Tra­me

Ali­ce Mun­ro, (au­to)ri­trat­to di una scrit­tri­ce da gio­va­ne

Amica - - CONTENTS - di Me­la­nia Maz­zuc­co

“Quel che vo­le­vo era ogni sin­go­la co­sa, ogni stra­to di con­ver­sa­zio­ne e pen­sie­ro, ogni odo­re, ogni bu­ca, do­lo­re, fes­su­ra, il­lu­sio­ne, te­nu­ti im­mo­bi­li, in­sie­me”

Ali­ce Mun­ro ha af­fer­ma­to che la rac­col­ta di sto­rie Dear li­fe del 2012 (usci­ta in Ita­lia con il ti­to­lo Uscir­ne vi­vi) sa­reb­be sta­to il suo ul­ti­mo li­bro. Bi­so­gna ri­spet­ta­re gli scrit­to­ri che di­co­no “no”, che di­co­no “ba­sta” - an­che se li amia­mo. Pos­sia­mo so­lo spe­ra­re che cam­bi­no idea. Ma, per il mo­men­to, Mun­ro non l’ha fat­to. Ciò ren­de pre­zio­sa la tra­du­zio­ne de La vi­ta del­le ra­gaz­ze e del­le don­ne, con cui Ei­nau­di con­clu­de la pub­bli­ca­zio­ne in­te­gra­le del­la sua ope­ra. La vi­ta del­le ra­gaz­ze e del­le don­ne ap­par­ve nel 1971, tre an­ni do­po la pri­ma rac­col­ta di Mun­ro, Dan­za del­le om­bre fe­li­ci. Il ti­to­lo è trat­to da una fra­se di Ida, ma­dre del­la nar­ra­tri­ce, don­na ori­gi­na­le e in­do­mi­ta, che - pur cir­con­da­ta dal con­for­mi­smo bi­got­to del Ca­na­da ru­ra­le de­gli An­ni 40 - pre­sa­gi­sce gran­di cam­bia­men­ti nel­la “vi­ta del­le ra­gaz­ze e del­le don­ne”. Il li­bro è un ro­man­zo o, piut­to­sto, un ci­clo di rac­con­ti nar­ra­ti dal­la vo­ce del­la pro­ta­go­ni­sta, Del Jor­dan. Fi­glia di un al­le­va­to­re di vol­pi ar­ti­che e di una don­na af­fa­ma­ta di cul­tu­ra (co­rag­gio­sa ven­di­tri­ce di en­ci­clo­pe­die tra i con­ta­di­ni scon­tro­si dell’On­ta­rio), nel cor­so del­la sto­ria Del è bam­bi­na, ra­gaz­zi­na, poi ra­gaz­za al­la sco­per­ta del ses­so e del­la li­ber­tà. Un mon­do po­po­la­to di zii e zie stram­bi e scon­fit­ti, di vi­ci­ne di ca­sa am­bi­gue e in­de­ci­fra­bi­li, pro­fes­so­ri so­li­ta­ri, ami­che in­fi­de, pi­gio­nan­ti so­gna­tri­ci, aman­ti pos­ses­si­vi. Ca­rat­te­ri se­con­da­ri, qui, che pe­rò pre­sto Mun­ro eleg­ge­rà a pro­ta­go­ni­sti del­la sua an­ti-epo­pea.

La vi­ta del­le ra­gaz­ze e del­le don­ne è li­nea­re nel­la co­stru­zio­ne: non ha la strut­tu­ra el­lit­ti­ca e fran­tu­ma­ta dei mi­glio­ri rac­con­ti di Mun­ro. Ma la qua­li­tà del­la scrit­tu­ra è già ec­cel­len­te: le de­scri­zio­ni ter­se e iro­ni­che, l’ag­get­ti­va- zio­ne im­pla­ca­bi­le. Per­ché il li­bro è più di quan­to sem­bra. Del, che ha con­trat­to il “vi­zio di leg­ge­re”, è de­si­gna­ta dal­la fa­mi­glia a di­ven­ta­re la scrit­tri­ce del­la lo­ro sto­ria. Ca­ri­co che in gio­ven­tù ri­fiu­te­rà (fi­no a di­strug­ge­re il ma­no­scrit­to, a lei af­fi­da­to, del­lo zio Craig, cro­ni­sta vel­lei­ta­rio del­la vi­ta del­la pro­vin­cia). Ma per tra­sfi­gu­rar­lo in qual­co­sa di più uni­ver­sa­le. Gli abi­tan­ti di Ju­bi­lee e dell’aspra e fan­go­sa re­gio­ne dell’On­ta­rio - gen­te co­mu­ne, di po­che pa­ro­le e più ra­di pen­sie­ri - for­me­ran­no il pae­sag­gio uma­no del­le sto­rie che Del scri­ve­rà un gior­no. All’au­gu­rio di Bob­by Sher­riff (uno dei per­den­ti che Mun­ro sa rac­con­ta­re con cru­de­le esat­tez­za) di buo­na for­tu­na nel­la vi­ta, Del ri­spon­de “sì”. L’avrà: La vi­ta del­le ra­gaz­ze e del­le don­ne non è so­lo un ro­man­zo di for­ma­zio­ne al fem­mi­ni­le, è il ri­trat­to (o l’au­to­ri­trat­to fit­ti­zio) di una scrit­tri­ce da gio­va­ne. Leg­ger­lo do­po il ri­ti­ro di Mun­ro ci per­met­te di ri­vi­ve­re la sua av­ven­tu­ra let­te­ra­ria co­me se tut­to do­ves­se an­co­ra ini­zia­re.

Ali­ce Mun­ro

La vi­ta del­le ra­gaz­ze e del­le don­ne

tra­du­zio­ne di Su­san­na Bas­so Ei­nau­di, pp. 304, € 20 li­bro, € 9,99 e-book

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.