Plo­v­div Ca­pi­ta­le del­la Cul­tu­ra Eu­ro­pea lancia il tu­ri­smo in Bul­ga­ria

Area Wellness - - Front Page - di Gior­gio Bar­to­lo­muc­ci

Dal pri­mo gen­na­io 2018 la Bul­ga­ria de­tie­ne la Pre­si­den­za di tur­no del Con­si­glio Eu­ro­peo. Nel cor­so di sei me­si, i mi­ni­stri del go­ver­no di ta­le pae­se pre­sie­de­ran­no le riu­nio­ni del Con­si­glio nei ri­spet­ti­vi set­to­ri di com­pe­ten­za, con­tri­buen­do a fis­sar­ne l’or­di­ne del giorno, e fa­ci­li­tan­do il dia­lo­go con le al­tre isti­tu­zio­ni dell’unio­ne Eu­ro­pea. Le prio­ri­tà del­la pre­si­den­za bul­ga­ra so­no ispi­ra­te al­lo slo­gan "L'unio­ne fa la for­za", che è an­che il mot­to del­lo stem­ma del­la Re­pub­bli­ca di Bul­ga­ria. La Pre­si­den­za la­vo­re­rà quin­di al fi­ne di for­ni­re so­lu­zio­ni con­cre­te per co­strui­re un'eu­ro­pa più for­te, più si­cu­ra e più so­li­da­le, con­cen­tran­do­si su quat­tro set­to­ri chia­ve: fu­tu­ro e gio­va­ni, Bal­ca­ni oc­ci­den­ta­li, sicurezza e sta­bi­li­tà, eco­no­mia di­gi­ta­le. La spe­ran­za del pae­se è an­che quel­la di in­ver­ti­re una ten­den­za che da al­cu­ni an­ni ap­pa­re qua­si inar­re­sta­bi­le: lo spo­po­la­men­to del pro­prio ter­ri­to­rio. Si sti­ma in­fat­ti che la Bul­ga­ria agli at­tua­li rit­mi di emi­gra­zio­ne, nei pros­si­mi trent’an­ni, po­treb­be per­de­re an­co­ra qua­si due mi­lio­ni di abi­tan­ti, as­sen­tan­do­si sul una po­po­la­zio­ne di ap­pe­ni 5 mi­lio­ni. Do­po la dif­fi­ci­le tran­si­zio­ne po­st-co­mu­ni­sta di fi­ne se­co­lo, cen­ti­na­ia di mi­glia­ia di gio­va­ni bulgari ini­zia­ro­no a tra­sfe­rir­si nei pae­si più ric­chi dell’eu­ro­pa ab­ban­do­nan­do le re­gio­ni agri­co­le più po­ve­re, quel­le del nord-ove­st, ma an­che le cit­tà in­du­stria­li mes­se in cri­si dal­la man­can­za di in­ve­sti­men­ti in gra­do di ga­ran­ti­re l’am­mo­der­na­men­to de­gli im­pian­ti. Il pa­ra­dos­so è che a di­stan­za di qua­si 30 an­ni dal­la ca­du­ta del mu­ro di Ber­li­no, seb­be­ne la po­po­la­zio­ne stia ra­pi­da­men­te in­vec­chian­do man­ca for­za la­vo­ro e i tas­si di oc­cu­pa­zio­ne so­no più al­ti che il al­tre na­zio­ni dell’area, men­tre gli aiu­ti eu­ro­pei e le ri­mes­se del­la dia­spo­ra di ol­tre un mi­lio­ne di bulgari oc­cu­pa­ti all’este­ro han­no no­te­vol­men­te al­za­to gli stan­dard gli stan­dard di vi­ta na­zio­na­li. La po­li­ti­ca fi­sca­le del Go­ver­no per at­trar­re in­ve­sti­men­ti e, so­prat­tut­to, i pen­sio­na­ti eu­ro­pei se­dot­ti da li­vel­li di tas­sa­zio­ne estre­ma­men­te con­ve­nien­ti, stan­no co­min­cian­do a da­re i lo­ro frut­ti e si cal­co­la che sia­no ol­tre il mi­glia­io gli ita­lia­ni che han­no tra­sfe­ri­to la lo­ro re­si­den­za a So­fia o lun­ghe le co­ste del mar Ne­ro. Il tu­ri­smo è un’al­tro dei set­to­ri su cui si

