L'ac­qua di ma­re del Ci­len­to e la Tha­las­so­te­ra­pia dell' Ap­pro­do Re­sort

E la Tha­las­so­te­ra­pia dell’ap­pro­do Re­sort

Area Wellness - - Front Page -

Il sud dell’ita­lia è ric­co di luo­ghi ma­gi­ci in cui la real­tà sto­ri­ca s’in­trec­cia a mi­ti e straor­di­na­rie leg­gen­de. È il ca­so del co­mu­ne di Ca­stel­la­ba­te, all’estre­mi­tà me­ri­dio­na­le del gol­fo di Sa­ler­no, all’in­ter­no del Par­co na­zio­na­le del Ci­len­to. La fra­sta­glia­ta co­sta tir­re­ni­ca, in gran par­te de­for­ma­ta e le­vi­ga­ta dal mo­to on­do­so che la ero­de, è im­mer­sa nel­la mac­chia me­di­ter­ra­nea e de­gra­da len­ta­men­te nel ma­re dan­do ori­gi­ne a sco­gli di for­ma di­ver­sa che ri­cor­da­no tal­vol­ta una tar­ta­ru­ga ma an­che una splen­di­da don­na. I lo­ca­li iden­ti­fi­ca­no nel­la Prin­ci­pes­sa sa­ra­ce­na Er­mi­gar­da che, se­con­do un’an­ti­ca leg­gen­da, fu tra­sfor­ma­ta in roc­cia dal dio Net­tu­no do­po che si era get­ta­ta in ma­re per unir­si al suo ama­to pe­sca­to­re Oc­ta­vio, in­ghiot­ti­to dal­le on­de. La pro­spi­cien­te pic­co­la iso­la di Li­co­sa, lun­ga so­lo 160 me­tri e lar­ga 40 e pri­ma dell'ina­bis­sa­men­to del­la co­sta av­ve­nu­to nel IV se­co­lo a.c. col­le­ga­ta al pro­mon­to­rio, pa­re che fos­se in­ve­ce la di­mo­ra del­la si­re­na Leu­co­sia di cui par­la­no sia Pli­nio il­vec­chio che Ari­sto­te­le, ma che per Dio­ni­gi di Ali­car­nas­so era so­lo una ni­po­te di Enea che qui

