STI­LE DI VI­TA Amo­re per il de­si­gn

Le vi­gne del­la te­nu­ta di Al­ber­to Ales­si scen­do­no dol­ce­men­te fi­no al­le ri­ve del la­go d’or­ta. In que­sto idil­li­co pae­sag­gio, il ti­to­la­re dell’azien­da che ha cam­bia­to il si­gni­fi­ca­to de­gli ac­ces­so­ri per la ca­sa si de­di­ca al­la vi­ti­col­tu­ra in uno spa­zio re­stau­ra

Casa & Design - - Sommario - TE­STO: ÀNGELS MAN­ZA­NO FO­TO: MADS MO­GEN­SEN

Si può di­ri­ge­re un’azien­da co­me Ales­si, de­di­ca­ta al­la pro­du­zio­ne di og­get­ti in cui il de­si­gn di­ven­ta il va­lo­re che fa la dif­fe­ren­za, e al­lo stes­so tem­po es­se­re ap­pas­sio­na­ti di vi­ti­col­tu­ra e so­gna­re di crea­re un vi­no ro­ton­do e par­ti­co­la­re co­me il pro­prio ca­ta­lo­go Ales­si. Per da­re spa­zio a que­sta pas­sio­ne, Al­ber­to Ales­si non ha avu­to dub­bi nel co­strui­re que­sta te­nu­ta con vi­gna nel luo­go do­ve è cre­sciu­to, vi­ci­no al la­go d’or­ta, quan­do la pro­prie­tà è sta­ta mes­sa in ven­di­ta, per crea­re vi­ni di pre­sti­gio uti­liz­zan­do me­to­di bio­di­na­mi­ci. Per uno co­me lui, abi­tua­to a pren­de­re ogni giorno de­ci­sio­ni che han­no a che fa­re con il pro­get­to, far­lo sul­la ri­strut­tu­ra­zio­ne del­la nuo­va ca­sa è sta­to fa­ci­le e pia­ce­vo­le. La pri­ma scel­ta di Al­ber­to Ales­si è sta­ta coin­vol­ge­re il suo ami­co e col­la­bo­ra­to­re Ales­san­dro Men­di­ni che si è in­ca­ri­ca­to del pro­get­to di ri­strut­tu­ra­zio­ne e, al tem­po stes­so, si è oc­cu­pa­to del­la ri­gi­da nor­ma­ti­va con­ser­va­ti­va del­la zo­na. Ales­si as­si­cu­ra che non è gra­zie al suo no­me che ha po­tu­to fa­re ciò che ha fat­to. In mol­ti an­ni la sua azien­da ha col­la­bo­ra­to con più di due­cen­to de­si­gner, fra cui no­mi del ca­li­bro di Et­to­re Sott­sass, Ri­chard Sap­per, Achil­le Ca­sti­glio­ni, Al­do Ros­si, Mi­chael Gra­ves, Phi­lip­pe Starck, Ste­fa­no Gio­van­no­ni, En­zo Ma­ri, Ja­sper Mor­ri­son, Ron Arad, Jor­ge Pen­si e lo stes­so Men­di­ni, che è sta­to con­su­len­te dell’azien­da sin dal 1979. La ri­chie­sta di Al­ber­to Ales-

