Edi­to­ria­le

Area Wellness - - Editoriale - di Gior­gio Bar­to­lo­muc­ci

Sul­la ul­ti­ma edi­zio­ne del­la Bor­sa In­ter­na­zio­na­le del Tu­ri­smo, te­nu­ta­si ai pri­mi del­lo scor­so me­se di feb­bra­io, aleg­gia­va un’al­lar­man­te fan­ta­sma. La cre­scen­te di­gi­ta­liz­za­zio­ne che sta tra­sfor­man­do il mon­do del tu­ri­smo, scuo­ten­do­ne, fin dal­le fon­da­men­ta, l’or­ga­niz­za­zio­ne e la strut­tu­ra stes­sa del mer­ca­to. Non è un ca­so, in­fat­ti, che mol­te del­le pre­sen­ta­zio­ni e dei se­mi­na­ri ver­tes­se­ro espli­ci­ta­men­te sui nuo­vi mo­del­li di bu­si­ness e di la­vo­ro, dal­la pre­no­ta­zio­ne al mar­ke­ting, che han­no come pro­ta­go­ni­sti la re­te e i suoi al­go­rit­mi, gli ag­gre­ga­to­ri e i nuo­vi pa­dro­ni del va­po­re: co­lo­ro i qua­li rac­col­go­no e ge­sti­co­no i no­stri da­ti. La pro­fi­la­tu­ra di ogni po­ten­zia­le clien­te rap­pre­sen­ta, in­fat­ti, la ba­se di cam­pa­gne di co­mu­ni­ca­zio­ne sem­pre più per­so­na­liz­za­te, in cui la pro­mo­zio­ne del­la com­pa­gnia ae­rea, dell’au­to­no­leg­gio, dell’ho­tel e per­fi­no del ri­sto­ran­te più vi­ci­no ai no­stri gu­sti, rie­sce a so­sti­tui­re di fat­to il tra­di­zio­na­le agen­te di viag­gio, con un ser­vi­zio fa­ci­le da frui­re se­du­ti di­ret­ta­men­te in pol­tro­na, in tem­po rea­le e con co­sti ap­pa­ren­te­men­te più bas­si. La co­sid­det­ta ri­vo­lu­zio­ne Im­pre­sa 4.0, co­sì esal­ta­ta da es­se­re di­ven­ta­ta un man­tra, an­che nel tu­ri­smo come nel set­to­re del­le As­si­cu­ra­zio­ni e, pro­ba­bil­men­te, del­le Far­ma­cie, sta por­tan­do all’eli­mi­na­zio­ne dell’in­ter­me­dia­zio­ne, al­la chiu­su­ra di una se­rie di at­ti­vi­tà com­mer­cia­li di pic­co­le di­men­sio­ni, al­la can­cel­la­zio­ne di tan­te pro­fes­sio­na­li­tà di li­vel­lo in­fe­rio­re. Co­sì come è suc­ces­so con l’in­tro­du­zio­ne del ser­vi­zio di ri­for­ni­men­to car­bu­ran­te in ver­sio­ne self, che ha ri­dot­to di mol­to il nu­me­ro de­gli ad­det­ti ai di­stri­bu­to­ri di ben­zi­na. Po­co ri­sal­to, in­ve­ce, vie­ne da­to ai ri­schi per i con­su­ma­to­ri che fan­no ri­cor­so ai si­ti di boo­king on li­ne me­no co­no­sciu­ti. E non è un al­lar­me in di­fe­sta del­lo sta­tus quo, ma la de­nun­cia che emer­ge da un’in­da­gi­ne con­dot­ta dal­la Com­mis­sio­ne Eu­ro­pea se­con­do cui in Eu­ro­pa, su 352 ope­ra­to­ri tu­ri­sti­ci on li­ne, 235 (68%) non sa­reb­be­ro af­fi­da­bi­li. Tan­ti i tra­boc­chet­ti in cui è fa­ci­le ca­de­re: dai co­sti pub­bli­ca­ti che si gon­fia­no in fa­se di pre­no­ta­zio­ne (32%), al­le of­fer­te che al mo­men­to del­la pre­no­ta­zio­ne non so­no più di­spo­ni­bi­li, al­le spe­se ag­giun­ti­ve in ca­so di cam­bio di da­ta (30,1%). Sen­za par­la­re, dei call cen­ter di as­si­sten­za a pa­ga­men­to, e la qua­si im­pos­si­bi­li­tà di par­la­re con un es­se­re uma­no in gra­do di da­re le do­vu­te in­for­ma­zio­ni. In at­te­sa del­la nuova di­ret­ti­va UE a di­fe­sa dei tu­ri­sti on li­ne, che do­vreb­be en­tra­re in vi­go­re il 1 lu­glio, il pa­ra­dos­so è che lo stan­dard di tu­te­la che ver­rà ri­chie­sto è quel­lo of­fer­to dal­le vec­chie, one­ste, agen­zie di viag­gio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.