«MI­NOS­SE IN­FAT­TI FU IL PRI­MO SI­GNO­RE, DI QUAN­TI CI È GIUN­TA NO­TI­ZIA, AD AVE­RE UNA GRAN­DE FLOT­TA E DO­MI­NA­RE IN ESTEN­SIO­NE IL MA­RE ORA GRE­CO, A ESER­CI­TA­RE IL DO­MI­NIO SUL­LE ISO­LE CICLADI E COLONIZZARNE LE TER­RE DO­PO AVER SCAC­CIA­TO DA ES­SE I CA­RI E AVER­VI I

Archeo Monografie - - Cnosso - Tu­ci­di­de, La Guer­ra del Pe­lo­pon­ne­so, I, 4

1931, nel 1905 buo­na par­te del pa­laz­zo era già sta­ta ri­por­ta­ta al­la lu­ce. Al­la fi­ne de­gli sca­vi, il pa­laz­zo ap­pa­ri­va come uno ster­mi­na­to com­ples­so di piú di 1000 stan­ze, este­so in lar­ghez­za per 130 m. Era strut­tu­ra­to in quat­tro gran­di bloc­chi re­si­den­zia­li, af­fac­cia­ti di fron­te a un va­sto cortile ret­tan­go­la­re, e cir­con­da­ti da al­tre cor­ti e terrazze la­stri­ca­te. Il tut­to oc­cu­pa­va 24 000 mq cir­ca.

Ala­ba­stro e pit­tu­re po­li­cro­me

Costruzione tan­to in­tri­ca­ta e lus­suo­sa quan­to avan­za­tis­si­ma, se è ve­ro, come so­sten­go­no gli ar­cheo­lo­gi, che un’ala era com­po­sta di quat­tro o for­se cin­que pia­ni so­vrap­po­sti, che le mu­ra­tu­re era­no per­cor­se da con­dut­tu­re per le ac­que po­ta­bi­li (ali­men­ta­te da un ac­que­dot­to che in­ter­cet­ta­va una fon­te a 10 km di di­stan­za) e da ef­fi­cien­ti si­ste­mi di smal­ti­men­to de­gli sca­ri­chi, e che le pa­re­ti era­no ri­ve­sti­te di ala­ba­stro e di splen­di­de pit­tu­re po­li­cro­me. La «reggia» era prov­vi­sta di cucine e ba­gni, di ma­gaz­zi­ni ri­col­mi di gran­di pi­thoi (gia­re in ter­ra­cot­ta da olio e da vi­no, ma usa­te an­che per il pesce secco e i le­gu­mi) e da gran­di ci­ste scol­pi­te in pie­tra. La costruzione – l’uni­ca con que­sta ca­rat­te­ri­sti­ca no­ta per l’età del Bron­zo – ave­va fac­cia­te e in­gres­si ar­ti­co­la­ti su piú pia­ni lun­go tutti e quat­tro i la­ti, che da­va­no su cor­ri­doi tor­tuo­si che, evi­tan­do ma­gaz­zi­ni,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.