­re­pel­len­te che sem­bra pie­tra. La stes­sa at­ten­zio­ne è sta­ta ri­vol­ta all’ester­no, su cui la ca­sa si apre con mol­tis­si­me fi­ne­stre e che è par­te in­te­gran­te di que­sto spa­zio da vi­ve­re. «Il rap­por­to col ver­de è sta­to uno dei pun­ti fo­ca­li del pro­get­to», pro­se­gue Bar­ba­ra Mo­ni­ca. «La pi­sci­na è sta­ta ri­ca­va­ta sfrut­tan­do una zo­na del ter­re­no do­ve c’era una mar­ca­ta di eren­za di quo­ta (que­sto ha per­mes­so di rea­liz­za­re, su­bi­to sot­to, gli spo­glia­toi e un ap­par­ta­men­to di ser­vi­zio). Il gran­de uli­ve­to, che per­met­te ai pa­dro­ni di ca­sa di pro­dur­re il lo­ro olio, è sta­to va­lo­riz­za­to al mas­si­mo; per i cam­mi­na­men­ti nel ver­de ab­bia­mo usa­to ter­ra sta­bi­liz­za­ta, una mi­sce­la dre­nan­te di ghia­ia, ter­ra, sab­bia e re­si­ne dall’aspet­to to­tal­men­te na­tu­ra­le». Un toc­co di ra na­tez­za. E di gran­de ri­spet­to.

Ar­te e de­si­gn. in alto: nel living, mix di ar­re­di di epo­che di­ver­se e d’ar­te. Tap­pe­to ber­be­ro, ta­vo­lo con ba­se in ot­to­ne pia­no in mar­mo (Spa­gna, an­ni ’60), di­va­ni su di­se­gno. Po­sa­te sui ta­vo­li­ni in lac­ca, due lam­pa­de an­ni ’70. Al­le pa­re­ti ope­re di Ot­to­ne Ro­sai e di Gual­tie­ro Na­ti­vi. nel­la pa­gi­na se­guen­te: sul ta­vo­lo fran­ce­se me­tà ’800, con pia­no in ar­de­sia, una col­le­zio­ne di va­si te­de­schi an­ni ’50. A pa­re­te un la­vo­ro di Ales­san­dro No­cen­ti­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.