FE­DEZ E LA FER­RA­GNI MI HAN­NO DELUSA

Chi - - Lettere Al Direttore -

Ca­ris­si­mo Al­fon­so, non so se ti ri­cor­di di me, an­ni fa ci sia­mo co­no­sciu­ti a Ve­ris­si­mo, ti ave­vo stres­sa­to per sa­pe­re qua­le smal­to in­dos­sas­se la Tof­fa­nin! Riec­co­mi qui. So­no tor­na­ta da po­co da Los An­ge­les. Ero lì con de­gli ami­ci. Alis­sa,la fi­glia di una mia ami­ca, ado­ra Chia­ra Fer­ra­gni e per gior­ni ci sia­mo sfio­ra­ti sen­za mai in­con­trar­ci... Noi an­da­va­mo via dal Lac­ma (Los An­ge­les Coun­ty Mu­seum of Art, ndr) e lei e Fe­dez ci ar­ri­va­va­no, noi era­va­mo al cen­tro com­mer­cia­le a Ma­li­bu e lo­ro ci era­no sta­ti il gior­no do­po... Alis­sa si di­spe­ra­va! Io amo gli Sta­ti Uni­ti e in par­ti­co­la­re L.A., a tut­ti rac­con­to sem­pre che in quel­la cit­tà i so­gni di­ven­ta­no real­tà: per me è sem­pre sta­to co­sì . Un gior­no era­va­mo al Cec­co­ni’s a We­st Hol­ly­wood, Alis­sa con­ti­nua­va a sma­net­ta­re su “ig” e mi ha det­to che lo­ro era­no all’Ivy. Tre, quat­tro iso­la­ti da noi, mi so­no detta. E co­sì con Alis­sa, sua mam­ma e mia fi­glia di 5 an­ni (col mito di Fe­dez, ahi­mè) sia­mo an­da­te nel ri­sto­ran­te do­ve era­no lo­ro. Mi so­no gen­til­men­te av­vi­ci­na­ta al lo­ro ta­vo­lo di­cen­do che Alis­sa vo­le­va fa­re una fo­to e che li avrem­mo aspet­ta­ti fuo­ri. A sten­to si so­no gi­ra­ti a guar­dar­mi men­tre par­la­vo e mi ha ri­spo­sto lui con un sec­co: “Sì, me­glio”. Per 10 mi­nu­ti so­no ri­ma­sti se­du­ti al lo­ro ta­vo­lo, sen­za par­lar­si, con gli oc­chi in­col­la­ti ai ri­spet­ti­vi te­le­fo­ni. Ave­va­no già fi­ni­to di man­gia­re pri­ma che ar­ri­vas­si­mo noi. Si so­no fi­nal­men­te al­za­ti e una vol­ta ar­ri­va­ti da noi, io ho spie­ga­to in bre­ve quan­to lei pia­ces­se al­la po­ve­ra Ali e lui al­la mia bim­ba. Non ci han­no nem­me­no guar­da­te, con­ti­nua­va­no a di­re so­lo mo­no­sil­la­bi inu­ti­li del ti­po “Eh” e stop. La Fer­ra­gni ha fat­to una fo­to sen­za chie­de­re ad Alis­sa nem­me­no il suo no­me e io mi so­no tro­va­ta co­stret­ta a far­ne una con lo­ro per­ché mia fi­glia era super in­ti­mi­di­ta dal lo­ro at­teg­gia­men­to. Fred­di, di­stac­ca­ti, al­tez­zo­si e ma­le­du­ca­ti. Spes­so all’estero mi ri­tro­vo a ver­go­gnar­mi di es­se­re ita­lia­na per la man­can­za di ri­spet­to, di at­ten­zio­ne al­le re­go­le (an­che so­lo la fi­la di­sor­di­na­ta per im­bar­car­si su­gli ae­rei con de­sti­na­zio­ni ita­lia­ne), ma que­sta vol­ta è sta­to peg­gio. Gior­ni pri­ma a Ma­li­bu ho in­con­tra­to Laura Dern, che ha all’at­ti­vo un cur­ri­cu­lum mol­to più flo­ri­do dei miei due con­na­zio­na­li: ha vin­to Gol­den Glo­be, è sta­ta can­di­da­ta all’Oscar e ul­ti­ma­men­te la sua in­ter­pre­ta­zio­ne in

Big Lit­tle Lies (che se ti do­ves­se es­se­re sfug­gi­to ti in­vi­to for­te­men­te a guar­da­re) è sta­ta stra­bi­lian­te! In­som­ma, pro­prio lei mi ha chie­sto il mio no­me e si è detta ono­ra­ta di pia­ce­re ol­treo­cea­no! La Fer­ra­gni è una fa­shion blogger ciò si­gni­fi­ca che i suoi fol­lo­wer, co­me la pic­co­la Alis­sa , so­no fon­te di gua­da­gno per lei... E lui che can­ta di es­se­re un ra­gaz­zo sem­pli­ce, che si in­fer­vo­ra ogni­qual­vol­ta il rap­per di tur­no si sca­glia con­tro il suc­ces­so che sta aven­do con J-Ax? Noi ci sia­mo ri­ma­sti tut­ti dav­ve­ro mol­to ma­le! Se po­sti con­ti­nua­men­te do­ve sei pro­prio nel pre­ci­so mo­men­to in cui sei dav­ve­ro in quel po­sto, cre­do che do­vre­sti met­te­re in con­to che qual­cu­no pri­ma o poi ver­rà a cer­car­ti. O for­se cre­do­no che tut­ti i lo­ro fol­lo­wer non pos­sa­no es­se­re a Los An­ge­les co­me lo­ro e ave­re una cer­ta di­me­sti­chez­za con la cit­tà? Par­lan­do in cit­tà mi è sta­to det­to che la Fer­ra­gni “non se la con­ten­de nes­su­no lì” e ad Ali è sta­to chie­sto se tra tut­ti pro­prio die­tro a lei do­ve­va cor­re­re! Vo­le­vo con­di­vi­de­re con te (che per me rap­pre­sen­ti il gos­sip sa­no, ve­ro e in­for­ma­to dell’Ita­lia) que­sta no­stra pes­si­ma espe­rien­za. Cer­chia­mo di da­re im­por­tan­za ai ve­ri per­so­nag­gi con il cuo­re d’oro!!! Con af­fet­to e sti­ma Ro­mi­na

Ca­ra Ro­mi­na, mi au­gu­ro so­lo, per il lo­ro be­ne, che quel gior­no Fe­dez e Chia­ra aves­se­ro la lu­na stor­ta. Per­ché se vi­vo­no con que­sto at­teg­gia­men­to la lo­ro fa­ma, so­prat­tut­to ver­so chi quel­la fa­ma ha con­tri­bui­to a co­strui­re, sa­reb­be ve­ra­men­te tri­ste. Chis­sà, ma­ga­ri leg­ge­ran­no que­sta let­te­ra: spe­ro vo­glia­no di­re la lo­ro.Un ca­ro sa­lu­to!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.