28 IN­TER­VI­STA A LUI­GI DE MA­GI­STRIS

Di Die­go La­ma

Arkeda - - SOMMARIO EDITORIALE - Di Die­go La­ma

11 mar­zo 2014, ore 15.00 En­tro in Pa­laz­zo San Giacomo e at­ten­do il sin­da­co Lui­gi de Ma­gi­stris nell’an­ti­ca­me­ra che è tap­pez­za­ta di cop­pe, me­da­glie, ono­ri­fi­cen­ze, ri­trat­ti, scul­tu­re e do­ni – al­cu­ni di pes­si­mo gu­sto – per il sin­da­co di Na­po­li. A guar­da­re que­sta stan­za sem­bra che egli sia dav­ve­ro mol­to ama­to dai na­po­le­ta­ni.

Ma quan­to po­te­re ha il sin­da­co nel­la ge­stio­ne di una cit­tà?

Que­sta è una do­man­da com­pli­ca­ta che non può ri­chie­de­re una ri­spo­sta sem­pli­ce. Di si­cu­ro un sin­da­co ha po­te­re. Per­ché ha il po­te­re di es­se­re sta­to elet­to di­ret­ta­men­te dal po­po­lo: un aspet­to non se­con­da­rio og­gi. Ov­via­men­te non ha gran­de pos­si­bi­li­tà di in­ci­de­re, co­me me­ri­te­reb­be un suf­fra­gio co­sì for­te. In al­cu­ne ma­te­rie il sin­da­co ha un po­te­re d’in­di­riz­zo po­li­ti­co e può di­re la sua an­che su una vi­sio­ne di cit­tà. An­che se poi si scon­tra con gli ap­pa­ra­ti bu­ro­cra­ti­ci che mol­to spes­so crea­no un gap ab­ba­stan­za for­te tra la de­ci­sio­ne po­li­ti­ca e la sua ri­spet­ti­va at­tua­zio­ne. Og­gi il suo po­te­re è mol­to li­mi­ta­to da una cri­si eco­no­mi­ca che in al­cu­ni am­bi­ti ren­de as­sai dif­fi­col­to­sa l’at­tua­zio­ne del­la vo­lon­tà po­li­ti­ca. Pen­so al fun­zio­na­men­to di­gni­to­so dei ser­vi­zi pub­bli­ci es­sen­zia­li che ov­via­men­te ri­chie­do­no una si­tua­zio­ne eco­no­mi­ca che at­tual­men­te il Co­mu­ne di Na­po­li non pos­sie­de, sia per una cri­si ge­ne­ra­le ma so­prat­tut­to per un de­bi­to strut­tu­ra­le mol­to for­te. Il sin­da­co pe­rò ha il po­te­re di da­re una vi­sio­ne di cit­tà.

Qual è la vi­sio­ne di de Ma­gi­stris?

La vi­sio­ne del­la mia cit­tà è in­nan­zi­tut­to quel­la di tor­na­re a di­ven­ta­re una ca­pi­ta­le mon­dia­le, quin­di una cit­tà in­ter­na­zio­na­le e me­no pro­vin­cia­le di co­me lo è sta­ta si­no­ra. Per que­sto è ne­ces­sa­rio ria­prir­si, senza pau­ra, al con­fron­to tra le gran­di ca­pi­ta­li del mon­do. In que­sti due an­ni e mez­zo di sin­da­co, mi so­no re­so con­to che il ma­de in Na­ples cer­te vol­te è più co­no­sciu­to del ma­de in Ita­ly per­ché Na­po­li ha una for­te iden­ti­tà. E la sua po­ten­za me­dia­ti­ca non de­ve emer­ge­re so­lo per le co­se ne­ga­ti­ve (che fan­no il gi­ro del mon­do), ma può far­lo an­che per le co­se po­si­ti­ve: una cit­tà che ri­sco­pre le pro­prie tra­di­zio­ni e che at­tra­ver­so le pro­prie ra­di­ci si pro­iet­ta ver­so il fu­tu­ro; ra­di­ci co­me l’ar­ti­gia­na­to, ca­rat­te­ri­sti­co di que­sta sto­ria, o co­me le at­ti­vi­tà im­pren­di­to­ria­li pic­co­le e me­die, e il com­mer­cio.