l’ave­va se­pol­ta. Nei fon­da­li del­la con­for­ma­zio­ne roc­cio­sa del lo­ca­le reef, si­mi­le al­le bar­rie­re co­ral­li­ne tro­pi­ca­li, fra pe­ri­co­lo­se sec­che e lim­pi­di fon­da­li, vi­vo­no ra­ri or­ga­ni­smi, co­me il co­ral­li­ge­no e la po­si­do­nia ocea­ni­ca, al cui in­ter­no nuo­ta­no nu­me­ro­se e ra­re spe­cie tra cui il pe­sce pap­pa­gal­lo ( spa­ri­so­ma cre­ten­se) e la si­riel­la ( sy­riel­la ca­stel­la­ba­ten­sis), ma an­che tartarughe di ma­re, ric­ci, ma­dre­po­re, gor­go­nie, brio­zoi e spu­gne. Sul fon­do so­no vi­si­bi­li i re­sti som­mer­si di una cit­tà gre­co­ro­ma­na delv se­co­lo a. C., di una vil­la romana e di una va­sca per l'al­le­va­men­to del­le mu­re­ne che ri­sal­go­no all’epo­ca di Cristo. I ru­de­ri di un ap­pro­do gre­co-ro­ma­no del I se­co­lo a.c., no­to co­me il por­to di Er­cu­lia e prin­ci­pa­le sca­lo di ap­prov­vi­gio­na­men­to per le im­bar­ca­zio­ni im­pe­ria­li di­ret­te al por­to di Mi­se­no, af­fio­ra­no in­ve­ce dal­le ac­que di San Marco. Ogni aspet­to del Par­co ma­ri­no è dal 1972 sot­to tu­te­la co­me pa­tri­mo­nio na­tu­ra­le e am­bien­ta­le e la bel­lez­za del pa­no­ra­ma e del­la co­sta, do­ve si al­ter­na­no sco­gli, al­ti di­ru­pi, ba­ie, grot­te emer­se e sot­to­ma­ri­ne, ca­let­te na­tu­ra­li e spiag­ge do­ra­te, è re­sa an­co­ra più af­fa­sci­nan­te dal­la pre­sen­za del fly­sch del Ci­len­to, una roc­cia se­di­men­ta­ria com­po­sta da di­ver­se stra­ti­fi­ca­zio­ni (co­sti­tui­te ti­pi­ca­men­te da al­ter­nan­ze ci­cli­che di are­na­ria, di argilla o di cal­ca­re, for­ma­te­si a se­gui­to dell'ero­sio­ne del­le mon­ta­gne in for­ma­zio­ne, che poi emer­se­ro dal ma­re. Al­tro spet­ta­co­la­re fe­no­me­no è la cri­stal­liz­za­zio­ne del sa­le ma­ri­no, che con la sua azio­ne espan­si­va di­sgre­ga la roc­cia crean­do scul­tu­re al­veo­la­ri mol­to par­ti­co­la­ri. Ma le bel­lez­ze e le at­trat­ti­ve lo­ca­li non fi­ni­sco­no qui. Nel­la zo­na di San Marco è sta­ta tro­va­ta una este­sa ne­cro­po­li con 151 tom­be, epi­gra­fi fu­ne­ra­rie, mo­ni­li e an­ti­chi coc­ci di va­sel­la­me, lu­cer­ne, amu­le­ti e va­ri og­get­ti ma­gi­ci contro il ma­loc­chio e gli spi­ri­ti ma­li­gni. Dal­le vi­ci­ne ca­ve ri­sa­len­ti al VI se­co­lo a.c. i Gre­ci estrae­va­no i bloc­chi di pie­tra are­na­ria uti­liz­za­ti per co­strui­re i vi­ci­ni tem­pli di Pae­stum. La sto­ria del­la for­tez­za di Ca­stel­la­ba­te è mol­to più re­cen­te. Fu in­fat­ti co­strui­ta in­tor­no al 1123 dai mo­na­ci be­ne­det­ti­ni per di­fen­de­re le po­po­la­zio­ni da­gli at­tac­chi dei pi­ra­ti sa­ra­ce­ni, i qua­li com­pi­va­no fre­quen­ti scor­re­rie nel­la zo­na. Do­po i Nor­man­ni il feu­do pas­sò sot­to il do­mi­nio Sve­vo e poi An­gioi­no e Ca­stel­la-

