18 L’IN­DI­CE SPUN­TA­TO

Di Ser­gio Fer­ma­riel­lo

Arkeda - - SOMMARIO EDITORIALE -

Per il mon­do dell’ar­te con­tem­po­ra­nea un nuo­vo spet­tro si ag­gi­ra per l’Eu­ro­pa: la so­ler­zia de­gli ad­det­ti al­le pu­li­zie e al buon or­di­ne del­le sa­le mu­sea­li. Pro­prio quan­do l’ar­te sem­bra es­ser­si ri­con­ci­lia­ta con la so­cie­tà, il cui po­te­re ha cam­bia­to for­ma, e dai cui aspet­ti vio­len­ti gli ar­ti­sti si era­no sem­pre op­po­sti in pas­sa­to, con la for­za im­ma­gi­ni­fi­ca dell’uto­pia, ec­co pro­spet­tar­si all’oriz­zon­te un nuo­vo ne­mi­co im­pre­vi­sto, che ri­schia que­sta vol­ta di met­te­re or­di­ne e scom­pi­glio al­le sue idee, e già parla con la for­za bril­lan­te del suo nuo­vo sim­bo­lo: sco­pa e sec­chiel­lo. È suc­ces­so a Ba­ri, nel­la sa­la Mu­rat, spa­zio de­di­ca­to a mo­stre d’ar­te con­tem­po­ra­nea, quan­do una don­na del­le pu­li­zie ha scam­bia­to l’ope­ra di un ar­ti­sta, rea­liz­za­ta con ma­te­ria­li quo­ti­dia­ni, per ma­te­ria­le di scar­to da ce­sti­na­re. Era già suc­ces­so di re­cen­te nel Mu­seo d’ar­te di Ra­ven­na, do­ve un ope­ra­io del­la strut­tu­ra ave­va stuc­ca­to un mu­ro, can­cel­lan­do in que­sta ma­nie­ra, il “fin­to” bu­co di­se­gna­to sul­la pa­re­te da un gio­va­ne per­for­mer del­la “street art”. Già nel 1978, al­la Bien­na­le di Ve­ne­zia, fe­ce cla­mo­re il ca­so di un im­bian­chi­no che osò tin­teg­gia­re la “por­ta” di Mar­cel Du­champ, scam­bian­do­la per un og­get­to d’ar­re­do, crean­do non po­co im­ba­raz­zo tra gli or­ga­niz­za­to­ri del­la Ker­mes­se la­gu­na­re. Vi­sto il rei­te­rar­si del fe­no­me­no, e per evi­ta­re che que­sto si pos­sa ri­pe­te­re, qual­cu­no si è spin­to a sug­ge­ri­re, non senza una cer­ta do­se d’iro­nia, l’ob­bli­go di cor­si se­ra­li di sto­ria dell’ar­te con­tem­po­ra­nea per gli ad­det­ti al set­to­re del­le pu­li­zie in ge­ne­re, af­fin­ché sap­pia­no ri­co­no­sce­re le in­ten­zio­ni e l’opus de­gli ar­ti­sti. Que­sti cor­si di for­ma­zio­ne of­fri­reb­be­ro il van­tag­gio non tra­scu­ra­bi­le, di far­ci ri­tro­va­re in fu­tu­ro un cor­po spe­cia­liz­za­to di pro­fes­sio­ni­sti nel cam­po del­le pu­li­zie e del­la cri­ti­ca avan­za­ta, in gra­do di spie­ga­re agli ar­ti­sti stes­si, il sen­so di tan­te ope­re che spes­so sfug­ge lo­ro, riu­scen­do ma­ga­ri nell’in­ten­to di re­sti­tuir­gli, quel “sen­so del­la real­tà” e quell’or­di­ne del­le co­se, che è ri­ma­sta una pre­ro­ga­ti­va so­lo, dell’uo­mo del­le pu­li­zie. Ma, a que­sto pun­to, con­vie­ne por­si una do­man­da: og­gi che l’ar­te con­tem­po­ra­nea non de­ve più guar­dar­si dal “mo­ra­li­smo” del­la so­cie­tà, dal