E D ITOR IA L

Avion Luxury International Airport Magazine - - EDITORIAL - An­gela Triv­i­gno

“Credo che avere la terra e non rov­inarla sia la più bella forma d'arte che si possa desider­are” “I think hav­ing land and not ru­in­ing it is the most beau­ti­ful art that any­body could ever want ” Andy Warhol

Ai nos­tri giorni rin­cuora costatare come sem­pre più spesso si senta non solo par­lare ma an­che agire conc­re­ta­mente verso un per­corso di eco-sosteni­bil­ità, di rispetto per le risorse e la natura, as­so­lu­ta­mente da preser­vare. Un im­pegno che, se por­tato avanti con co­erenza e tenac­ità in ogni set­tore, an­drà a ben­efi­cio di tutti, ora e, so­prat­tutto, per le gen­er­azioni fu­ture. Ecco che al­lora molti lux­ury brand com­in­ciano a per­cor­rere se­ri­amente questo en­tu­si­as­mante per­corso di sfida che parte dalla scelta delle ma­terie prime, passa at­traverso la pro­duzione rispet­tosa, al fine di re­al­iz­zare prodotti o of­frire servizi che im­pat­tino sem­pre meno sull'am­bi­ente. Un cam­bi­a­mento che è richiesto an­che dalle scelte fon­da­men­tali di cli­enti es­i­genti, dalla co­scienza più eco-friendly, che oggi desider­ano optare su ac­quisti più con­sapevoli, sposando così la lungimi­ranza di certe buone vi­sioni sosteni­bili, ove pos­si­bile, senza ri­n­un­ciare alla bellezza, qual­ità o ricer­catezza. Il nos­tro vi­ag­gio di bellezza parte dalla natura in­con­tam­i­nata e preser­vata sull'atollo pri­vato di Te­tiaroa nella Po­li­ne­sia Francese, dove la vi­sione di Mar­lon Brando si è con­cretiz­zata at­traverso l'eco-lux­ury re­sort The Brando, por­ta­tore della filosofia della sosteni­bil­ità e del basso im­patto am­bi­en­tale, una meta per­fetta per chi ama trascor­rere una va­canza im­mersi nella straor­di­naria bellezza della natura, nel lusso dis­creto e in una pri­vacy unica. Un es­em­pio pi­o­ner­is­tico di eco-sosteni­bil­ità e di lusso a im­patto zero. Non è da meno an­che l'Isola pri­vata di Mi­laid­hoo alle Mal­dive, sit­u­ata nella bios­fera mon­di­ale pro­tetta dall'Un­esco, una pic­cola isola in­can­tev­ole di una ricca bellezza nat­u­rale, da sco­prire rig­orosa­mente a piedi nudi, in per­fetta sim­biosi con la natura, dove il con­fort of­ferto dal re­sort Mi­laid­hoo Mal­dives è dis­creto e in­for­male. Lusso e tutela di del­i­cati eco­sis­temi sono la nuova fron­tiera delle va­canze più es­clu­sive. An­che se la strada eco-com­pat­i­bile è an­cora lunga in de­ter­mi­nati set­tori, non si può non ri­conoscere l'im­pegno sem­pre più at­tento verso l'am­bi­ente per i pro­dut­tori delle su­per car, oggi più eco e hi-tech, con le quali al pi­acere della guida si af­fi­anca la moder­nità di mo­tori a propul­sione ib­rida e con una mag­giore au­tono­mia a zero emis­sioni, ma an­che quello dei su­per yacht di gran lusso ital­iani. Yacht che sono am­ati so­prat­tutto per la loro es­tet­ica im­pareg­gia­bile, per il gusto tutto ital­iano nella scelta di ma­te­ri­ali ricer­cati e di pre­gio, otre a tec­niche in­no­va­tive ma sem­pre senza ec­cessi. Una ten­denza in­no­va­trice che di­mostra come an­che nell'au­to­mo­bilis­tica e nella nau­tica si può ap­pli­care e per­fezionare un lusso sem­pre più green, con risul­tati stra­bilianti in ter­mini di prestazioni e stile. E an­che il cielo si popola di bo­lidi sem­pre più sofisti­cati, gra­zie ai busi­ness jet di ul­tima gen­er­azione che si spostano a ve­loc­ità prima im­pens­abili gra­zie a mo­tori più po­tenti ed ef­fi­ci­enti, ma