TUT­TE CON­TRO BRIA­TO­RE

Chi - - Solo Su Chi -

È MI­LA­NO - SETTEMBRE fon­da­men­ta­le che la don­na la­vo­ri, an­che per­ché, se non la­vo­ra, ha so­lo mo­ti­vi di rom­per­ti i ma­ro­ni dal­la mat­ti­na al­la se­ra». A par­la­re, nel wee­kend, a Mi­la­no, nel cor­so di un in­con­tro dal ti­to­lo “Pro­fes­sio­ne me”, sot­to le in­se­gne del con­ve­gno “Il tem­po del­le don­ne”, è Fla­vio Bria­to­re. Le sue di­chia­ra­zio­ne dal­la Trien­na­le so­no su­bi­to rim­bal­za­te nel web e i com­men­ti, an­che sa­ga­ci, non si so­no fat­ti at­ten­de­re. Qual­che ora do­po “Chi” ha chia­ma­to al­cu­ne rap­pre­sen­tan­ti del ge­ne­re fem­mi­ni­le: c’è chi la­vo­ra, chi ha smes­so per un po’, per un fi­glio o per un ma­ri­to, chi non ha mai tim­bra­to il car­tel­li­no... So­no don­ne di­ver­se per età, me­stie­re, de­si­de­ri, ami­ci­zie, per­si­no per il co­lo­re dei ca­pel­li, ma su una co­sa so­no tut­te d’ac­cor­do.

AL­BA PA­RIET­TI

«Mi sem­bra ci sia una leg­ge­ra per­so­na­liz­za­zio­ne, Fla­vio for­se non ri­cor­da che non

è na­to a Mon­te­car­lo, ma è a Cu­neo, an­zi è na­to in un co­mu­ne mol­to ope­ro­so. Al­lo­ra, co­me pri­ma co­sa, io gli di­rei che mol­to spes­so le don­ne non la­vo­ra­no non per una scel­ta, ma per­ché non pos­so­no: per­ché nel­le fa­mi­glie vie­ne an­co­ra ora – al di là del me­ri­to – pre­fe­ri­to al­la fi­glia fem­mi­na, il fi­glio ma­schio, che è quel­lo che stu­dia; per­ché nel­le azien­de vie­ne da­ta la pre­ce­den­za agli uo­mi­ni e, an­zi, spes­so e vo­len­tie­ri le don­ne non so­no nean­che con­si­de­ra­te per­ché, ve­di Fla­vio, c’è il pro­ble­ma che le don­ne fan­no i fi­gli. E par­lia­mo di quel­le stes­se azien­de che non han­no strut­tu­re (asi­li, per esem­pio) per sup­por­ta­re le ma­dri. Poi, vor­rei di­re a Bria­to­re, che io co­no­sco don­ne che si al­za­no al­le sei del­la mat­ti­na, che si oc­cu­pa­no del­la ca­sa, che sve­glia­no i fi­gli e li pre­pa­ra­no, che van­no al la­vo­ro (do­ve a pa­ri­tà di ruo­lo e re­spon­sa­bi­li­tà gua­da­gna­no me­no de­gli uo­mi­ni e que­sto è inac­cet­ta­bi­le), che tor­na­no a ca­sa per fa­re an­co­ra i me­stie­ri e pre­pa­ra­re la ce­na».

Scu­si, Pa­riet­ti, ma l’uo­mo, in tut­to que­sto?

«L’uo­mo... Mah, vi­sto che le don­ne fan­no tut­to e san­no fa­re tut­to da so­le, io l’uo­mo, or­mai, non lo pren­do nean­che in con­si­de­ra­zio­ne. Ma io, per la mia espe­rien­za, co­no­sco don­ne che per te­ner­si l’uo­mo de­vo­no “rim­pic­cio­lir­si”, per­ché nes­su­no di lo­ro ac­cet­te­rà mai che la don­na gua­da­gni di più o ab­bia più suc­ces­so di lui. An­zi, guar­di, io a Bria­to­re chie­de­rei se ha vo­glia di pren­de­re lui i ruo­li del­la don­na co­sì, ma­ga­ri, ve­de un po’ co­me si sta. In ogni ca­so, tut­te le mie re­la­zio­ni, tran­ne una, so­no en­tra­te in cri­si per­ché io ero più ri­co­no­sciu­ta, più ascol­ta­ta, più se­gui­ta, più al cen­tro dell’at­ten­zio­ne del mio com­pa­gno. L’uni­co che è sta­to in gra­do di reg­ge­re que­sta si­tua­zio­ne, l’uni­co che ho in­con­tra­to co­sì for­te e si­cu­ro di se stes­so guar­da ca­so è (mi ri­fe­ri­sco a Lan­za di Sca­lea) un prin­ci­pe. Che per sto­ria ed edu­ca­zio­ne è abi­tua­to a sta­re die­tro al­la “re­gi­na”».

