52 IL GIAR­DI­NO DEI RI­COR­DI

Di Gior­gia Bor­rel­li

Arkeda - - DA PRIMA PAGINA - Di Gior­gia Bor­rel­li Fo­to­gra­fie: Gior­gia Bor­rel­li

Si sa, a Na­po­li esi­sto­no un’in­fi­ni­tà di vil­le con giar­di­ni in­ter­ni na­sco­sti dal tram­bu­sto del­la cit­tà, ma quel­lo di vil­la Dec­ker è par­ti­co­la­re: uni­co per la sua sto­ria, per la col­lo­ca­zio­ne e per la pas­sio­ne che il pro­prie­ta­rio met­te nel ma­nu­te­ne­re que­sto an­go­lo di pa­ra­di­so. Sa­len­do via Ni­co­te­ra, nel cuo­re del cen­tro sto­ri­co di Na­po­li, all’in­ter­no di un pa­laz­zo che af­fac­cia sul­la stra­da, con una cor­ti­na con­ti­nua tra an­ti­chi edi­fi­ci e ve­tri­ne di vec­chi bar, si apre un atrio. Al suo in­ter­no un can­cel­lo la­scia in­tra­ve­de­re un bo­sco

in­can­ta­to, sve­la­to so­lo a po­chi for­tu­na­ti. Il pa­dro­ne di ca­sa ci ac­com­pa­gna al­la sco­per­ta di que­sto luo­go se­gre­to. Lui, Fran­co Dec­ker, è il di­scen­den­te del­la fa­mo­sa fa­mi­glia pie­mon­te­se Odin che a Na­po­li ha se­gna­to la sto­ria del­la cioc­co­la­te­ria ar­ti­gia­na­le. Il non­no di Fran­co, Isi­do­ro Odin (spo­sa­to con Ono­ri­na Gay, da qui il no­me dell’azien­da Gay – Odin) ar­ri­vò a Na­po­li dal Pie­mon­te al­la fi­ne del 1800 fa­cen­do for­tu­na nel set­to­re del­la pa­stic­ce­ria. Nel 1890 com­prò la vil­la e il giar­di­no di via Ni­co­te­ra por­tan­do al­la lu­ce il bel­lis­si­mo spa­zio

ver­de che fi­no ad al­lo­ra era adi­bi­to a de­po­si­to di car­roz­ze. Ma la sto­ria di que­sto giar­di­no se­gre­to è mol­to più an­ti­ca. Ri­sa­le al 1600 quan­do era par­te di pa­laz­zo Cel­lam­ma­re e co­sti­tui­va un pez­zo de­gli or­ti su­pe­rio­ri dell’im­men­so giar­di­no che si svi­lup­pa­va al­le sue spal­le e che in­glo­ba­va an­che le odier­ne Ram­pe Bran­cac­cio e la Piaz­zet­ta Mon­dra­go­ne: un “giar­di­no eso­ti­co” con col­ti­va­zio­ni di ana­nas. All’ac­qui­sto del­la vil­la la fa­mi­glia Odin non tro­vò nul­la di quel giar­di­no eso­ti­co del 1600. Isi­do­ro Odin ri­por­tò il giar­di­no agli an­ti­chi splen­do­ri che pe­rò, do­po la sua mor­te, cad­de in ab­ban­do­no fi­no a quan­do Fran­co Dec­ker, che lo ri­ce­vet­te in ere­di­tà dal non­no, non lo ri­di­se­gnò se­con­do i suoi ri­cor­di di bam­bi­no. Si no­ta an­co­ra og­gi una com­mi­stio­ne tra lo sti­le set­te­cen­te­sco nel­le gran­di mu­ra in tu­fo pe­ri­me­tra­li e uno sti­le neo­clas­si­co del­la fi­ne dell’ot­to­cen­to nel­le aiuo­le cen­tra­li cir­co­la­ri. I gran­di al­be­ri se­co­la­ri so­no so­prav­vis­su­ti (un bel­lis­si­mo Gin­ko bi­lo­ba, una Can­fo­ra e un Fi­cus ma­gno­lioi­des dal­le pos­sen­ti ra­di­ci ae­ree all’in­gres­so e più all’in­ter­no del giar­di­no una Dam­ra ro­bu­sta del­la Nuo­va Ze­lan­da e una Arau­ca­ria ma­gno­loi­de dal­le enor­mi pi­gne) co­me dei mo­nu­men­ti dei se­co­li pas­sa­ti. Ma è il sot­to­bo­sco quel­lo che ren­de tut­to l’in­sie­me ar­mo­nio­so e lus­su­reg­gian­te e, pe­rò, ciò che più ha bi­so­gno

di cu­re co­stan­ti e ma­nu­ten­zio­ne at­ten­ta. Ad Aga­pan­thus e ce­spu­gli di Or­ten­sie si ag­giun­go­no Ca­me­lie, Ken­thie e Cy­cas. In fon­do al giar­di­no, nel­la par­te più pro­tet­ta e me­no espo­sta si tro­va an­che una pic­co­la nur­se­ry di ta­lee pre­se dai gran­di al­be­ri e che pian pia­no stan­no cre­scen­do qua­si a man­te­ni­men­to di quel­la bio­di­ver­si­tà rag­giun­ta con tan­ti sa­cri­fi­ci. Ne è fie­ro Fran­co quan­do ne parla. Gli ri­do­no gli oc­chi al pen­sie­ro del suo pez­zo di sto­ria fa­mi­lia­re le­ga­to a dop­pio fi­lo a quei via­let­ti, a que­gli al­be­ri; una sto­ria che non ca­drà mai nell’om­bra fin­ché il giar­di­no vi­vrà per­ché ne rac­con­ta le vi­cen­de, i mo­men­ti di vi­ta spen­sie­ra­ta e quel­li più tri­sti che Fran­co rac­con­ta senza ri­spar­miar­si, con un tem­pe­ra­men­to da “cal­vi­ni­sta na­po­le­ta­no” co­me lui stes­so si de­fi­ni­sce. Il te­so­ro pre­zio­so di que­sta cit­tà è for­ma­to dal­la re­te di per­so­ne di­spo­ni­bi­li a tra­man­da­re le lo­ro vi­cen­de (che poi so­no quel­le di tut­ta la cit­tà), di luo­ghi ina­spet­ta­ti che rac­con­ta­no pez­zi di sto­ria e che ri­man­da­no a tempi lon­ta­ni in cui Na­po­li era un cen­tro cul­tu­ra­le di gran­de im­por­tan­za, al­la pa­ri di Lon­dra, Pa­ri­gi e Vien­na. Il giar­di­no di via Ni­co­te­ra rap­pre­sen­ta a pie­no tut­to ciò, un luo­go di ri­cor­di, vis­su­to e per­va­so da un gran­de fa­sci­no inatteso e da una bel­lez­za sfac­cia­ta pro­prio co­me la cit­tà che lo ospi­ta.

In pri­mo pia­no una Stre­li­tzia re­gi­nae men­tre sul­lo sfon­do una Co­cos spu­mo­sa. Nel­la pa­gi­na ac­can­to: tron­co in pri­mo pia­no Fi­cus ma­gno­loi­des all’in­ter­no del­la fon­ta­na Nin­fee spp.

Da si­ni­stra: Ber­ceau ri­co­per­to da Gel­so­mi­no; Ma­gno­lia gran­di­flo­ra; Co­cos spu­mo­sa, Stre­li­tzia re­gi­nae.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.