BA­CH

Classic Voice - - CD&DVD RECENSIONI - EN­RI­CO GIRARDI

VA­RIA­ZIO­NI GOLD­BERG Bea­tri­ce Ra­na PIA­NO­FOR­TE

War­ner 90295 88018 CD 17,70

PREZ­ZO

★★★★

Una vol­ta l’in­ci­sio­ne del­le Va­ria­zio­ni Gold­berg rap­pre­sen­ta­va un pun­to d’ar­ri­vo, o me­glio il pun­to d’ar­ri­vo del pianista/cla­vi­cem­ba­li­sta che aves­se tra­scor­so una par­te con­si­de­re­vo­le del­la pro­pria pa­ra­bo­la d’interprete in com­pa­gnia dell’ar­te som­ma di Jo­hann Se­ba­stian Ba­ch. Og­gi non è più co­sì. Ba­sti pen­sa­re che nell’ul­ti­mo trien­nio so­no sta­te pub­bli­ca­te qua­si una de­ci­na di in­ci­sio­ni di que­sto ver­ti­ce di scien­za e in­ven­zio­ne mu­si­ca­li per ope­ra di in­ter­pre­ti gio­va­ni. Ciò pe­rò non si­gni­fi­ca che que­sti ul­ti­mi sia­no ne­ces­sa­ria­men­te de­gli in­co­scien­ti o, peg­gio, dei su­per­fi­cia­li. Si trat­ta in­fat­ti me­dia­men­te di in­ci­sio­ni di buo­na se non ot­ti­ma qua­li­tà. La dif­fe­ren­za con­si­ste sem­mai nell’ap­proc­cio a ta­le mon­ta­gna: un ap­proc­cio mol­to diretto, squi­si­ta­men­te “pia­ni­sti­co”, non più fil­tra­to da quel­la lun­ga e spes­so sof­fer­ta ri­fles­sio­ne sul­la sua sto­ria ese­cu­ti­va che, a ben ve­de­re, po­treb­be an­che pa­ra­liz­za­re e ha in ogni ca­so mol­to con­di­zio­na­to le pre­ce­den­ti ge­ne­ra­zio­ni di ta­stie­ri­sti. Sic­ché mo­del­li ese­cu­ti­vi co­me quel­li dell’im­mor­ta­le Glenn Gould o del­la non me­no im­mor­ta­le Ro­sa­lyn Tu­reck sem­bra­no rap­pre­sen­ta­re or­mai un ca­pi­to­lo cir­co­scrit­to e de­fi­ni­ti­va­men­te con­clu­so di quel­la stes­sa sto­ria; il che non si­gni­fi­ca ov­via­men­te che non sia più che no­to an­che al pianista gio­va­nis­si­mo. L’ul­ti­ma a ci­men­tar­si nell’im­pe­gna­ti­va sca­la­ta è ora Bea­tri­ce Ra­na, pianista che non ha più bi­so­gno di pre­sen­ta­zio­ni tan­to lim­pi­da e pre­po­ten­te è sta­ta la sua asce­sa in que­ste ul­ti­me sta­gio­ni. E che non de­lu­de nem­me­no al co­spet­to di una ma­te­ria tan­to de­li­ca­ta, per­ché con­ser­va nell’ese­cu­zio­ne quel­lo slan­cio cor­dia­le e af­fer­ma­ti­vo, quel su­per­la­ti­vo do­mi­nio tec­ni­co e quel­la fre­schez­za di­sin­can­ta­ta che han­no fat­to in­na­mo­ra­re di lei non po­chi ascol­ta­to­ri. Bea­tri­ce Ra­na non en­tra nel tem­pio ba­chia­no in pun­ta di pie­di ma nem­me­no co­me si trat­tas­se di una sem­pli­ce pas­seg­gia­ta. Il suo è un pia­ni­smo lu­mi­no­so e so­li­do. E ciò si rav­vi­sa ec­co­me nel­la scel­ta ge­ne­ro­sa ma non ri­don­dan­te, e co­mun­que coe­ren­te, del­la lo­gi­ca che go­ver­na la rea­liz­za­zio­ne de­gli ab­bel­li­men­ti; si rav­vi­sa inol­tre nel­la chia­rez­za con cui re­sti­tui­sce i pro­fi­li con­trap­pun­ti­sti­ci, nel­la de­fi­ni­zio­ne per­si­no olim­pi­ca di li­nee e spes­so­ri, nel pu­do­re con cui ral­len­ta il pas­so ove ne­ces­sa­rio, sen­za sca­de­re in al­cun ti­po di sen­ti­men­ta­li­smo zuc­che­ro­so. Si po­treb­be di­re che il suo è un suo­no “se­re­no”. La len­tez­za con cui espo­ne l’ariet­ta non è si­no­ni­mo di una re­to­ri­ca in­tel­let­tua­li­sti-

ca; ana­lo­ga­men­te, la vi­va­ci­tà dei tem­pi non è “mu­sco­la­re”. L’in­sie­me sem­bra il pro­dot­to di uno sguar­do che per pri­ma co­sa è am­mi­ra­to di fron­te a tan­ta mae­sto­si­tà, di quell’am­mi­ra­zio­ne che pre­ce­de le do­man­de, i dub­bi, le esi­ta­zio­ni, le ne­vro­si. Se pro­prio si vuol tro­va­re un pic­co­lo neo, lo si rin­trac­cia nel­la chiu­sa di al­cu­ne va­ria­zio­ni, un po’ fret­to­lo­sa, co­me se il pen­sie­ro fos­se già fo­ca­liz­za­to sull’in­ci­pit del­la va­ria­zio­ne suc­ces­si­va.

Bel di­sco, dun­que. E c’è da au­gu­ra­re a Bea­tri­ce Ra­na che quan­do sa­rà un po’ me­no gio­va­ne e ri­tor­ne­rà al­le Gold­berg, con­ti­nui a far­lo con que­sto sguar­do co­sì lim­pi­do e se­re­no. Blu co­me il cie­lo che do­mi­na la vet­ta di que­sto Eve­re­st dell’ar­te mu­si­ca­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.