LA ME­MO­RIA DEL CUO­RE

Chi - - Lettere Al Direttore -

Gen­ti­le Al­fon­so, in un po­me­rig­gio di fi­ne esta­te so­no in re­lax a leg­ge­re un po’ di gior­na­li e re­sto col­pi­ta dal suo ar­ti­co­lo ini­zia­le, di aper­tu­ra, quel­lo sul nu­me­ro te­le­fo­ni­co del­la sua fa­mi­glia, nu­me­ro “ine­si­sten­te” se­con­do la vo­ce me­tal­li­ca che ri­spon­de. Re­sto col­pi­ta per­ché lo tro­vo di una dol­cez­za strug­gen­te che con­di­vi­do. Da po­co, si­ste­man­do i do­cu­men­ti di mia mam­ma an­zia­na, ma­la­ta e in­ten­zio­na­ta a stac­ca­re il te­le­fo­no (è in un isti­tu­to do­ve la cu­ra­no), non rie­sco. Chia­mo la Tim, ma non rie­sco a chiu­de­re una li­nea che ha se­gna­to la mia vi­ta, la te­le­fo­na­ta quo­ti­dia­na, te­mu­ta, for­se no­io­sa… Ma ora che non c’è man­ca un pez­zo di vi­ta. Co­sì non ho stac­ca­to la li­nea, l’ho la­scia­ta, una spe­sa for­se inu­ti­le per chi non ha la me­mo­ria del cuo­re. Per que­sta me­mo­ria an­che un nu­me­ro di­chia­ra­to “ine­si­sten­te” da una vo­ce me­tal­li­ca fa ma­le. Lei è un uo­mo sen­si­bi­le, noi quel­la vo­ce me­tal­li­ca la de­te­stia­mo … La no­stra vo­ce è quel­la del cuo­re. La sa­lu­to con sti­ma e sim­pa­tia, lei sa es­se­re gio­co­so e leg­ge­ro quan­to pro­fon­do. Sia­mo si­mi­li .

Ma­ria Grazia

Ca­ra Ma­ria Grazia, ho scel­to la sua let­te­ra tra le tan­te che mi so­no ar­ri­va­te sul­lo stes­so ar­go­men­to. Mi pia­ce quan­do, co­me in que­sto ca­so, ho la pro­va di es­se­re in li­nea con cuo­re e ani­ma di voi let­to­ri. È quel­lo che dà un sen­so pie­no ai miei edi­to­ria­li ogni set­ti­ma­na. Un ab­brac­cio!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.