si all’ar­chi­tet­to non è sta­ta mol­to com­pli­ca­ta: mol­ta pie­tra e le­gno, os­ser­va­re i prin­ci­pi del Feng Shui e crea­re una stan­za am­pia ed es­sen­zia­le do­ve riu­ni­re la fa­mi­glia per man­gia­re, cu­ci­na­re e sta­re in­sie­me. In so­stan­za una ca­sa fun­zio­na­le, co­mo­da e ac­co­glien­te. Gra­zie al­la ca­pa­ci­tà di Men­di­ni si è riu­sci­ti a con­ser­va­re la strut­tu­ra ori­gi­na­le e, al tem­po stes­so, a tra­sfor­ma­re ra­di­cal­men­te la di­stri­bu­zio­ne in­ter­na per crea­re que­sta am­pia area giorno e al­tre zo­ne di con­fort, co­me la spa e la pi­sci­na in­ter­na, si­tua­te in un’area an­nes­sa al vo­lu­me prin­ci­pa­le. Nel­la sa­la da pranzo Men­di­ni ha di­spo­sto un ta­vo­lo di sei me­tri di lun­ghez­za, di­se­gna­to da lui e co­strui­to con il le­gno dei vec­chi ca­sta­gni cre­sciu­ti nel­la pro­prie­tà. In­tor­no a que­sta im­po­nen­te ta­vo­la Ales­si ha scel­to una se­rie di se­die dif­fe­ren­ti, disegnate da­gli ami­ci e dai col­la­bo­ra­to­ri più af­fe­zio­na­ti co­me i fra­tel­li Bou­roul­lec, Nao­to Fu­ka­sa­wa e Ja­sper Mor­ri­son, pro­dot­te per la mag­gior par­te da Ma­gis. Sot­to al ta­vo­lo, quat­tro tap­pe­ti so­no ac­co­sta­ti per for­ma­re ai pie­di dei com­men­sa­li un araz­zo dal­le va­rie to­na­li­tà di ros­so. Scaf­fa­la­tu­re in le­gno ri­co­pro­no le pa­re­ti e ac­col­go­no la col­le­zio­ne di li­bri di sto­ria lo­ca­le del pro­prie­ta­rio. Uno de­gli ele­men­ti ca­rat­te­riz­zan­ti è l’ac­ces­so al­la torre che so­vra­sta l’edi­fi­cio: non è più un luo­go se­gre­to, ma una de­sti­na­zio­ne. Una “se­du­cen­te” sca­la a chioc­cio­la, lac­ca­ta di ros­so e dal­la la­mie­ra per­fo­ra­ta co­me un piz­zo, con­du­ce al­la torre. Un pun­to di for­za di Ales­si è sa­per con­ci­lia­re fun­zio­ne e sti­le at­tra­ver­so l’in­no­va­zio­ne tec­no­lo­gi­ca e la ri­cer­ca di nuo­ve for­me, e que­sta for­za è este­sa an­che al­la ca­sa e ai suoi vigneti.

n

Nel­la sa­la da pranzo, ta­vo­lo, di­se­gna­to da A. Men­di­ni, rea­liz­za­to in le­gno di ca­sta­gno. Le se­die so­no disegnate da Fu­ko­sa­wa, dai fra­tel­li Bou­roul­lec e da Ja­sper Mor­ri­son. Lam­pa­de So­no­ra di Vi­co Ma­gi­strett i per Olu­ce.

Sei me­tri di ta­vo­lo.

LA SA­LA DA PRANZO È UN ECLET­TI­CO OMAG­GIO AL LA­VO­RO DI AMI­CI E COL­LA­BO­RA­TO­RI DELL’AZIEN­DA

Le­gno, pie­tra e bron­zo. Il ta­vo­lo è un pro­get­to del­lo stes­so Men­di­ni rea­liz­za­to con le­gno di ca­sta­gno del­la pro­prie­tà. Le sto­vi­glie so­no una crea­zio­ne di Da­vid Chip­per­field per Ales­si, e la scul­tu­ra di bron­zo è un regalo di Ales­san­dro Men­di­ni. At­mo­sfe­ra d

Mo­men­ti di re­lax. Nel pia­no in­fe­rio­re si tro­va­no la spa e la pi­sci­na in­ter­na, ri­co­per­ta da un mo­sai­co di Bisazza di­se­gna­to da Men­di­ni. Suo è an­che il pro­get­to del­la li­bre­ria rea­liz­za­ta in le­gno che si tro­va al pia­no rial­za­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.