WATCHES

Avion Luxury International Airport Magazine - - CONTENTS - Di/ by Franco Bruno

HUBLOT. L'EL­E­GANTE ATTRAZIONE DEGLI OPPOSTI HUBLOT. THE ELE­GANT AT­TRAC­TION OF OP­PO­SITES

Il tempo prezioso ha trovato in Hublot una dimora spe­ciale. Pi­attaforma di val­ori tradizion­ali e tram­polino di ricerca. Per un coac­ervo all’in­segna di in­no­vazione e fu­sion. Con la sol­i­da­ri­età, sullo sfondo Pre­cious time has found in Hublot a spe­cial place. A stage for tra­di­tional val­ues and a launch pad for re­search. For a range char­ac­terised by in­no­va­tion and fu­sion. With sol­i­dar­ity, in the back­ground

Tutto in un flash. Quando la re­altà è frazion­ata in at­timi, solo un crono­grafo può ingab­biare flussi di tempo in­af­ferra­bili. Al­lora, suadenti come un re­folo che ac­carezza le acque del lago Le­mano e lam­bisce Ginevra, ec­coli, i fili d'avan­zata tec­nolo­gia e canoni di raf­fi­nata el­e­ganza, ri­ann­odarsi at­torno alla mai­son di Hublot. La sto­ria quar­an­ten­nale spicca il volo, dalle in­tu­izioni ital­ianis­sime di Carlo Crocco, il fonda­tore, per sfran­gia­rsi nei rivoli propos­i­tivi di una di­men­sione in­ter­nazionale di ricerca. L'orig­i­nario gruppo MDM Gen­eve, nel per­corso so­ci­etario che lo porta all'ac­qui­sizione da parte di LVMH (in buona com­pag­nia con Bul­gari, TAG Heuer e Zenith), sull'onda lunga di collezioni com­pren­denti il King Power, Mas­ter­piece e Fu­sion Clas­sic, tra nuovi mec­ca­n­ismi, tour­bil­lon rat­trap­pante, ris­erva di car­ica, gran data, e nuove com­bi­nazioni, inedite leghe come l'Hublo­nium (al­lu­minio e mag­ne­sio) e il King Gold (oro e platino), ha tesaur­iz­zato una filosofia pro­get­tuale. De­cli­nata in un vero e pro­prio mondo abi­tato dalla com­po­sizione al­chem­ica di ma­te­ri­ali dis­parati, met­alli, min­er­ali, ce­ramiche e polimeri, at­traverso car­bo­nio e met­allo, quarzo e zaf­firo, fi­bra di lino, tes­suti, ed il mix prim­i­ge­nio di oro e gomma nat­u­rale che tutt'in­sieme pro­pon­gono la rein­ven­zione con­tinua de “L'arte della fu­sione”. Sim­bolo di

in­no­vazione e di­ver­sità. Un must iden­ti­tario, ol­tre che sta­tus d'ap­parte­nenza es­clu­sivo nello sport, nelle part­ner­ship, nell'am­bito co­mu­nica­tivo, come nella vita di re­lazione. Per un de­sign cre­ativo in costante evoluzione che risco­pre il val­ore dell'unic­ità nell'esaltare il feed­back tra movi­mento e fun­zione. De­finendo li­nee e vo­lumi della man­i­fat­tura di tutti i pezzi, ben den­tro un sis­tema in­te­grato con cassa in­ter­dipen­dente e cuore pul­sante for­nito da un cal­i­bro d'alta orologe­ria HUB9009.H1.RA, movi­mento mec­ca­nico a car­ica au­to­mat­ica auto-avvol­gente che fun­ziona a 3Hz e for­nisce un to­tale di 5 giorni di ris­erva di car­ica, così, Hublot MP-09 Tour­bil­lon Bi-Axis, viene in­glo­bato da uno sguardo libero di scivolare leg­gero sul tour­bil­lon bi­as­siale e la sua doppia ro­tazione. L'in­volu­cro si fa forma ac­cat­ti­vante e rende sem­plice, nella sua com­p­lessità, la strut­tura in­con­sueta dell'ampia aper­tura, ri­cop­erta da un vetro zaf­firo sfac­cettato in tre com­po­nenti, che si po­siziona ad ore 6 ad ev­i­den­ziare l'ardito mec­ca­n­ismo com­pleto. Mas­sima vis­i­bil­ità,

