Ma l’agen­te è un “ma­le” ne­ces­sa­rio?

Se­con­do Or­tom­bi­na c’è chi aiu­ta e chi guar­da al sol­do. Per Four­nier-Fa­cio è in­sop­por­ta­bi­le quan­do at­ten­di­sta. Spa­no ri­bal­ta la que­stio­ne: l’ar­ti­sta ha ne­ces­si­tà di qual­cu­no che cre­da in lui

Classic Voice - - PERSONAGGI - E.G.

Se­con­do For­tu­na­to Or­tom­bi­na, neo­so­vrin­ten­den­te del­la Fe­ni­ce di Venezia, “se è un be­ne o un ma­le, di­pen­de dall’agen­te, per­ché c’è quel­lo che aiu­ta per dav­ve­ro la car­rie­ra di un ar­ti­sta e quel­lo che lo trat­ta so­lo in ter­mi­ni me­ra­men­te com­mer­cia­li. Ne­ces­sa­rio lo è in ogni ca­so: per l’ar­ti­sta stes­so, che tro­va il part­ner cui af­fi­dar­si per tut­ti gli aspet­ti, pra­ti­ci ma non so­lo, del­la sua vita d’ar­ti­sta, ma an­che per il di­ret­to­re ar­ti­sti­co che, se l’agen­te è bra­vo, tro­va un in­ter­lo­cu­to­re che di­ce le co­se co­me stan­no, men­tre non sem­pre ci si può fi­da­re del­le sen­sa­zio­ni de­gli ar­ti­sti stes­si”.

Ga­stón Four­nier-Fa­cio, di­ret­to­re ar­ti­sti­co del Tea­tro Re­gio di Torino, è so­stan­zial­men­te d’ac­cor­do con Or­tom­bi­na. Di­stin­gue gli agen­ti-mu­si­ci­sti, che han­no fiu­to nel­lo sco­pri­re ta­len­ti e che ef­fet­ti­va­men­te han­no mol­ta par­te nel gui­da­re nel mi­glior mo­do la car­rie­ra dei lo­ro as­si­sti­ti, da­gli agen­ti­mer­can­ti, cui in­te­res­sa so­lo il mer­ca­to, an­che se ri­co­no­sce che al­cu­ni tra que­sti ul­ti­mi, co­me il no­to Ro­land Wil­ford, ave­va­no un cer­to fiu­to nell’in­di­vi­dua­re ta­len­ti, che poi sa­pe­va­no mo­ne­tiz­za­re co­me ven­di­to­ri di Fer­ra­ri. “È uti­le con­fron­tar­si con lo­ro - ag­giun­ge - an­che per­ché viag­gia­no co­me paz­zi e co­no­sco­no quan­to av­vie­ne, gior­no per gior­no, nel mon­do mu­si­ca­le di tut­ti e cin­que i con­ti­nen­ti. Più di quan­to può fa­re an­che il viag­gia­to­re più as­si­duo tra i di­ret­to­ri ar­ti­sti­ci. La co­sa di lo­ro che pro­prio non sop­por­to, in­ve­ce, è il co­sid­det­to dou­ble-boo­king: pro­cra­sti­na­re la fir­ma del con­trat­to per ri­ser­var­si la scel­ta tra le di­ver­se pro­po­ste che pos­so­no ar­ri­va­re per quel pe­rio­do”.

Un ta­lent-scout qua­si in­fal­li­bi­le è Al­ber­to Spa­no, cui si de­ve la sco­per­ta di nu­me­ro­si ta­len­ti, so­prat­tut­to stru­men­ti­sti. “L’agen­te è su­per­ne­ces­sa­rio - af­fer­ma - per­ché ogni ar­ti­sta ha bi­so­gno di sa­pe­re che c’è qual­cu­no che crede in lui. Chis­sà, per­si­no Mo­zart non sap­pia­mo se sa­reb­be di­ven­ta­to Mo­zart se non aves­se avu­to al­le spal­le un pa­dre-agen­te che ne ha pro­mos­so l’ar­te in tut­ta Eu­ro­pa. Fat­to sta che gli ar­ti­sti che fan­no da sé so­no ra­ris­si­mi. E per­si­no un solitario co­me Glenn Gould si con­fron­ta­va con un agen­te. Con­cor­do con Or­tom­bi­na e Four­nier-Fa­cio che “ma­le” o “be­ne” di­pen­do­no dall’agen­te. E so­no sem­pre più con­vin­to che un buon agen­te è co­me un coa­ch che non so­lo sco­pre ta­len­ti, ma sa an­che che ogni ta­len­to ha i suoi tem­pi. Ci so­no mu­si­ci­sti che esplo­do­no gio­va­nis­si­mi e poi, nel pro­sie­guo del­la car­rie­ra, pur ri­ma­nen­do ad al­to li­vel­lo, non rie­sco­no più a espri­me­re cer­ti ver­ti­ci (Me­n­huin, ad esem­pio) e ci so­no ta­len­ti che espri­mo­no il lo­ro me­glio do­po i 30, se non do­po i 40 an­ni. Pen­sia­mo a pia­ni­sti co­me Ma­ria Per­rot­ta, Ema­nue­le Ar­ciu­li, Pier­re-Lau­rent Ai­mard. Non so­no più ra­gaz­zi ma il lo­ro me­glio han­no co­min­cia­to a of­frir­lo in que­sti ul­ti­mi an­ni”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.