Quel Leone di Jar­rett

Il pros­si­mo set­tem­bre la Bien­na­le di Ve­ne­zia con­se­gne­rà al mu­si­ci­sta sta­tu­ni­ten­se il suo mas­si­mo ri­co­no­sci­men­to. A qual­cu­no è par­sa una pro­vo­ca­zio­ne. A noi no

Classic Voice - - IN SCENA -

Un jaz­zi­sta lau­rea­to nel tem­pio del­la contemporanea? Una pro­vo­ca­zio­ne o un ri­co­no­sci­men­to do­vu­to? Nel­la mo­ti­va­zio­ne con cui la Bien­na­le di Ve­ne­zia gli at­tri­bui­sce il Leone d’oro si leg­ge che “ac­cla­ma­to una­ni­me­men­te co­me uno dei più importanti pia­ni­sti nel campo dell’im­prov­vi­sa­zio­ne e del jazz, Kei­th Jar­rett è un ar­ti­sta che si è ci­men­ta­to con straor­di­na­rio ta­len­to e crea­ti­vi­tà in di­ver­si ge­ne­ri mu­si­ca­li, tra i qua­li la mu­si­ca clas­si­ca, com­po­nen­do par­ti­tu­re raf­fi­na­te e graf­fian­ti al tem­po stesso. La sua ster­mi­na­ta di­sco­gra­fia è la te­sti­mo­nian­za di un’ar­te sen­za con­fi­ni e di una per­so­na­li­tà uni­ca nel campo del jazz, il cui ap­proc­cio e la ci­fra sti­li­sti­ca co­sì per­so­na­li ne fanno un mae­stro uni­ver­sa­le del­la storia del­la mu­si­ca”. Co­me non es­se­re d’ac­cor­do? In­nan­zi­tut­to il jazz è gran­de mu­si­ca del No­ve­cen­to e la sua storia si è in­trec­cia­ta tan­te vol­te con il per­cor­so dei gi­gan­ti dell’ar­te eu­ro­pea del se­co­lo scor­so. E poi il pro­fi­lo di Jar­rett è uni­co. Po­chi me­si fa su que­ste co­lon­ne Carlo Ma­ria Cel­la lo trat­teg­gia­va - pro­fe­ti­ca­men­te - a par­ti­re dal­la con­vin­zio­ne che “è un au­to­re di mu­si­ca contemporanea: il jazz non lo con­tie­ne tut­to”. E già fra il ’67 e il ’76 il mu­si­ci­sta ini­ziò a cor­re­re su due vie. “Una è quel­la afroa­me­ri­ca­na de­gli al­bum Vor­tex, Atlan­tic e Im­pul­se, in trio con Ha­den e Mo­tian e in quar­tet­to con Ha­den, Mo­tian e Dewey Red­man; l’al­tra”, con­ti­nua­va Cel­la, “è la via eu­ro­pea, che pure si pre­sen­ta bi­for­cu­ta: il Jar­rett che de­but­ta nel ‘71 sul­la te­de­sca Ecm è già dop­pio”. Nel­lo stesso ’76 con Hymns/Sphe­res Jar­rett “scopre il fa­sci­no ir­re­si­sti­bi­le dell’or­ga­no ba­roc­co nel­la chie­sa be­ne­det­ti­na di Ot­to­beu­ren e su un lu­mi­no­so Karl Jo­se­ph Riepp (1710-1773) vo­la tra nu­vo­le di suo­no che un jaz­zi­sta nem­me­no può im­ma­gi­na­re”. Va­rie co­se suc­ce­do­no ne­gli an­ni a ve­ni­re. Con una di­sco­gra­fia che “di­ven­ta in cin­quant’an­ni un gran­de ‘li­bro del­le vie’ (ti­to­lo di un’al­tra spe­ri­men­ta­zio­ne sul suo­no, ma al cla­vi­cem­ba­lo, 1986) che im­pi­la 75 al­bum clas­si­fi­ca­ti co­me jazz, e che so­no an­che il con­tra­rio del jazz, più 16 in cui Jar­rett si tra­sfor­ma in in­ter­pre­te ‘clas­si­co’, co­mun­que non al­li­nea­to per­ché par­lia­mo di Ar­vo Pärt (Ta­bu­la ra­sa, 1983), di Bar­ber e Bar­tók, del Cla­vi­cem­ba­lo ben tem­pe­ra­to di Ba­ch (pri­mo li­bro al pia­no­for­te, se­con­do li­bro al cla­vi­cem­ba­lo), di Lou Har­ri­son, di Ho­v­ha­ness, an­co­ra di Ba­ch (Va­ria­zio­ni Gold­berg, Sui­tes fran­ce­si, So­na­te per vio­la da gam­ba e cem­ba­lo con Kim Ka­sh­ka­shian, di flau­to dol­ce e cem­ba­lo con Mi­cha­la Pe­tri), di Han­del (So­na­te per flau­to e cem­ba­lo, Sui­tes per ta­stie­ra), di Mo­zart (Con­cer­ti per pia­no­for­te K 467, 488 e 595), di So­sta­ko­vic (24 Pre­lu­di e fu­ghe op. 87). Per con­clu­de­re “nei suoi viag­gi an­da­ta e ritorno da Ba­ch a Mi­les, Jar­rett ha ver­sa­to gli ele­men­ti li­be­ri dell’im­prov­vi­sa­zio­ne nel­la mu­si­ca col­ta e la di­sci­pli­na dei te­sti scrit­ti nell’im­prov­vi­sa­zio­ne. Se­pa­ra­re i tan­ti Jar­rett che so­no in Jar­rett si­gni­fi­ca non aver ca­pi­to nien­te, non so­lo di Jar­rett, ma del­la con­tem­po­ra­nei­tà tout court”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.