L’

Amica - - EDITORIALE -

ave­vo già confessato e lo ri­pe­to, per­ché nul­la è cam­bia­to, an­zi: so­no un’ad­dic­ted del­le se­rie tv. Non di tut­te, ov­via­men­te. Se­guo da sem­pre Grey’s Anatomy, le so­no af­fe­zio­na­ta an­che se non è più quel­la di una vol­ta. E an­che Scan­dal è de­ge­ne­ra­ta, trop­pe pun­ta­te sul rap­por­to tra Oli­via e il Pre­si­den­te e po­chi ca­si in­te­res­san­ti. In com­pen­so The Blac­kli­st, Le re­go­le del de­lit­to per­fet­to e Hou­se of Cards so­no in­su­pe­ra­bi­li, pun­ta­ta do­po pun­ta­ta non de­lu­do­no mai. Nel­la mia be­st li­st c’è an­che l’in­tra­mon­ta­bi­le Criminal Minds e la new en­try Vi­nyl. Inol­tre, non ho per­so la nuo­va se­rie di X-Fi­les che un po’ mi ha de­lu­so, ma non im­por­ta per­ché gli agen­ti Fox Mul­der e Da­na Scul­ly so­no da sem­pre nel mio cuo­re. Poi ci so­no tut­te le al­tre che ve­do a tem­po per­so. Dal mo­men­to che sia­mo in pri­ma­ve­ra e con le bel­le gior­na­te la se­ra vie­ne vo­glia di usci­re, pen­so sia una for­tu­na che esi­sta­no la re­gi­stra­zio­ne, l’on de­mand e ades­so an­che Sky Box Se­ts con tut­te le sta­gio­ni com­ple­te e Net­flix, al­tri­men­ti non mi muo­ve­rei mai da ca­sa. Per noi dro­ga­te di se­rie tv non c’è nien­te di me­glio di una se­ra­ta (me­glio an­co­ra una do­me­ni­ca) di “bin­ge watching”, una ma­ra­to­na di vi­sio­ne inin­ter­rot­ta sen­za spot pub­bli­ci­ta­ri, sdra­ia­te sul di­va­no, con il telefono si­len­zio­so, per re­cu­pe­ra­re le pun­ta­te per­se gra­zie a ce­ne con ami­ci/ci­ne­ma. La sod­di­sfa­zio­ne è im­pa­ga­bi­le qua­si quan­to un wee­kend al ma­re, me­glio se si è da so­le co­sì si evi­ta­no inu­ti­li con­ver­sa­zio­ni o fa­sti­dio­se in­ter­ru­zio­ni. Per­ché ogni tan­to fa­re quel­lo che si vuo­le, con una sa­na do­se di egoi­smo, è ve­ra­men­te un gran­de re­ga­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.