FOYER

Classic Voice - - CLASSIC POST - CHIAC­CHIE­RE D’OPE­RA

Al­ber­to Mat­tio­li

Ani­ma­li all’ope­ra, e non par­lo dei te­no­ri. Si di­vi­do­no in due ca­te­go­rie: gli ani­ma­li-ani­ma­li, in­som­ma il ca­val­lo che fa il ca­val­lo, e gli uma­ni-ani­ma­li, cioè can­tan­ti che im­per­so­na­no ani­ma­li (can­tan­do, ov­via­men­te, da be­stia).

La pri­ma ca­te­go­ria è rap­pre­sen­ta­ta qua­si esclu­si­va­men­te da equi­ni, cioè asi­ni o più spes­so ca­val­li. I ca­val­li, a tea­tro, han­no una lun­ga e il­lu­stre tra­di­zio­ne, in Fran­cia di­ven­ta­ta un ve­ro ge­ne­re, quel­lo dell’“opé­ra-Fran­co­ni”. Fran­co­ni era il ti­to­la­re di un ce­le­bre cir­co eque­stre e de­but­tò all’Opé­ra nel 1809 con una cla­mo­ro­sa ca­ri­ca di ca­val­le­ria nel­lo sfor­tu­na­to Fer­nan­do Cor­tez di Spon­ti­ni (1809). In se­gui­to, i ca­val­li han­no avu­to una lun­ga e for­tu­na­ta car­rie­ra, spe­cie all’Are­na e si­mi­li, e na­tu­ral­men­te in ope­re a gran spet­ta­co­lo, pri­ma fra tut­te Ai­da. Se ben ri­cor­do, l’ul­ti­mo ad aver­ci in­flit­to, al­la Sca­la, un Trionfo con i ca­val­li è sta­to, man­co a dir­lo, Zef­fi­rel­li, pe­rò in quell’Ai­da c’era tal­men­te tan­to di tut­to che po­trei ri­cor­da­re ma­le (an­zi, lo spe­ro). Di so­li­to, i ca­val­li in sce­na fan­no ab­ba­stan­za pe­na. So­no evi­den­te­men­te se­da­ti, chia­ra­men­te sec­ca­ti, e l’ef­fet­to è nar­co­let­ti­co, ti­po di­re­zio­ne di Ga­brie­le Fer­ro. Fa ec­ce­zio­ne il ca­val­lo cui, du­ran­te il mo­no­lo­go del terz’at­to, si ri­vol­ge­va Fal­staff nel­la re­gia di Car­sen. Quan­do lo spet­ta­co­lo ap­pro­dò al Co­vent Gar­den, fu rie­su­ma­to dal­la pen­sio­ne un ce­le­bre pu­ro­san­gue, già vin­ci­to­re di non so qua­le clas­si­ca. Ora, vi­sto che ap­pe­na com­pa­re un ca­val­lo gli in­gle­si im­paz­zi­sco­no, spe­cie se ha fat­to vin­ce­re lo­ro una scom­mes­sa, il qua­dru­pe­de di­ven­tò su­bi­to la star del­la pro­du­zio­ne e gli fu­ro­no con­sa­cra­ti mol­ti più ar­ti­co­li di gior­na­le che ai suoi col­le­ghi bi­pe­di. Più ra­ri i ca­ni: cla­mo­ro­si quel­li, ele­gan­tis­si­mi le­vrie­ri, che ac­com­pa­gna­va­no l’in­gres­so in sce­na di Fi­lip­po II nel Don Car­lo di Vi­scon­ti, qui ov­via­men­te ispi­ra­to da Ti­zia­no.

Poi, co­me si di­ce­va, ci so­no gli ani­ma­li­per­so­nag­gi. Al­cu­ni non can­ta­no, ma so­no fon­da­men­ta­li. Per esem­pio, Gra­ne, il de­strie­ro di Brün­n­hil­de, che è poi l’ul­ti­mo es­se­re vi­ven­te cui lei si ri­vol­ge pri­ma di por­tar­se­lo sul­la pi­ra fa­ta­le (nel­le re­gie “mo­der­ne” di so­li­to non c’è. Im­man­ca­bi­le la bat­tu­ta quan­do lei stril­la ri­vol­ta a un ca­val­lo ine­si­sten­te: “Che, cer­chi Gra­ne?”). Nel­la Te­tra­lo­gia, pe­ral­tro, il ser­ra­glio com­pren­de an­che un ariete, i cor­vi, un or­so, un ro­spo, un ser­pen­te, e tac­cia­mo dell’os­ses­sio­ne ti­pi­ca­men­te wag­ne­ria­na per il ci­gno, che com’è no­to im­per­ver­sa nel Lo­hen­grin e fa una pes­si­ma fi­ne nel Par­si­fal. I più biz­zar­ri fra i non can­tan­ti (e qui na­tu­ral­men­te ci si ap­pog­gia al fon­da­men­ta­le li­bro-quiz Di ca­pric­ci e di fol­lie di Gian­cor­ra­do Ul­ri­ch) so­no l’al­ce in Ki­tež di Rim­skij-Kor­sa­kov, il ca­la­bro­ne nel Gal­lo d’oro sem­pre di Rim­skij, la ca­pra nel Re­nard di Stra­vin­skij e nel­la mi­ci­dia­le Di­no­rah di Meyer­beer , il fal­co nel­la Frau oh­ne Schat­ten, il pa­vo­ne in Bo­mar­zo di Gi­na­ste­ra.

Fra gli ani­ma­li can­tan­ti, ov­via­men­te trion­fa­no quel­li dell’En­fant et les sor­ti­lè­ges di Ra­vel, do­ve ogni gat­to­li­co cre­den­te e pra­ti­can­te aspet­ta il duet­to dei gat­ti (il li­bret­to è del­la gat­to­li­cis­si­ma Co­let­te), an­che per­ché è mu­si­cal­men­te straor­di­na­rio. Ma già in Pla­tée di Ra­meau c’è un co­ro di ra­ne, poi­ché la nin­fa del ti­to­lo ne è ap­pun­to la re­gi­na. Ben tre ope­re, poi (ma ma­ga­ri so­no di più) han­no co­me pro­ta­go­ni­sta de­gli ani­ma­li, due can­tan­ti e uno no. I can­tan­ti so­no la Vol­pe, pic­co­la e astu­ta nel ca­po­la­vo­ro pan­tei­sta di Ja­ná­cek, e la Gat­ta nel­la Chat­te an­glai­se di Hans Wer­ner Hen­ze. Il non can­tan­te è la Gaz­za, la­dra nell’ope­ra di Ros­si­ni che in­com­be pros­si­ma­men­te al­la Sca­la. Che l’ope­ra fos­se uno zoo, del re­sto, lo si sa­pe­va.

“Fra gli ani­ma­li can­tan­ti il duet­to dei gat­ti dell’En­fant et les sor­ti­lè­ges

di Ra­vel è straor­di­na­rio”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.