Nel­la mia vi­sio­ne c’è an­che un pro­gres­si­vo re­cu­pe­ro de­gli spa­zi ur­ba­ni: quel­li ab­ban­do­na­ti, quel­li se­mi-ab­ban­do­na­ti e quel­li che van­no va­lo­riz­za­ti. An­che la si­cu­rez­za del­la no­stra cit­tà pas­sa at­tra­ver­so il re­cu­pe­ro e l’oc­cu­pa­zio­ne da par­te dei cit­ta­di­ni de­gli spa­zi pub­bli­ci. Un’ope­ra­zio­ne che a Na­po­li può fun­zio­na­re: nel­la no­stra cit­tà a mez­za­not­te tro­vi mol­ti lo­ca­li pie­ni, al con­tra­rio in tan­te al­tre cit­tà d’Ita­lia, an­che più bla­so­na­te, que­sto non ac­ca­de. Quin­di è una cit­tà ric­ca di vi­ta, an­che per­ché è quel­la che ha il più al­to nu­me­ro di gio­va­ni. Quin­di, in sin­te­si, io ve­do una cit­tà di gio­va­ni, in­ter­na­zio­na­le che re­cu­pe­ra gli spa­zi ur­ba­ni e, at­tra­ver­so la sua tra­di­zio­ne, si pro­iet­ta ver­so il fu­tu­ro.

A pro­po­si­to di spa­zi ur­ba­ni, che co­sa suc­ce­de­rà sul lun­go­ma­re?

Sia­mo riu­sci­ti a ot­te­ne­re un fi­nan­zia­men­to di 18 mi­lio­ni di eu­ro, gra­zie a fon­di eu­ro­pei, che con­sen­to­no una bel­la, im­por­tan­te e sto­ri­ca ri­qua­li­fi­ca­zio­ne del lun­go­ma­re. Per la par­te cen­tra­le, via Ca­rac­cio­lo, ab­bia­mo de­ci­so di fa­re un con­cor­so d’idee in­ter­na­zio­na­le. Sul­le al­tre due par­ti ab­bia­mo pro­get­ti già pron­ti che de­vo­no es­se­re mes­si in ga­ra. Per­ché l’area di piaz­za Vit­to­ria-Mo­lo­si­glio or­mai ha già un suo as­set­to e quin­di è più sem­pli­ce l’at­ti­vi­tà di de­co­ro e di ri­qua­li­fi­ca­zio­ne. Ciò va­le an­che per la par­te che va da Ro­ton­da Diaz ver­so Po­sil­li­po. Per via Ca­rac­cio­lo, in­ve­ce, è tut­to più com­ples­so per­ché bi­so­gna la­scia­re una par­te di ac­ces­si­bi­li­tà ai mez­zi su ruo­ta, e poi c’è la Vil­la Co­mu­na­le (al­cu­ni pen­sa­no a una mag­gio­re pro­ie­zio­ne del­la Vil­la ver­so il ma­re). Un te­ma im­por­tan­te: è giu­sto e op­por­tu­no apri­re a un con­cor­so di idee in­ter­na­zio­na­le.

Ab­bia­mo an­che del­le pre­vi­sio­ni sui tempi?

Stia­mo la­vo­ran­do ala­cre­men­te. Bi­so­gna rag­giun­ge­re de­gli equi­li­bri isti­tu­zio­na­li per­ché ci so­no di­ver­se so­prin­ten­den­ze che de­vo­no espri­me­re un pa­re­re sui pro­get­ti del lun­go­ma­re. Ab­bia­mo fat­to mol­tis­si­mi ta­vo­li, sia­mo in una fa­se avan­za­ta. Ho ra­gio­ne di ri­te­ne­re che que­sta primavera par­ti­ran­no tut­ti e tre lot­ti a ga­ra. Uno per il con­cor­so d’idee, gli al­tri suc­ces­si­va­men­te ve­dre­mo in che mo­do, uti­liz­zan­do un pro­get­to pre­li­mi­na­re. Or­mai sia­mo pron­ti per la fa­se più im­por­tan­te, quel­la dell’ag­giu­di­ca­zio­ne dei la­vo­ri.

Un al­tro te­ma scot­tan­te, che in­te­res­sa mol­to i na­po­le­ta­ni, è lo Sta­dio San Pao­lo. Che sta suc­ce­den­do?

