IN SCE­NA

Li­ver­mo­re per il suo pri­mo “Don Pa­squa­le” sce­glie gli an­ni Cin­quan­ta. Nel ruo­lo del ti­to­lo Am­bro­gio Mae­stri, af­fian­ca­to da Rosa Feo­la. Sul po­dio Ric­car­do Chail­ly

Classic Voice - - CONTENTS - ANTONIO GARBISA

Li­ver­mo­re per il suo pri­mo “Don Pa­squa­le” sce­glie gli an­ni Cin­quan­ta. Nel ruo­lo del ti­to­lo Am­bro­gio Mae­stri. Sul po­dio Ric­car­do Chail­ly

Èu­no dei ti­to­li più in­tri­gan­ti di Gae­ta­no Do­ni­zet­ti do­ve il buf­fo sfo­cia nel ma­lin­co­ni­co. Una ca­rat­te­ri­sti­ca dell’ope­ra Don Pa­squa­le che non sfug­ge cer­to nel­la nuo­va pro­du­zio­ne del Tea­tro al­la Sca­la a fir­ma del re­gi­sta Da­vi­de Li­ver­mo­re, qui au­to­re an­che del­le sce­ne as­sie­me a Giò Forma, che de­but­ta dal 3 apri­le al 4 mag­gio al Pier­ma­ri­ni sot­to la di­re­zio­ne di Ric­car­do Chail­ly e con un ca­st di prim’or­di­ne che ve­de il ba­ri­to­no Am­bro­gio Mae­stri nel ruo­lo del ti­to­lo, af­fian­ca­to da Rosa Feo­la, Re­né Bar­be­ra e Mattia Oli­vie­ri.

Co­me af­fron­ta og­gi que­sta sua pri­ma re­gia di

Don Pa­squa­le? “In­nan­zi­tut­to con mol­to entusiasmo per­ché tro­vo che, do­po al­tri ti­to­li do­ni­zet­tia­ni da me rea­liz­za­ti, Don Pa­squa­le rac­col­ga tan­to dell’es­se­re e dell’ani­mo del suo com­po­si­to­re. Cre­do che que­sta par­ti­tu­ra, clas­si­fi­ca­ta co­me “ope­ra buf­fa”, ap­par­ten­ga piut­to­sto al­la “com­me­dia di mez­zo ca­rat­te­re” do­ve si as­si­ste ad un’evo­lu­zio­ne dram­ma­tur­gi­ca dei per­so­nag­gi con il pro­sie­guo del­la tra­ma. Una vi­cen­da che si muo­ve sì sul­la bur­la e sul­lo scher­zo, ma che die­tro ha an­che un fon­do, in qual­che mo­do tra­gi­co, che guar­da al­la con­di­zio­ne uma­na di Don Pa­squa­le, an­zia­no e ric­co set­tan­ten­ne vittima di un in­tri­go or­di­to ai suoi danni. Co­me re­gi­sta io cer­co sem­pre l’em­pa­tia che c’è nel­la par­ti­tu­ra per un per­so­nag­gio e que­sta par­ti­tu­ra è com­ple­ta­men­te em­pa­ti­ca con tut­ti i ruo­li. Li rac­con­ta tut­ti in ma­nie­ra straor­di­na­ria con mol­ta ener­gia e con un sen­so del gio­co che è dif­fi­ci­le ri­tro­va­re og­gi nel­la no­stra so­cie­tà”.

In qua­le epo­ca ha de­ci­so di am­bien­ta­re la vi­cen­da?

“Pro­prio per ri­tro­va­re que­sto spi­ri­to bur­le­sco - che è al­la ba­se del mec­ca­ni­smo tea­tra­le di Don Pa­squa­le - ho vo­lu­to guar­da­re all’ap­pa­ra­to ti­pi­co del­la com­me­dia all’ita­lia­na, a ca­val­lo tra gli an­ni Cin­quan­ta e Ses­san­ta. Era quel­lo un tem­po, a dif­fe­ren­za di og­gi, do­ve c’era an­co­ra in­ge­nui­tà mi­sta a mo­men­ti di gran­de poe­sia e ad una for­te vo­glia di vi­ve­re. Per­ché quel­la so­cie­tà sa­pe­va sorridere e scher­za­re e lo fa­ce­va an­che sulle pro­prie mi­se­rie”.

Quan­to sa­rà pre­sen­te la Ro­ma del li­bret­to nel­la sua mes­sin­sce­na?

“No­no­stan­te nel li­bret­to ci sia­no in­di­ca­zio­ni so­lo di due in­ter­ni e di un esterno, noi, con la col­la­bo­ra­zio­ne straor­di­na­ria del Tea­tro al­la Sca­la, cer­che­re­mo di fa­re una sor­ta di viaggio in que­sta no­stra ca­pi­ta­le che, in quel mo­men­to sto­ri­co tra gli an­ni ’50 e ’60, era al cen­tro del mon­do. Ba­sti pen­sa­re che al­lo­ra era la cit­tà del­le Olim­pia­di, di Fe­de­ri­co Fel­li­ni e di Ro­ber­to Ros­sel­li­ni e del­la Dol­ce Vita. Spe­ro che la par­te vi­si­va, gra­zie an­che ai vi­deo che s’in­te­gra­no con le sce­ne e ai co­stu­mi che ri­flet­to­no quell’epo­ca di Gian­lu­ca Fa­la­schi, pos­sa in­can­ta­re, ma so­prat­tut­to di­ver­ti­re ed in­fon­de­re ne­gli spet­ta­to­ri quel sen­so di ma­lin­co­nia e di no­stal­gia che è pre­sen­te nel­la par­ti­tu­ra”.

Quan­to tem­po pri­ma ha ini­zia­to a la­vo­ra­re a que­sto

Don Pa­squa­le? “Tut­to è co­min­cia­to cir­ca un an­no e mez­zo fa con il Mae­stro Ric­car­do Chail­ly. Con lui ci so­no sta­ti sem­pre dei confronti con­ti­nui dal mo­men­to che que­sta edi­zio­ne sca­li­ge­ra ve­drà ria­per­ti tut­ti i ta­gli. Mi sem­bra giu­sto che un tea­tro di fa­ma mon­dia­le co­me la Sca­la si pren­da que­sta re­spon­sa­bi­li­tà di ri­por­ta­re que­sta par­ti­tu­ra al­la sua forma pri­ma­ria idea­ta ed ap­pro­va­ta all’epo­ca dal suo com­po­si­to­re. Ho cer­ca­to quin­di, nel­la rea­liz­za­zio­ne sce­ni­ca, di da­re il mas­si­mo va­lo­re ai nuo­vi in­se­ri­men­ti, so­prat­tut­to nei re­ci­ta­ti­vi, ora più lun­ghi, per­ché tut­ta la dram­ma­tur­gia dell’ope­ra pren­des­se an­co­ra più cor­po e so­stan­za. In real­tà, tut­to in Don Pa­squa­le è tea­tro e que­sto de­ve es­se­re evi­den­te sem­pre, dal­la pri­ma all’ul­ti­ma sce­na”. Don Pa­squa­le di Do­ni­zet­ti Or­che­stra e Co­ro del Tea­tro al­la Sca­la Dir. Ric­car­do Chail­ly. Re­gia di Da­vi­de Li­ver­mo­re

Mi­la­no, Tea­tro al­la Sca­la, dal 3 apri­le al 4 mag­gio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.