mo­men­to che la so­cie­tà stes­sa, non sa più co­sa far­se­ne di una “mo­ra­le”, ha sen­so an­co­ra crea­re di­sor­di­ne e non-sen­se? A chi con­vie­ne, vi­sto che la rot­tu­ra del­le nor­me ri­schia di ser­vi­re più al­la spe­cu­la­zio­ne che non all’uma­ni­tà che ave­va il com­pi­to di ser­vi­re? La mo­ra­le è in­fat­ti, vi­sta co­me un fre­no, un lac­cio, per un po­te­re, nel­la so­cie­tà dei con­su­mi, de­si­de­ro­so di spin­ger­si al di là di ogni li­mi­te, ol­tre il qua­le ogni mez­zo di­ven­ta un fi­ne. Se og­gi l’ar­te con le sue pra­ti­che tra­sgres­si­ve e con ope­ra­zio­ni che vo­glio­no fa­re gri­da­re al­lo scan­da­lo, non ve­de più la so­cie­tà ri­vol­ger­gli­si con­tro, è per­ché il po­te­re che la rap­pre­sen­ta, ha smes­so di te­mer­la, aven­do­ne as­sun­to gli stes­si pa­ra­dig­mi e la stes­sa lin­gua. Por­ta­re il “so­gno al po­te­re”, che era il fa­mo­so slo­gan del­le avan­guar­die sto­ri­che del No­ve­cen­to, og­gi vie­ne so­gna­to dal po­te­re stes­so e pre­sto si po­treb­be ri­ve­la­re un in­cu­bo per chi lo ave­va im­ma­gi­na­to ori­gi­na­ria­men­te. Ma se il po­te­re si è di­mo­stra­to, nel di­spie­ga­men­to del­la sua na­tu­ra, pro­fon­da­men­te anar­chi­co e al­ler­gi­co a ogni for­ma di con­trol­lo, pron­to a spon­so­riz­za­re ogni ade­sio­ne al suo mo­del­lo, chi ci po­trà sal­va­re? Non cer­to gli ar­ti­sti che “stan­do al gio­co” ri­spon­do­no al ve­tu­sto “sa­per fa­re” ar­ti­gia­na­le, con il “far sa­pe­re” dell’in­for­ma­zio­ne. Og­gi gli ar­ti­sti crea­no ope­re co­me “in­ci­den­ti di per­cor­so”, per poi aspet­tar­si “l’in­gor­go” del­la co­mu­ni­ca­zio­ne co­me pre­mio. Ar­ti­sti che fan­no la pub­bli­ci­tà a un pro­dot­to ine­si­sten­te: ge­nia­le, ma al­la ter­ra, che ser­ve? Com­pi­to del­la crea­zio­ne è il re­sti­tuir­si, re­ci­ta­va il poe­ta, non quan­do si tra­sfor­ma la real­tà in un rea­li­ty, e l’uni­co le­ga­me che si man­tie­ne con la ter­ra è il fi­lo in­se­ri­to nel­la spi­na per as­si­ste­re al pro­prio spet­ta­co­lo. In un epo­ca co­me que­sta, quan­do di giorno è buio e si cam­mi­na con le lan­ter­ne ac­ce­se, si po­treb­be so­spet­ta­re che Dio ci ab­bia la­scia­to de­fi­ni­ti­va­men­te, al che ver­reb­be spon­ta­nea la do­man­da: Ma ar­ri­va­ti a que­sto pun­to, noi co­me mor­ta­li, sia­mo an­co­ra in gra­do di com­pie­re una buo­na azio­ne? Nel frat­tem­po che gli ar­ti­sti di buo­na vo­lon­tà si de­ci­da­no per il me­glio sul da far­si, an­nun­cio: uo­mi­ni e don­ne del­le pu­li­zie di tut­to il mon­do, uni­te­vi.

Ope­ra dell’ar­ti­sta Eron (Da­vi­de Sal­va­dei)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.