C’è sta­to an­che l’inter ven­to del­la pro­cu­ra re­gio­na­le del­la Cor­te dei Con­ti che si è oc­cu­pa­to del­la ma­te­ria og­get­to del rap­por­to. Noi sia­mo in una fa­se mol­to avan­za­ta, nel sen­so che, in quan­to Co­mu­ne di Na­po­li, ab­bia­mo pro­po­sto al­la so­cie­tà Cal­cio Na­po­li una pro­po­sta di tran­sa­zio­ne che è pro­dro­mi­ca al­la sti­pu­la del­la nuo­va con­ven­zio­ne. Sia­mo pron­ti a chiu­de­re que­sto “con­ten­zio­so de­bi­to-cre­di­to” che c’è con

la so­cie­tà Cal­cio Na­po­li. Ov­via­men­te dob­bia­mo con­tem­pe­ra­re gli in­te­res­si del Co­mu­ne a in­cas­sa­re del­le som­me, ma an­che cer­ca­re di tro­va­re un pun­to d’in­te­sa con la so­cie­tà Cal­cio Na­po­li. Quin­di tran­sa­zio­ne e con­ven­zio­ne. E all’in­ter­no di que­st’ul­ti­ma io ho po­sto co­me con­di­zio­ne che lo sta­dio San Pao­lo pos­sa es­se­re uti­liz­za­to, co­me suc­ce­de an­che ades­so, da tan­tis­si­mi al­tri spor­ti­vi, ma an­che che la so­cie­tà si im­pe­gni nel­la ri­qua­li­fi­ca­zio­ne e ri­strut­tu­ra­zio­ne del­lo sta­dio. Io cre­do che sia­mo mol­to vi­ci­ni a un ac­cor­do.

Una co­sa mol­to in­te­res­san­te, all’ini­zio del suo man­da­to, fu la que­stio­ne del­le pi­ste ci­cla­bi­li che at­tra­ver­sa­va­no per la pri­ma vol­ta da orien­te a oc­ci­den­te la cit­tà. Che co­sa è suc­ces­so do­po due an­ni: ci sia­mo fer­ma­ti?

As­so­lu­ta­men­te no. Ec­co due da­ti: a mag­gio do­vreb­be­ro par­ti­re le pri­me 20 sta­zio­ni di bi­ke sha­ring che sa­ran­no mol­to uti­li a per­fe­zio­na­re il si­ste­ma. Poi, in tut­ti i pro­get­ti fi­nan­zia­ti dall’Unio­ne Eu­ro­pea che stan­no an­dan­do a ga­ra, so­no pre­vi­ste pi­ste ci­cla­bi­li. Quin­di tut­ti i gran­di as­si via­ri che si rea- liz­ze­ran­no per Na­po­li oc­ci­den­ta­le e orien­ta­le avran­no pi­ste ci­cla­bi­li. Su al­tre stra­de, in­ve­ce, ci so­no dei pro­ble­mi og­get­ti­vi: ad esem­pio stia­mo ri­fa­cen­do via Man­zo­ni e per di­ver­so tem­po è sta­to aper­to il te­ma del­la pi­sta ci­cla­bi­le, ma lì ci so­no dei pro­ble­mi og­get­ti­vi. Si ve­ni­va­no a crea­re dei pro­ble­mi e scon­vol­ge­va de­gli equi­li­bri con­so­li­da­ti vi­sto che per co­struir­la bi­so­gna­va eli­mi­na­re la pos­si­bi­li­tà di par­cheg­gia­re da un par­te del­la stra­da. E que­sto avreb­be crea­to un di­sa­gio no­te­vo­le ai cit­ta­di­ni, quin­di ci sia­mo po­sti il pro­ble­ma di far­lo sul mar­cia­pie­de, ma non è sta­to pos­si­bi­le per ra­gio­ni di si­cu­rez­za. Na­po­li è una cit­tà che po­co si pre­sta al­le biciclette, pe­rò il no­stro pro­get­to va avan­ti e cre­do che una svol­ta for­te sia pro­prio il bi­ke sha­ring.

Ogni pe­rio­do sto­ri­co ha la­scia­to il suo se­gno sul­la cit­tà: dai gre­ci al fa­sci­smo, al boom eco­no­mi­co. Da an­ni, già da Bas­so­li­no, la cit­tà non ac­qui­si­sce nuo­ve trac­ce, nuo­vi pez­zi, nuo­vi edi­fi­ci (a par­te le sta­zio­ni del­le me­tro). È un se­gna­le di de­ca­den­za?

