(L.O.V.E.)

Arkeda - - L’INDICE SPUNTATO -

Si è pen­sa­to di chia­ma­re que­sta ru­bri­ca ‘l’in­di­ce spun­ta­to’, non es­sen­do no­stra in­ten­zio­ne quel­la di pun­ta­re ‘l’in­di­ce’ su nuo­vi, ipo­te­ti­ci oriz­zon­ti dell’ar­te in ge­ne­ra­le, né su al­cu­ni suoi aspet­ti spe­ci­fi­ci, ma cer­ca­re piut­to­sto ‘spun­ti’ di ri­fles­sio­ne da con­di­vi­de­re, di­cia­mo, na­vi­gan­do ‘a vi­sta’, non aven­do, in­som­ma, me­te pre­fis­sa­te da rag­giun­ge­re e ri­co­no­scen­do che il no­stro ba­ga­glio e, so­prat­tut­to il no­stro ar­ma­men­ta­rio cri­ti­co, è al­quan­to ‘spun­ta­to’. Vi­sto che di ‘ar­ti’ ci si oc­cu­pa già nel no­me che ci sia­mo da­ti, ini­zie­re­mo par­ten­do dal di­to me­dio che Mau­ri­zio Cat­te­lan ha vo­lu­to ‘pun­ta­re’, ap­pa­ren­te­men­te in se­gno di sfi­da, in di­re­zio­ne del Pa­laz­zo del­la Bor­sa di Mi­la­no, con la sua mo­nu­men­ta­le scul­tu­ra in mar­mo bian­co di Car­ra­ra, eret­ta pro­prio nel cuo­re di quel­la piaz­za, me­ta­fi­si­ca per ec­cel­len­za, do­ve ogni giorno si ‘pun­ta l’in­di­ce’ sul va­lo­re mu­te­vo­le del­le co­se. L’ope­ra del 2010 in­ti­to­la­ta L.O.V.E. mo­stra una gi­gan­te­sca ma­no eret­ta, pro­ve­nien­te su­per­sti­te, si di­reb­be, da un an­ti­co pas­sa­to, le cui fa­lan­gi, tran­ne il di­to me­dio ri­ma­sto mi­ra­co­lo­sa­men­te in­tat­to, ri­sul­ta­no am­pu­ta­te, a pri­ma vi­sta, dall’usu­ra del tem­po. Il ge­sto, o me­glio, il ge­stac­cio che og­gi il fram­men­to sem­bra nuo­va­men­te rias­su­me­re, con­trad­di­co­no le in­ten­zio­ni che l’an­ti­co de­miur­go ave­va ri­po­sto nel­la pie­tra e fi­ni­sce per stra­vol­ge­re il suo ori­gi­na­rio si­gni­fi­ca­to. Og­gi, una nuo­va ‘pun­ta­ta’ vie­ne mes­sa in sce­na sul pia­no del­la co­mu­ni­ca­zio­ne sim­bo­li­ca. As­si­stia­mo all’osten­ta­zio­ne, non più di una ma­no te­sa, in di­re­zio­ne di un tra­scen­den­te cie­lo, non più un ‘in­di­ce’ che sap­pia in­di­ca­re una stra­da da per­se­gui­re, una di­re­zio­ne di mar­cia, ma un ‘me­dio’ che, ri­spet­to a quel­la cor­sa, non fa che con­sta­tar­ne l’ar­re­sto e osa ‘li­qui­da­re’ sbri­ga­ti­va­men­te il pas­sa­to, con la stes­sa im­pa­zien­za dell’au­to­mo­bi­li­sta im­bot­ti­glia­to nel traf­fi­co, quan­do mo­stra im­per­ti­nen­te al mon­do, l’ir­re­si­sti­bi­le for­za ste­ri­le del suo di­to me­dio. Pri­ma che gli ar­ti­sti im­pa­ras­se­ro a ‘but­ta­re le ma­ni’ e ad usa­re le di­ta, era com­pi­to del­le di­vi­ni­tà in per­so­na di­ri­ge­re il traf­fi­co del­la co­mu­ni­ca­zio­ne e del­la sto­ria, con il so­lo ge­sto im­po­si­ti­vo del­le ma­ni. Ogni ‘pun­ta­ta’ ce­le­ste, vuoi che le di­ta del­la ma­no spun­tas­se­ro tra le nu­vo­le, per rad­driz­za­re le sor­ti in­cer­te di una bat­ta­glia o, in pre­ce­den­za, per scac­cia­re l’uo­mo dal pa­ra­di­so in ter­ra, sem­pre sem­bra­va vo­les­se in­di­ca­re, con il suo ‘in­di­ce’, il ‘va­lo­re’ re­den­ti­vo del­la sto­ria nel tem­po, quan­to il pa­ra­me­tro giu­di­can­te del ‘tem­po’, in es­sa. Il ‘tem­po’, che è sem­pre sta­to l’uni­co ga­ran­te per ogni du­re­vo­le giu­di­zio ‘cer­ti­fi­ca­to’, man­can­do ‘un in­di­ce’, si è co­me ‘li­qui­da­to’ e ti­ra­to fuo­ri da ogni even­tua­le re­cla­mo. Ed ec­co al­lo­ra, ri­ve­lar­si a noi, l’ope­ra di Mau­ri­zio Cat­te­lan, per quel­lo che ap­pa­re, so­spe­sa su quel sot­ti­lis­si­mo fi­lo che se­pa­ra la na­tu­ra­le ‘am­bi­va­len­za’ del­le co­se ri­spet­to all’am­bi­gui­tà che ri­schia ogni ar­ti­fi­cio e si pa­le­sa non più in ‘ap­pa­ren­te sfi­da’ nei con­fron­ti del­la ‘piaz­za’, ma sua sot­ti­le, ina­spet­ta­ta al­lea­ta, che di que­sto scam­bio di ‘fa­lan­gi ar­ma­te’ sem­bra aver­ne tut­to da gua­da­gna­re. Og­gi, ve­nen­do a man­ca­re l’oriz­zon­te cui l’in­di­ce, dal­le ori­gi­ni dei tempi sem­bra­va pun­ta­re, tor­nia­mo a na­vi­ga­re a vi­sta, ‘spun­ta­ti’, in un mon­do non più rea­le, ma ri­dot­to a ‘bol­la’ so­spe­sa, fat­ta ro­tea­re dal toc­co cal­co­la­to dei no­stri ‘in­di­ci im­paz­zi­ti’, sog­get­to ad ogni ti­po di spe­cu­la­zio­ne. Ci ri­ma­ne, è ve­ro, il di­to me­dio, per man­da­re in­fi­ne, tut­ti ‘a quel po­sto’ e sca­ri­ca­re co­sì le no­stre ac­cu­mu­la­te ten­sio­ni, an­che se, ed è be­ne ri­cor­dar­lo, in un mon­do, fat­to­si sem­pre più glo­ba­le, il di­to e ‘quel po­sto’, sem­bra­no ap­par­te­ne­re sem­pre di più, di fat­to, al­la me­de­si­ma per­so­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.