pun­ta mag­gior­men­te con l’aiu­to del­le com­pa­gnie low co­st che quo­ti­dia­na­men­te da tut­te le ca­pi­ta­li eu­ro­pee sca­ri­ca­no ne­gli ae­ro­por­ti bulgari mi­glia­ia di viag­gia­to­ri cu­rio­si di esplo­ra­re una de­sti­na­zio­ne po­co co­no­sciu­ta e in cui il co­sto del­la vi­ta è de­ci­sa­men­te bas­so. Il vo­lo da Ro­ma du­ra ap­pe­na un’ora e tren­ta e il li­vel­lo del­la ri­ce­zio­ne al­ber­ghie­ra è mol­to mi­glio­ra­to ne­gli ul­ti­mi an­ni. Per il 2019, Plo­v­div in­sie­me a Ma­te­ra, so­no sta­te no­mi­na­te Ca­pi­ta­li Eu­ro­pee del­la Cul­tu­ra e ciò ac­cen­de­rà i ri­flet­to­ri in­ter­na­zio­na­li su quel­la che è con­si­de­ra­ta la più an­ti­ca cit­tà eu­ro­pea vi­ven­te, con ben ot­to­mi­la an­ni di sto­ria. Plo­v­div è la se­con­da cit­tà del­la Bul­ga­ria, con una po­po­la­zio­ne di cir­ca 350.000 per­so­ne. Fra il XVIII e i XIX se­co­lo 18° e 19° Plo­v­div è sta­ta un im­por­tan­te cen­tro eco­no­mi­co e cul­tu­ra­le con an­ti­che ca­se di com­mer­cian­ti e ar­ti­gia­ni ot­ti­ma­men­te con­ser­va­te, di­ver­si teatri, mu­sei, nu­me­ro­si re­per­ti ar­cheo­lo­gi­ci ro­ma­ni qua­li l’an­fi­tea­tro e l’ac­que­dot­to di

sud, a 1147 me­tri di al­tez­za, al ter­mi­ne di una val­le ri­co­per­ta di fo­re­ste, e che si può rag­giun­ge­re in cir­ca due ore di mac­chi­na lun­go stra­de ben cu­ra­te an­che nel­la sta­gio­ne del­la ne­ve. Il com­ples­so fu fon­da­to nel X se­co­lo dall’ere­mi­ta San Gio­van­ni di Ri­la, le cui re­li­quie so­no espo­ste nel­la chie­sa; ven­ne di­strut­to nel 1378 da­gli ot­to­ma­ni, per poi es­se­re ri­co­strui­to e di­ven­ta­re cen­tro di vi­ta spi­ri­tua­le e cul­tu­ra­le in cui i mo­na­ci pre­ga­va­no e tra­scri­ve­va­no i li­bri di au­to­ri sto­ri­ci, tut­to­ra con­ser­va­ti nel­la bi­blio­te­ca. Con le sue al­te mu­ra di cin­ta, il san­tua­rio so­mi­glia a una for­tez­za ed è com­po­sto da un edi­fi­cio di quat­tro pia­ni con bal­co­ni va­rio­pin­ti, 300 cel­le mo­na­sti­che, un re­fet­to­rio, il gran­de cor­ti­le, una chie­sa e la tor­re, l’edi­fi­cio più an­ti­co ri­sa­len­te al 1335. Nel­la chie­sa l'ope­ra d'ar­te più pre­zio­sa, è l'ico­no­sta­si, in­ta­glia­ta in le­gno men­tre le pa­re­ti so­no tut­te af­fre­sca­te. Per gli aman­ti del ter­ma­li­smo se­gna­lia­mo che la Bul­ga­ria ha più di 600 sor­gen­ti mi­ne­ra­li na­tu­ra­li, e all’in­ter­no del Par­co Na­tu­ra­le di Ri­la si tro­va Sa­pa­re­va con i suoi ba­gni di ac­qua mi­ne­ra­le che sgor­ga dal­la più cal­da sor­gen­te mi­ne­ra­le in Eu­ro­pa (103° C) con un gey­ser che rag­giun­ge un'al­tez­za su­pe­rio­re ai 18 me­tri dal suo­lo, con un rit­mo di 5-6 se­con­di a git­ta­ta.

fo­to: An­ton Ata­na­sov

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.