MA­HLER SIN­FO­NIA N. 7

Classic Voice - - CD&DVD - DI­NO VILLATICO

DI­RET­TO­RE Ma­riss Jan­so­sn OR­CHE­STRA Royal­con­cert­ge­bouw

CD Rco 17006

PREZ­ZO 16,60

★★★★★

Schat­te­n­haft. In­di­stin­to. Al­la let­te­ra: a mo­do di om­bre, con l’aspet­to di om­bre. È l’in­di­ca­zio­ne ago­gi­ca del ter­zo mo­vi­men­to del­la set­ti­ma Sin­fo­nia di Ma­hler. Ma­riss Jan­sons sem­bra par­ti­re da qui. Il pro­gram­ma ori­gi­na­le, che poi da Ma­hler fu tol­to, pre­ve­de­va un rac­con­to not­tur­no: ciò che mi rac­con­ta la not­te. Ma­hler non scri­ve mu­si­ca a pro­gram­ma, ma la sua mu­si­ca è tut­ta­via stra­col­ma di sug­ge­stio­ni, sug­ge­ri­men­ti, e per­fi­no di pen­sie­ri fi­lo­so­fi­ci. Ciò che po­treb­be di­stur­ba­re l’ascol­ta­to­re di og­gi è l’espli­ci­ta pro­fes­sio­ne di ot­ti­mi­smo dell’ul­ti­mo mo­vi­men­to. Ma sia­mo si­cu­ri che que­sto vuo­le dir­ci Ma­hler? Rim­pro­ve­ri si­mi­li so­no sta­ti ri­vol­ti a So­sta­ko­vic, suo de­vo­to “alun­no”. La sin­fo­nia si apre con un ine­qui­vo­co trion­fo qua­si me­die­va­le del­la mor­te, di cui la Not­te è fo­sco­lia­na­men­te, ma an­che ma­hle­ria­na­men­te, l’im­ma­gi­ne. L’ul­ti­mo mo­vi­men­to di­chia­ra che la Not­te è fi­ni­ta. Co­min­cia il gior­no. A cui, però, se­gui­rà un’al­tra Not­te. Per­tan­to la sua fe­sta è ap­pa­ren­te. La mu­si­ca di Ma­hler è dia­let­ti­ca co­me po­che, po­li­vo­ca. Non ha mai un si­gni­fi­ca­to so­lo. Ma­riss Jan­sons c’in­tro­du­ce in que­sto mon­do - in­di­stin­to - in cui tut­to è il con­tra­rio di tut­to. La lu­ci­di­tà con cui è re­sa evi­den­te, in ogni bat­tu­ta, la tes­si­tu­ra con­trap­pun­ti­sti­ca dell’or­che­stra­zio­ne, ol­tre che del­la scrit­tu­ra, mi­ra pro­prio a que­sto. L’or­che­stra ma­hle­ria­na non è mai com­pat­ta, è un in­sie­me, si di­reb­be un mi­scu­glio di grup­pi stru­men­ta­li che coz­za­no tra lo­ro. Ma­hler non è com­po­si­to­re che pos­sa pia­ce­re ai di­ret­to­ri fa­na­ti­ci del bel suo­no, del­la bel­la or­che­stra. A di­ret­to­ri che usa­no la mu­si­ca per esal­ta­re un’or­che­stra. Ma è pro­fon­da­men­te ca­pi­to dai di­ret­to­ri che amano la dis­so­nan­za, l’ur­to di pia­ni di­ver­si dell’ar­mo­nia e dell’or­che­stra­zio­ne. In po­che pa­ro­le a di­ret­to­ri com­po­si­to­ri co­me era Ma­hler, o che sui pro­ce­di­men­ti del­la com­po­si­zio­ne ba­sa­no la pro­pria in­ter­pre­ta­zio­ne. Que­sta di Jan­sons è da seguire bat­tu­ta per bat­tu­ta: bat­tu­ta per bat­tu­ta ci in­stil­la nel san­gue, più che nel­la men­te, una vi­sio­ne in­con­so­la­bil­men­te di­spe­ra­ta del­la vita.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.