ul­te­ri­or­mente an­che più at­tenti ai con­sumi ed alla pro­duzione di emis­sioni nonché più silen­ziosi, con mi­nor im­patto an­che sull'in­quina­mento acus­tico. Una nuova tec­nolo­gia oggi dunque più rispet­tosa del pi­aneta che si ac­com­pa­gna a una cres­cente per­son­al­iz­zazione degli in­terni, dal de­sign su­per tec­no­logico e di gran stile, vere e pro­prie mega suite con le ali. E che dire, dell'alta orologe­ria, dell'alta gioiel­le­ria o dell'alta moda. Al­tri tre am­biti oggi sem­pre meno in­dif­fer­enti ai prob­lemi del pi­aneta, nei quali la sper­i­men­tazione di nuovi ma­te­ri­ali af­fina tec­nolo­gie sem­pre più all'avan­guardia che al­i­men­tano cre­ativ­ità, sfide e con­quiste, an­tic­i­pando i tempi e volando verso nuovi oriz­zonti dell'ar­ti­gianal­ità, tramite sofisti­cazioni pure e tec­niche di dec­o­razione uniche. E qui la via verso la sosteni­bil­ità è ap­pena par­tita e si misura at­traverso un sipario che si al­larga alla scelta di ma­te­ri­ali eco­logici o cer­ti­fi­cati, nat­u­rali, di re­cu­pero o rigenerati, pro­ced­i­menti di la­vo­razione rispet­tosi tra re­spon­s­abil­ità so­ciale e am­bi­en­tale e con trac­cia­bil­ità di tutta la fil­iera. E, in­fine, l'am­bito beauty che anch'esso si af­fina a per­fezionare pro­fumi e trat­ta­menti ecososteni­bili, us­ando in­gre­di­enti più nat­u­rali o in­te­grando el­e­menti già pre­senti nel nat­u­rale pat­ri­mo­nio ge­netico che nor­mal­mente si per­dono con l'età. Tutto pro­cede verso il “nat­u­rale“e la strada da per­cor­rere in questo senso è sì lunga ma, for­tu­nata­mente, ricca di sor­p­rese e buone in­ven­zioni. La sfida tra tec­nolo­gia e in­no­vazione, tra et­ica ed es­tet­ica, porterà si­cu­ra­mente a una nuova filosofia del bello, dove il lusso sarà più sosteni­bile, ac­ces­si­bile e rispet­toso dell'uomo e dell'am­bi­ente: un cam­bi­a­mento che su­pera i cliché del pas­sato e si pre­senta al fu­turo con una più nat­u­rale e au­t­en­tica vi­tal­ità. Today, it is heart­en­ing to state that we in­creas­ingly hear peo­ple not just talk about en­vi­ron­men­tal is­sues but also take con­crete ac­tion to achieve sus­tain­abil­ity and re­spect re­sources and na­ture, which should be pro­tected. This com­mit­ment, if un­der­taken con­sis­tently and with tenac­ity in ev­ery sec­tor, will ben­e­fit every­one now and, above all, for fu­ture gen­er­a­tions. This is why many lux­ury brands have be­gun to se­ri­ously tackle this ex­cit­ing chal­lenge, which be­gins with the choice of raw ma­te­ri­als, fol­lowed closely by sus­tain­able pro­duc­tion, to en­sure prod­ucts or ser­vices have a much lower im­pact on the en­vi­ron­ment. This change is also re­quired due to the fun­da­men­tal choices of de­mand­ing cus­tomers with a more eco-friendly con­science, and who today want to make more in­formed pur­chases that unite far­sight­ed­ness with sus­tain­able vi­sions, where pos­si­ble, with­out com­pro­mis­ing beauty, qual­ity or re­fine­ment. Our jour­ney of beauty starts in the pris­tine, pro­tected na­ture of the pri­vate atoll of Te­tiaroa in French Poly­ne­sia, where the vi­sion of Mar­lon Brando has been re­alised through a lux­ury eco-re­sort, The Brando, which be­lieves in the phi­los­o­phy of sus­tain­abil­ity and low en­vi­ron­men­tal im­pact and is the per­fect desti­na­tion for those who love spend­ing a hol­i­day sur­rounded by the beauty of na­ture, in se­cluded lux­ury and unique pri­vacy. It is a pi­o­neer­ing ex­am­ple of