Ab­bas­so le stra­de a sen­so uni­co

Chi - - A Tu Per Tu Con Alfonso Signorini - Al­fon­so Si­gno­ri­ni

Ca­re let­tri­ci, ca­ri let­to­ri, ho ap­pe­na po­sta­to (si­gni­fi­ca pub­bli­ca­to, og­gi­gior­no si di­ce co­sì) sul mio pro­fi­lo di In­sta­gram un vi­deo in cui suo­no al pia­no­for­te il Pre­lu­dio op. 28 di Cho­pin. A par­te lo stu­po­re, la do­man­da che mi sen­to ri­vol­ge­re più spes­so nei com­men­ti al vi­deo è: «Ma co­me fai a suo­na­re Cho­pin co­sì e a fa­re un pro­gram­ma co­me il Gran­de fra­tel­lo Vip?». E al­lo­ra vorrei gi­ra­re an­ch’io una do­man­da a tut­ti quel­li che mi han­no chie­sto que­sta co­sa e ri­spon­de­re: «E per­ché no?». Ma per­ché, di­co io, la vi­ta de­ve scor­re­re per for­za sul­lo stes­so bi­na­rio? Il sa­le del­la vi­ta, ciò che la ren­de as­sai più sa­po­ri­ta, non è for­se quel­lo di vi­ver­la, di spe­ri­men­tar­la in ogni sua espres­sio­ne? Chi l’ha det­to che chi è chia­ma­to a di­re la sua su Cri­stia­no Mal­gio­glio o Se­re­na Gran­di in un po­po­la­ris­si­mo pro­gramm­ma tv non pos­sa an­che interpretare una So­na­ta di Bee­tho­ven con la stes­sa pas­sio­ne, con lo stes­so en­tu­sia­smo, con la stes­sa au­to­re­vo­lez­za? Non ho mai ama­to le stra­de a sen­so uni­co. Non ho mai vo­lu­to pri­var­mi del­la bel­lez­za di am­mi­ra­re ciò che ci cir­con­da in tut­ti i suoi co­lo­ri, in tut­te le sue for­me espres­si­ve. Cer­to, per far­lo ho fa­ti­ca­to mol­to di più. Ma og­gi, do­po an­ni e an­ni di studio, do­po tan­te ore pas­sa­te sui li­bri, nel­le bi­blio­te­che o nel­le sa­le di mu­si­ca, pos­so di­re di ave­re in­ve­sti­to be­ne il mio tem­po. Per que­sto e per tan­te al­tre ra­gio­ni con­ti­nue­rò a di­ri­ge­re “Chi”, ma an­che a scri­ve­re li­bri su Ma­ria Cal­las o su Cho­pin (a pro­po­si­to, il mio nuo­vo ro­man­zo su Cho­pin esce tra po­che set­ti­ma­ne, ma ve ne par­le­rò). Con­ti­nue­rò a fa­re il Gran­de fra­tel­lo Vip, ma an­che ad al­le­sti­re la re­gia di opere o spet­ta­co­li tea­tra­li, co­me ho fat­to que­sta esta­te con la

Tu­ran­dot di Puc­ci­ni. Con­ti­nue­rò ad ap­pas­sio­nar­mi in una di­scus­sio­ne sul rap­por­to li­ti­gio­so tra san Pao­lo e san Pie­tro (ne ho par­la­to con un ami­co ge­sui­ta giu­sto po­che se­re fa, com­men­tan­do le let­te­re pao­li­ne), ma an­che a di­ver­tir­mi in oste­ria con gli ami­ci da­van­ti a un bel fia­sco di Chian­ti, co­me pia­ce fa­re a noi. Que­sta è la bel­lez­za del­la vi­ta, quel­la che mi fa­rà di­re: «Ho vis­su­to», quan­do ci sa­rà da pre­pa­rar­ci all’ine­vi­ta­bi­le con­ge­do. Per ades­so mi di­ver­to, gra­to al­la vi­ta e, la­scia­te­me­lo di­re, an­che a me stes­so. Al­la pros­si­ma!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.