ALE­NA SE­RE­DO­VA

«Co­me fra­se quel­la di Bria­to­re è mol­to, mol­to of­fen­si­va per le don­ne. Non vo­glio met­ter­mi al suo li­vel­lo an­che se la pri­ma co­sa che mi vie­ne in men­te è ri­spon­de­re con un “vai a quel pae­se”. E poi pen­so an­che a chis­sà quan­te don­ne la­vo­ra­no per Bria­to­re, in ca­sa e non. Det­to que­sto, che è sull’on­da dell’emo­ti­vi­tà, io cre­do che Bria­to­re non sia l’uni­co a pen­sar­la in que­sta ma­nie­ra». E lo di­ce mol­to ad al­ta vo­ce. «Ma in ra­dio l’al­tro gior­no, men­tre por­ta­vo i bim­bi a scuo­la, il com­men­to di tan­ti uo­mi­ni era: “Io non ve­de­vo l’ora di tor­na­re al la­vo­ro, di fi­ni­re le va­can­ze, per non sen­ti­re mia mo­glie che mi fa una te­sta co­sì!”. Tut­to que­sto suo­na co­me un nuo­vo ma­schi­li­smo, so­no quel­le bat­tu­te idio­te che tan­ti fan­no: cer­to, sta­re di fian­co al­la mo­glie per un me­se, non per­met­te a cer­ti uo­mi­ni, per un lun­go me­se, di fa­re la be­stie co­me vor­reb­be­ro, del re­sto...». E con­ti­nua: «Que­sta co­sa è un pen­sie­ro di mol­ti, ri­pe­to. Guar­di, io ven­go da una fa­mi­glia do­ve non c’era­no né ta­te, né do­me­sti­che, do­ve le don­ne la­vo­ra­va­no mez­za gior­na­ta e per l’al­tra me­tà si oc­cu­pa­va­no di ca­sa, fi­gli, ce­na, ora in cui ar­ri­va­va il pa­pà... Ma par­lia­mo di so­cie­tà di­ver­se e di tem­pi di­ver­si, io cre­do, al­la fin fi­ne, che gli uo­mi­ni do­vreb­be­ro ave­re un po’ più di ri­spet­to per tut­to quel la­vo­ro che non avrà con­tri­bu­ti Inps, ma che svol­go­no le don­ne per glo­ria: l’uo­mo ar­ri­va la se­ra ed è sem­pre tut­to a po­sto. So­no a po­sto i con­ti, le bol­let­te, la ca­sa, i fi­gli... ma qua­le uo­mo sta in fi­la per i do­cu­men­ti dei fi­gli? Sì, il mio “ta­to”, ta­to Adri, ma giu­sto lui. Che poi quel­le co­se lì le fac­cio sem­pre io che so­no una ad­dic­ted del con­trol­lo... Co­mun­que, ci vuo­le ri­spet­to».

GA­BRIEL­LA MAGNONI DOMPÉ

«Io pri­ma di tor­na­re al mio la­vo­ro (è im­pren­di­tri­ce nel set­to­re im­mo­bi­lia­re, ndr) ho fat­to la “cor­po­ra­te wi­fe” (la mo­glie di un im­pren­di­to­re o al­to di­ri­gen­te che agi­sce an­che co­me al­te­re­go del ma­ri­to in de­ter­mi­na­te fun­zio­ni)per an­ni. È un me­stie­re or­mai ri­co­no­sciu­to nei Pae­si an­glo­sas­so­ni. So che co­sa si­gni­fi­ca: è un ve­ro e pro­prio la­vo­ro, non è un sem­pli­ce ruo­lo (pro­por­rei a Bria­to­re di pro­var­lo, ma­ga­ri, per qual­che ora) . Se hai un pro­get­to di vi­ta con un uo­mo, ci può an­che sta­re, non per que­sto quel­la per­so­na che ha vo­lu­to (e non do­vu­to) fa­re un pas­so in­die­tro, rom­pe le sca­to­le, ma scher­zia­mo? Bria­to­re sta a Mon­te­car­lo e si ri­fe­ri­sce, for­se, a un ri­stret­tis­si­mo grup­po di don­ne pro­ba­bil­men­te an­no­ia­te che