ba­te di­ven­ne una del­le più im­por­tan­te ba­ro­nie del Ci­len­to. Nel 1806, do­po l'abo­li­zio­ne del­la feu­da­li­tà, fu ri­co­no­sciu­to co­mu­ne e ven­ne oc­cu­pa­to dai fran­ce­si di Napoleone men­tre nel 1860 pas­sò dai Bor­bo­ni al Re­gno d’ita­lia. Nel 1943, du­ran­te la se­con­da guer­ra mon­dia­le, le trup­pe de­gli al­lea­ti, sbar­ca­ti a Sa­ler­no, oc­cu­pa­ro­no la marina di Ca­stel­la­ba­te pri­ma di avan­za­re ver­so Ro­ma. Ne­gli an­ni set­tan­ta il ter­ri­to­rio fu tea­tro di una profonda tra­sfor­ma­zio­ne da agri­co­lo a cen­tro tu­ri­sti­co bal­nea­re, con la co­stru­zio­ne di al­ber­ghi, cam­ping, re­si­den­ce e se­con­de ca­se esti­ve. Re­cen­te­men­te, poi, un ul­te­rio­re im­pul­so allo svi­lup­po tu­ri­sti­co è ar­ri­va­to dal ci­ne­ma che ha scel­to co­me lo­ca­tion di al­cu­ni film di suc­ces­so (fra tut­ti: Benvenuti al sud) il bor­go me­die­va­le di Ca­stel­la­ba­te e la sua marina che dal 1999 si fre­gia del­la Ban­die­ra Blu che pre­mia la qua­li­tà del­le ac­que ma­ri­ne, le spiag­ge e i ser­vi­zi of­fer­ti. È pro­prio, qui, a due pas­si dal por­tic­cio­lo dei pe­sca­to­ri e su una ca­let­ta di sab­bia e ghia­ia con spiaggia at­trez­za­ta, che sor­ge l’ap­pro­do Tha­las­so SPA, cir­con­da­to dal suo giar­di­no pri­va­to ric­co di pi­ni, uli­vi, cor­bez­zo­li e len­ti­schi. 80 stan- ze, ele­gan­te­men­te ar­re­da­te in sti­le me­di­ter­ra­neo do­ta­te di ter­raz­zo sul ma­re. Il ri­sto­ran­te con ve­ran­da of­fre per pran­zo e pran­zo e cena una cu­ci­na del ter­ri­to­rio che si av­va­le sia del pe­sca­to lo­ca­le che del­la ver­du­ra e dei for­mag­gi e del­le ri­no­ma­te moz­za­rel­le del ci­len­to. Due le pi­sci­ne at­trez­za­te, di cui una per bam­bi­ni e la pos­si­bi­li­tà di pra­ti­ca­re sport nau­ti­ci e cor­si spor­ti­vi. Re­cen­te­men­te, poi, è sta­ta ag-

giun­ta una mo­der­na strut­tu­ra che ospi­ta la Tha­las­so SPA che ri­pro­po­ne in ma­nie­ra pre­ci­sa il con­cet­to “Sa­lus Per Aquam” dei Ro­ma­ni, ov­ve­ro la sa­lu­te at­tra­ver­so l’ac­qua che in que­sto ca­so è so­prat­tut­to cap­ta­ta dal ma­re cri­stal­li­no an­ti­stan­te con le più mo­der­ne me­to­do­lo­gie che ne ga­ran­ti­sco­no la pu­rez­za a chi­lo­me­tro ze­ro. La pro­prie­tà ha pun­ta­to pro­prio su que­sta straor­di­na­ria ri­sor­sa per of­fri­re be­nes­se­re ai tu­ri­sti ma an­che al­la po­po­la­zio­ne lo­ca­le. Quat­tro pia­ni con pi­sci­ne, va­sche e doc­ce este­se su una su­per­fi­cie di ol­tre 2.500 mq, ali­men­ta­te da ac­qua marina, in quel­la che at­tual­men­te sem­bra es­se­re una del­le SPA più gran­di e at­trez­za­te del cen­tro sud. Di­ret­ta dal­la fi­glia del pro­prie­ta­rio Ni­co­la Riz­zo, il Cen­tro è im­po­sta­to su di­ver­si per­cor­si che du­ra­no fi­no a due ore, e trat­ta­men­ti fi­na­liz­za­ti che uti­liz­za­no spe­cia­li sa­li o al­ghe per ri­muo­ve­re le cel­lu­le cu­ta­nee più su­per­fi­cia­li, op­pu­re per ri­mi­ne­ra­liz­za­re, dre­na­re e to­ni­fi­ca­re i tes­su­ti. Gli spa­zi, tut­ti bian­chi e co­per­ti da una re­si­na ad ac­qua sen­za for­ma­li­na, so­no or­ga­niz­za­ti in ba­se al­la fun­zio­ne: al pian ter­re­no si tro­va­no la re­cep­tion in cui si no­ta un uni­co ban­co­ne bian­co in re­si­na, lun­go cir­ca ven­ti me­tri, gli spo­glia­toi, la SPA bou­ti­que e set­te ca­bi­ne in­di­vi­dua­li. Nel sot­to­suo­lo si ar­ti­co­la il per­cor-