at­traverso varie an­go­lazioni, per un tour­bil­lon an­i­mato da mi­cro­movi­menti cal­i­bratis­simi e dotato di ro­tazione com­pleta al min­uto per il primo asse e ro­tazione ogni 30 sec­ondi per il sec­ondo, con l'in­di­cazione is­tan­ta­nea della data in due semicer­chi su due pi­ani dis­tinti, e la ris­erva a ore 9. Nel con­testo di una fini­tura cer­tosina, con ponti antracite rivestiti di col­ore gri­gio e un bi­lan­ci­a­mento plac­cato ro­di­ato, in un quad­rante a liv­elli di­versi, che al­terna il nero, il bianco e il rosso. In­no­va­tivo an­che il cor­ret­tore della data: un sem­plice movi­mento della leva per avan­zare, o ar­retrare la data, rispet­ti­va­mente di un giorno. En­trambi i mod­elli sono dotati di una cinghia in gomma nera model­lata con un ap­pos­ito morsetto a catena in ti­tanio o in oro King. Ed, ora, Hublot in­dossa tuta e casco, e in serie lim­i­tata, scende in pista per cel­e­brare il 70° an­niver­sario Fer­rari. L'idea pro­get­tuale di una mor­dace auto da corsa si fonde con le tec­niche orolo­giere, sul fil rouge di un pro­cesso cre­ativo con­cepito a Maranello e per­fezion­ato a Nyon. Movi­mento Hublot come "mo­tore", rivestito (in rute­nio antracite) dall'in­te­la­iatura leg­geris­sima a reti­colo re­sistente, con strut­tura mod­u­lare di scheletro in­ter­me­dio, con­teni­tore e fondello, per Tech­frame Fer­rari 70 Years Tour­bil­lon Chrono­graph, dunque, gioiello ver­sa­tile dalle prestazioni esaltanti nella de­cli­nazione dei mod­elli King, Gold, PEEK Car­bon (poli­etere, etere, chetone). La pro­fi­latura aero­d­i­nam­ica della cassa si trasmuta in de­sign er­gonomico. I con­ta­tori del crono­grafo, im­mersi nel quad­rante nero in zaf­firo, “sorveg­liano” il cuore “scat­tante” di un tour­bil­lon con due perni di ro­tazione, e, a lat­ere, la corona dall'in­serto al ti­tanio (e logo del cavallino ram­pante), ol­tre all'unica leva (stop-and-go delle fun­zioni) in al­lu­minio an­odiz­zato rosso Fer­rari. Ma Hublot, con il nuovo orolo­gio Big Bang Depeche Mode (250 es­em­plari) dotato di cassa in ce­ram­ica zi­gri­nata da 45 mm con in­cise migli­aia di pi­ramidi che si pro­l­ungano fino ai pul­santi, alla corona e agli in­dici (ol­tre al cin­turino in pelle e fas­cia chio­data da rock­star) sull'onda lunga della part­ner­ship con i Depeche Mode, scende in campo (en­co­mi­a­bil­mente) per rac­cogliere fondi a fa­vore del pro­getto Char­ity:Water. La pri­or­ità: portare ac­qua pota­bile, pulita e si­cura, alle popo­lazioni in via di sviluppo. Dopo il suc­cesso dei pro­grammi prece­denti (229, in Nepal ed Etiopia), il prossimo Global Spirit Tour della band in­glese, a liv­ello mon­di­ale, fa­vorirà la ven­dita fi­nal­iz­zata di un mod­ello che sim­boli­ca­mente reca il logo della pic­cola tan­ica di Char­ity:Water sul fondello in vetro zaf­firo. Il movi­mento HUB1242, è lì, a tes­ti­mo­ni­are il “tempo del cam­bi­a­mento”. Per­ché la sol­i­da­ri­età (forma as­sai spe­ciale di lusso), non può as­pettare. E, Hublot lo sa.

Per cel­e­brare il 70° an­niver­sario di Fer­rari, il mar­chio ital­iano e il suo part­ner Hublot cre­ano Tech­frame Fer­rari 70 Years Tour­bil­lon Chrono­graph disponi­bile in tre ver­sioni: King Gold, Car­bon PEEK e Ti­tanio, og­nuna lim­i­tata a 70 es­em­plari. L’orolo­gio è des­ti­nato ad es­sere un pezzo da collezione. A de­stra, Hublot MP-09 Tour­bil­lon Bi-Axis. To cel­e­brate Fer­rari's 70th an­niver­sary, the Ital­ian mar­que and its part­ner Hublot cre­ate the Tech­frame Fer­rari 70 Years Tour­bil­lon Chrono­graph avail­able in three ver­sions: King Gold, PEEK Car­bon and Ti­ta­nium, each pro­duced in 70 lim­ited edi­tions. It is des­tined to be a col­lec­tor's item. Right, the Hublot MP-09 Tour­bil­lon Bi-Axis.

Newspapers in English

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.