Pen­so che ab­bia­mo del­le op­por­tu­ni­tà. Na­po­li con­tie­ne an­co­ra pez­zi di suo­lo inu­ti­liz­za­to. Dob­bia­mo sot­trar­li al­le spe­cu­la­zio­ni e met­ter­li a di­spo­si­zio­ne dell’ar­chi­tet­tu­ra con­tem­po­ra­nea. Mi vie­ne da fa­re un esem­pio, Ba­gno­li, per­ché pro­prio in que­ste ore stia­mo per fir­ma­re un ac­cor­do sto­ri­co che con­tem­pla la ri­co­stru­zio­ne di Cit­tà del­la Scien­za, da fa­re me­glio di co­me è sta­ta co­strui­ta (per­ché il fat­to che sia bru­cia­ta in quel mo­do ci la­scia mol­to per­ples­si). Ba­gno­li si pre­sta an­che a un’edi­li­zia abi­ta­ti­va un po’ di­ver­sa per­ché in que­sta cit­tà non c’è mai sta­ta un’edi­li­zia abi­ta­ti­va di qua­li­tà, di ti­po re­si­den­zia­le. Pen­so a di­ver­se cit­tà eu­ro­pee. Su Ba­gno­li si può fa­re un buon la­vo­ro: la cit­tà dei gio­va­ni. È una zo­na che ra­pi­da­men­te può tra­sfor­mar­si in pa­ral­le­lo a una vi­sio­ne. Poi c’è l’area Orien­ta­le, sul­la qua­le ci so­no an­che del­le espe­rien­ze in­te­res­san­ti co­me in via Brin. È chia­ro che lì uno svi­lup­po for­te, an­che di edi­li­zia abi­ta­ti­va, ri­chie­de il su­pe­ra­men­to di un osta­co­lo che og­gi è an­co­ra for­te, che è la raf­fi­ne­ria. Non c’è dub­bio che fin quan­do non de­lo­ca­liz­zia­mo raf­fi­ne­rie sa­rà tut­to mol­to più com­pli­ca­to. Pe­rò è ve­ro che Na­po­li può lan­cia­re la sfi­da di un’edi­li­zia abi­ta­ti­va che con­tem­pli una cit­tà an­ti­ca con una mo­der­na, senza ri­pe­te­re gli er­ro­ri che so­no sta­ti fatti nel Cen­tro Di­re­zio­na­le.

Qua­le sa­rà il fu­tu­ro di Na­po­li… e an­che di de Ma­gi­stris?

Na­po­li: mi au­gu­ro che un po­chi­no al­la vol­ta rie­sca ad ac­qui­sta­re mag­gio­re se­re­ni­tà e di­gni­tà nel pa­no­ra­ma mon­dia­le. Io la­vo­ro per que­sto e mi pia­ce sco­pri­re che au­men­ta an­che la par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni. Se­gna­lo so­lo un da­to: quan­do so­no di­ven­ta­to sin­da­co si fa­ce­va fa­ti­ca a ve­de­re im­pren­di­to­ri na­po­le­ta­ni che in­ve­stis­se­ro qual­co­sa di si­gni­fi­ca­ti­vo per at­ti­vi­tà nel­la no­stra cit­tà. Ne­gli ul­ti­mi tempi sta av­ve­nen­do il con­tra­rio. Fac­cio al­cu­ni esem­pi: l’Ip­po­dro­mo, lo Zoo, Eden­lan­dia, le Ter­me di Agna­no a bre­ve. So­no se­gna­li im­por­tan­ti per­ché si trat­ta so­prat­tut­to di im­pren­di­to­ri na­po­le­ta­ni di qua­li­tà. E que­sto per un na­po­le­ta­no, ol­tre che per un sin­da­co, è un se­gna­le mol­to in­co­rag­gian­te. Il mio fu­tu­ro: per i pros­si­mi due an­ni e mez­zo (se Dio vuo­le, per­ché si spre­ca­no ve­ra­men­te ener­gie psi­co­fi­si­che no­te­vo­lis­si­me per fa­re que­sta at­ti­vi­tà senza ri­spar­miar­si un se­con­do!) è fa­re il sin­da­co di Na­po­li a tem­po pie­no. Poi, da­to che am­mi­ni­stra­re una gran­de cit­tà ri­chie­de un ci­clo lun­go per in­ci­de­re dav­ve­ro sul ter­ri­to­rio, mi pia­ce­reb­be ri­ma­ne­re per due in­te­ri man­da­ti, al­tri 7 an­ni e mez­zo. An­che per cor­reg­ge­re gli er­ro­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.