so lu­di­co “Ta­las­so Ca­lo­re eva­po­re, che in 950 mq può ac­co­glie­re con­tem­po­ra­nea­men­te fi­no a 120 per­so­ne, di­stri­bui­te nel­le va­rie pro­po­ste dai sug­ge­sti­vi no­mi. Va­po­re di sa­le, che s’ispi­ra al clas­si­co ham­mam con i suoi spa­zi: On­da di ma­re, una la­ma d’ac­qua a 38° col­pi­sce di­ret­ta­men­te i cor­pi di­ste­si su una enor­me chai­se lon­gue di ol­tre cin­que me­tri; il ba­gno di va­po­re di sa­le dol­ce, a 38° e 75% di umi­di­tà e sa­li e al­ghe a di­spo­si­zio­ne per un au­to-gom­ma­ge; il ba­gno di va­po­re di sa­le in­ten­so, per una pu­ri­fi­ca­zio­ne profonda con sa­le ma­ri­no a 45° e 95% di umi­di­tà. Va­po­re d’al­ghe, che rein­ter­pre­ta uno dei prin­ci­pi ba­se del­la tha­las­so­te­ra­pia, il ri­cor­so al­le al­ghe, a tem­pe­ra­tu­re e umi­di­tà di­ver­se. Lo spa­zio Ca­lo­re del sa­le, è una spiaggia e una 450 mq a 32° grot­ta sa­li­na di 140 mq con un pa­vi­men­to di sa­le gros­so ma­ri­no ri­scal­da­to tra­mi­te un si­ste­ma geo­ter­mi­co con una tem­pe­ra­tu­ra me­dia di 34° e una umi­di­tà del 70%; al fon­do del­la grot­ta ci so­no una pi­sci­na di ac­qua di ma­re a 38° e una sau­na di sa­le di 25 mq con le pa­re­ti a ve­tro a 65° e 20% di umi­di­tà. Il per­cor­so Bol­le blu si ar­ti­co­la in tre pi­sci­ne di ac­qua di ma­re cal­da a 37° e mu­si­ca su­bac­quea. Al pri­mo pia­no si tro­va­no una splen­di­da pi­sci­na co­per­ta a 32° con di­ver­se po­sta­zio­ni idro­mas­sag­gio e una rilassante a 35° con mu­si­ca su­bac­quea per un to­ta­le di cir­ca 500 mq, col­le­ga­te al­la pi­sci­na ester­na che of­fre una splen­di­da vi­sua­le su Ca­pri e il gol­fo di Sor­ren­to. Al ter­zo pia­no si tro­va un’am­pia sa­la re­lax con ti­sa­ne, ver­du­re e frut­ta fre­sca, men­tre sul quar­to è po­si­zio­na­to un grande so­la­rium da cui go­de­re lo spet­ta­co­lo del­la co­sta amal­fi­ta­na. Il pas­sag­gio da un am­bien­te all’al­tro e fra i pia­ni è fa­vo­ri­to dal­la se­gna­le­ti­ca e dai cam­bia­men­ti di lu­ce che co­sti­tui­sco­no uno dei pun­ti di for­za dell’in­te­ra strut­tu­ra, riu­scen­do a da­re di­ver­se for­me ed emo­zio­ni a tut­ti gli am­bien­ti, a se­con­da del­le esi­gen­ze. L’in­ve­sti­men­to per rea­liz­za­re tut­to ciò è sta­to im­por­tan­te ma i ri­sul­ta­ti in ter- mi­ni di oc­cu­pa­zio­ne che di pre­sen­ze al­la SPA sta dan­do ra­gio­ne a chi ri­tie­ne che il Ci­len­to sia una ter­ra di be­nes­se­re e che una SPA, se ben or­ga­niz­za­ta, può da­re buo­ni pro­fit­ti.

La SPA è sta­ta rea­liz­za­ta da KHSPA azien­da di co­stru­zio­ne di Cen­tri Be­nes­se­re con ba­se a Ro­ma e Mi­la­no (www.khspa.it)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.