ben po­co han­no a che fa­re con il re­sto del mon­do. Ca­pia­mo­ci: la don­na che non la­vo­ra trae sod­di­sfa­zio­ne dai fi­gli, dal ma­ri­to, dal­la ca­sa, sem­mai dal­la sua bel­lez­za... E quel­le so­no si­tua­zio­ni per­so­na­li. La don­na che la­vo­ra ha un as­set in più, sie­de a un al­tro ta­vo­lo e, se le va ma­le qual­cos’al­tro sul pia­no per­so­na­le, ha una pre­ro­ga­ti­va in più per es­se­re sod­di­sfat­ta: il la­vo­ro, ap­pun­to. A que­sto si ag­giun­ga, pe­rò, il fat­to che bi­so­gna es­se­re di­spo­ste a dei gran­di sa­cri­fi­ci: la­vo­ra­re rap­pre­sen­ta uno sfor­zo per la don­na sem­pre su­pe­rio­re a quel­lo dell’uo­mo. Quin­di più stress. Ma­ga­ri rom­pe­ran­no più lo­ro del­le ca­sa­lin­ghe? Chis­sà. Io cre­do che con­ti sem­pre e so­prat­tut­to lo sta­to d’ani­mo e va­le per le don­ne co­me pu­re per gli uo­mi­ni. Co­mun­que non di­co nul­la di scan­da­lo­so quan­do so­sten­go che in una cop­pia, spes­so, per an­da­re avan­ti, uno dei due de­ve fa­re un pas­so in­die­tro. Que­sto è un fat­to e co­me ta­le è as­so­da­to...».

Scu­si ma, re­gi­na Eli­sa­bet­ta a par­te, ma sem­pre le don­ne de­vo­no fa­re un pas­so in­die­tro?

«Sen­za sco­mo­da­re la Re­gi­na che è na­ta co­sì, pren­dia­mo la can­cel­lie­ra te­de­sca An­ge­la Mer­kel, per di­re, lei si è co­strui­ta la sua stra­da e il ma­ri­to ha fat­to un pas­so in­die­tro. Cer­to, que­sto ti­po di per­cor­si non si ri­tro­va­no spes­so nel­la cul­tu­ra ita­lia­na, ma... At­ten­zio­ne, il ma­schio ita­lia­no è le­ga­to ad al­cu­ni ste­reo­ti­pi che so­no pe­rò tut­ti pas­sa­ti dal­le don­ne, in­ten­do dal­le ma­dri, quin­di, co­me pri­ma co­sa va cam­bia­to il mo­do di edu­ca­re non so­lo le fi­glie fem­mi­ne, ma an­che i fi­gli ma­schi. Sic­co­me le ma­dri di og­gi, la­vo­ra­no e han­no suc­ces­so, cre­do che que­sti cam­bia­men­ti sia­no già in cor­so».

ELEO­NO­RA DA­NIE­LE

«Io, che cer­te mat­ti­ne mi in­fi­lo abi­ti-tu­ta per­ché so­no trop­po stan­ca per ab­bi­na­re pan­ta­lo­ni e ca­mi­cie, mi au­gu­ro che Bria­to­re ab­bia fat­to una bat­tu­ta cer­can­do di fa­re il sim­pa­ti­co. Poi quel­la bat­tu­ta gli è ve­nu­ta ma­le o ma­lis­si­mo. Sì, mi sem­bra una sor­ti­ta ve­nu­ta pro­prio ma­le, tut­to qua. Per al­tro, co­no­scen­do an­che la Gre­go­ra­ci, non cre­do che Bria­to­re ab­bia vo­lu­to man­car­le di ri­spet­to, ma sem­pli­ce­men­te ab­bia cer­ca­to di fa­re l’iro­ni­co... Il fat­to è che non a tut­ti gli uo­mi­ni rie­sce sem­pre be­ne que­sto ge­ne­re di hu­mor». Eh, già, la sua Eli­sa­bet­ta... «Guar­di, ora che ci pen­so, per quel che ne so io, Bria­to­re è pra­ti­ca­men­te cir­con­da­to da don­ne che la­vo­ra­no, il suo brac­cio de­stro, per esem­pio... La sua, al­lo­ra, mi pa­re pro­prio una di quel­le fred­du­re de­gli uo­mi­ni sul­le mo­gli che po­treb­be­ro es­se­re un cli­ché, ma non so­no de­ci­sa­men­te adat­te al mo­men­to: ora dal­la pa­ri­tà stia­mo tor­nan­do in­die­tro per men­ta­li­tà e sot­to­cul­tu­ra e su cer­ti te­mi non si può scher­za­re, nean­che po­co. Uo­mi­ni co­sì, co­me Fla­vio Bria­to­re, che so­no il so­gno de­gli al­tri uo­mi­ni, e che so­no cir­con­da­ti di fior fior di pro­fes­sio­ni­ste non si pos­so­no per­met­te­re cer­te bou­ta­de. E poi, met­tia­mo­la co­sì, le don­ne, si sa, so­no “per­ma­lo­set­te” ed è me­glio, mol­to me­glio evi­ta­re». ●

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.