PAN­CIA COM­PE­TEN­TE

Stia­mo sem­pre in sua com­pa­gnia, tan­to che fi­ni­sce per rac­con­tar­ci. Me­glio ave­re con lei un rap­por­to se­re­no che può pre­scin­de­re dall’ idea di per­fe­zio­ne. E da tan­te fa­ti­che inu­ti­li

Amica - - VISIONI - Te­sto Sa­ra Por­ro Il­lu­stra­zio­ne Ales­san­dro To­ta

abi­tu­di­ne del­le don­ne di at­tri­bui­re no­mi fan­ta­sio­si e ur­ti­can­ti a quel­li che per­ce­pi­sco­no co­me di­fet­ti fi­si­ci è an­ti­ca. Cre­do sia na­ta quan­do Dio die­de ad Ada­mo il com­pi­to di bat­tez­za­re tut­ti gli ani­ma­li del­la Ter­ra. Me lo ve­do pro­prio, il Crea­to­re, vol­tar­si ver­so Eva e di­re: “E tu, Eva, ve­di quel cu­sci­net­to di gras­so re­si­sten­te, là do­ve fi­ni­sce la cur­va del tuo di­die­tro? Che no­me gli dia­mo?”. E fu co­sì che Ada­mo chia­mò il ca­val­lo “ca­val­lo”, ed Eva chia­mò l’adi­pe tra co­sce e glu­tei “cu­lot­te de che­val”. Sol­tan­to quan­do dia­mo no­me al­le co­se le fac­cia­mo esi­ste­re: va­le an­che per quel­lo che pen­sia­mo non va­da con il no­stro fi­si­co. Un brac­cio è so­lo un brac­cio fin­ché non co­nia­mo il te­mi­ne “arm flap” per in­di­ca­re la “ve­la” di quan­do la pel­le ce­de un po’, e le gi­noc­chia so­no so­lo gi­noc­chia fin­ché non de­ci­dia­mo che han­no le “knin­kle” (af­fa­sci­nan­te neo­lo­gi­smo che in­cro­cia gi­noc­chio, “knee”, e ru­ga, “wrin­kle”). Quan­do al dan­no ag­giun­gia­mo la pro­ver­bia­le bef­fa, que­sto les­si­co spe­ci­fi­co per la mor­ti­fi­ca­zio­ne del cor­po e del­lo spi­ri­to fem­mi­ni­le as­su­me to­ni ama­bil­men­te spi­ri­to­si: è il ca­so del “muf­fin top”, quel­la sor­ta di sal­va­gen­te adi­po­so che si de­li­nea nel mo­men­to in cui una don­na in­dos­sa un pa­io di pan­ta­lo­ni più pic­co­li di una ta­glia, esat­ta­men­te quel­lo che suc­ce­de ai dol­cet­ti nel for­no, che lie­vi­ta­no e stra­bor­da­no fuo­ri dai pi­rot­ti­ni di car­ta. Il muf­fin top sta all’in­cro­cio tra con­trap­pas­so dan­te­sco e leg­ge dell’omeo­pa­tia: il si­mi­le pro­vo­ca il si­mi­le, in­som­ma trop­pi muf­fin ti da­ran­no il muf­fin top. Per de­fi­ni­zio­ne, dun­que, è un fe­no­me­no cau­sa­to dai pan­ta­lo­ni - nien­te ve­sti­ti, nien­te ciam­bel­la adi­po­sa. Se que­sto può ap­pa­ri­re co­me un ar­go­men­to a fa­vo­re del na­tu­ri­smo, si può fa­re pe­rò an­che un’al­tra con­si­de­ra­zio­ne: non esi­ste un cor­po sba­glia­to, esi­sto­no so­lo in­du­men­ti che non do­na­no. Men­tre la bat­ta­glia sul fi­si­co del­le don­ne con­ti­nua a in­fu­ria­re, le pre­se di po­si­zio­ne ideo­lo­gi­che si fan­no più im­pre­ve­di­bi­li. Da un la­to tro­via­mo Wo­men’s Heal­th, da sem­pre bib­bia dei se­gua­ci del cul­to del Cor­po Per­fet­to, che an­nun­cia l’in­ten­zio­ne di ban­di­re la for­mu­la “bi­ki­ni bo­dy” dal­le pro­prie co­per­ti­ne, ade­ren­do co­sì al­la ri­vo­lu­zio­na­ria teo­ria che la ri­cet­ta per ave­re una “si­lhouet­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.