eco-sus­tain­abil­ity and lux­ury with zero im­pact. Equally won­der­ful is the pri­vate is­land of Mi­laid­hoo in the Mal­dives, which is sit­u­ated in a Un­esco-pro­tected world bio­sphere. This small is­land of ex­quis­ite nat­u­ral beauty, which should def­i­nitely be ex­plored bare­foot, is in per­fect sym­bio­sis with na­ture, and of­fers dis­creet, ca­sual com­fort. Lux­ury and the pro­tec­tion of del­i­cate ecosys­tems are the new fron­tier of the most ex­clu­sive hol­i­days. Even though the road to­wards en­vi­ron­men­tal sus­tain­abil­ity is still long in cer­tain sec­tors, there is still grow­ing com­mit­ment to the en­vi­ron­ment among the man­u­fac­tur­ers of su­per­cars, which are both more en­vi­ron­men­tally friendly and high tech, and com­bine driv­ing plea­sure with the moder­nity of hy­brid propul­sion and greater range, with zero emis­sions. This is also true of the Ital­ian con­struc­tors of lux­ury su­pery­achts, which are loved above all for their un­ri­valled beauty, for their uniquely Ital­ian choice of re­fined, qual­ity ma­te­ri­als, as well as for the in­no­va­tive tech­niques they em­body, but al­ways with­out go­ing over the top. This in­no­va­tive trend demon­strates how, even in the au­to­mo­tive and nau­ti­cal sec­tors, the lux­ury in­dus­try is in­creas­ingly go­ing green, with re­sults in terms of performance and style. The sky is also filled with in­creas­ingly so­phis­ti­cated air­craft, with lat­est-gen­er­a­tion jets that move at pre­vi­ously un­think­able speeds thanks to more pow­er­ful and ef­fi­cient en­gines, but also em­brace a greater aware­ness of con­sump­tion and the pro­duc­tion of emis­sions, as well as be­ing qui­eter, with less noise pol­lu­tion. Th­ese new, more re­spect­ful tech­nolo­gies are of­ten ac­com­pa­nied by an in­creased per­son­al­i­sa­tion of in­te­ri­ors, by high-tech, ex­tremely stylish de­sign: gen­uine mega-suites with wings. Now, what can be say about high fash­ion, re­fined watches and jew­ellery? Th­ese are three ar­eas that are be­com­ing in­creas­ingly less in­dif­fer­ent to prob­lems of the planet, and in which new ma­te­ri­als hone in­creas­ingly mod­ern tech­nolo­gies, which in turn fuel cre­ativ­ity, that are ahead of their time and open new hori­zons in crafts­man­ship. In this case, the route to­wards sus­tain­abil­ity has only just be­gun by us­ing more eco­log­i­cal or cer­ti­fied nat­u­ral ma­te­ri­als, re­cy­cled or re­gen­er­ated items, and more re­spect­ful man­u­fac­tur­ing pro­ce­dures in terms of social and en­vi­ron­men­tal re­spon­si­bil­ity and trace­abil­ity. Lastly, even the beauty in­dus­try is work­ing to­wards per­fect­ing en­vi­ron­men­tally sus­tain­able per­fumes and treat­ments, work­ing with more nat­u­ral in­gre­di­ents or adding el­e­ments nat­u­rally found within our ge­netic her­itage that are lost with age. Ev­ery­thing is head­ing to­wards the “nat­u­ral” and the road to cover in this sense is long but, for­tu­nately, filled with sur­prises and good in­ven­tions. The chal­lenge be­tween tech­nol­ogy and innovation, ethics and aes­thet­ics, will cer­tainly lead to a new phi­los­o­phy for beauty, in which lux­ury will be more sus­tain­able, ac­ces­si­ble and re­spect­ful of man and the en­vi­ron­ment: a change that side-steps the clichés of the past and presents it­self to the fu­ture with a more nat­u­ral and au­then­tic vi­tal­ity.

Newspapers in English

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.