Per­chè an­da­re in va­can­za in Mon­go­lia? Lo spie­ga l’am­ba­scia­to­re

Area Wellness - - Sommario -

Ab­bia­mo quat­tro sta­gio­ni, ma va ri­co­no­sciu­to che il fat­to­re cli­ma­ti­co de­ve es­se­re pre­so in con­si­de­ra­zio­ne pri­ma di or­ga­niz­za­re un viag­gio da noi. L’in­ver­no è mol­to du­ro e sec­co, Ulaan Ba­taar è la ca­pi­ta­le più fred­da al mon­do, con pic­chi che pos­so­no ar­ri­va­re ai 35/40° sot­to­ze­ro. Più dol­ci so­no in­ve­ce la pri­ma­ve­ra e l’au­tun­no, men­tre di giorno in esta­te può fa­re an­che mol­to cal­do. Ot­ti­mi lu­glio e ago­sto.

As­so­lu­ta­men­te al­to. Sia nel­le cit­tà che du­ran­te le escur­sio­ni non si cor­ro­no ri­schi, men­tre per i viag­gi di av­ven­tu­ra o in luo­ghi estre­mi è sug­ge­ri­bi­le af­fi­dar­si all’espe­rien­za del­le gui­de lo­ca­li. Nel pae­se so­no ar­ri­va­te di­ver­se ca­te­ne al­ber­ghie­re in­ter­na­zio­na­li che ga­ran­ti­sco­no stan­dard ele­va­ti di ri­cet­ti­vi­tà, ma an­che il li­vel­lo del­le si­ste­ma­zio­ni nel­le ten­de du­ran­te gli iti­ne­ra­ri nel­la step­pa, nel de­ser­to o in mon­ta­gna so­no og­gi mol­to mi­glio­ri. La co­sa sug­ge­ri­bi­le, pri­ma di par­ti­re, è con­tat­ta­re un’agen­zia.

Non cre­do. Da noi si man­gia­no piat­ti a ba­se di car­ne di man­zo, pol­lo, agnel­lo e an­che di pe­sce vi­ci­no ai la­ghi di mon­ta­gna. Non ab­bia­mo vi­no ma pro­du­cia­mo un’ot­ti­ma bir­ra e una straor­di­na­ria vo­d­ka. Con­si­glio pe­rò a tut­ti di pro­va­re il lat­te di ca­val­lo fer­men­ta­to ser­vi­to fred­do: una spe­cia­li­tà na­zio­na­le. Al di là dei sou­ve­nirs, i pro­dot­ti più ama­ti dai tu­ri­sti so­no i ca­pi in la­na e cash­me­re.

Si. Lo si può ri­chie­de­re in in­ter­net op­pu­re all’am­ba­scia­ta for­nen­do una fo­to­gra­fia e pa­gan­do una tas­sa di 65 eu­ro. Il vi­sto tu­ri­sti­co du­ra 90 gior­ni ed è va­li­do per una so­la en­tra­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.