IN SCE­NA

Do­po l’inau­gu­ra­le Bo­hè­me, Mi­che­le Ma­riot­ti tor­na a Bo­lo­gna con il “mo­nu­men­to” ver­dia­no in quat­tro at­ti fir­ma­to Broc­khaus. Nel ca­st Aro­ni­ca, Si­ri, Sal­si, Si­meo­ni, Be­lo­sel­skij

Classic Voice - - RUBRICHE - ANTONIO GARBISA

Mi­che­le Ma­riot­ti tor­na a Bo­lo­gna con il “Don Car­lo” ver­dia­no in quat­tro at­ti fir­ma­to Broc­khaus. Nel ca­st Aro­ni­ca, Si­ri, Sal­si, Si­meo­ni, Be­lo­sel­skij

Al suo se­con­do de­but­to nel­la sta­gio­ne 2018 del Tea­tro Co­mu­na­le di Bo­lo­gna, do­po La bo­hè­me inau­gu­ra­le, Mi­che­le Ma­riot­ti (fo­to) af­fron­ta qui per la pri­ma vol­ta, dal 6 al 14 giu­gno, la par­ti­tu­ra di Don Car­lo di Ver­di in una nuo­va mes­sin­sce­na (nel boz­zet­to i giar­di­ni del­la re­gi­na) fir­ma­ta dal re­gi­sta Hen­ning Broc­khaus. Un ti­to­lo ver­dia­no che si ag­giun­ge ai già mol­ti af­fron­ta­ti dal di­ret­to­re pe­sa­re­se, clas­se 1979, do­po le ap­plau­di­te pro­ve in Ri­go­let­to, Na­buc­co, Si­mon Boc­ca­ne­gra, La tra­via­ta, La for­za del de­sti­no fi­no al suo più re­cen­te suc­ces­so ne I Lom­bar­di al­la pri­ma cro­cia­ta al Tea­tro Re­gio di To­ri­no del me­se scor­so e al­la scom­mes­sa che lo at­ten­de, nel­la sta­gio­ne 2018-2019, al Tea­tro al­la Sca­la con I ma­sna­die­ri. L’ope­ra vie­ne tra­smes­sa an­che in di­ret­ta, il 6 giu­gno, su Ra­dio3 Rai al­le ore 20.

Don Car­lo

Quan­do si di­ce si de­ve spe­ci­fi­ca­re di qua­le ver­sio­ne si trat­ta. Qual è quel­la al­le­sti­ta a Bo­lo­gna?

“È la ver­sio­ne in ita­lia­no in quat­tro at­ti che mo­stra dif­fe­ren­ze so­stan­zia­li con quel­la com­po­sta ori­gi­na­ria­men­te per l’Ope­ra di Pa­ri­gi nel 1867, Don Car­los, che è in cin­que at­ti e con te­sto fran­ce­se. Ini­zial­men­te avrem­mo do­vu­to rap­pre­sen­ta­re que­st’ul­ti­ma, giun­ta per la pri­ma vol­ta in Ita­lia pro­prio al Co­mu­na­le di Bo­lo­gna che la mi­se in sce­na nell’ot­to­bre del­lo stes­so an­no nel­la tra­du­zio­ne ita­lia­na. Per mo­ti­vi or­ga­niz­za­ti­vi si è op­ta­to per quel­la in ita­lia­no rap­pre­sen­ta­ta per la pri­ma vol­ta al Tea­tro al­la Sca­la di Mi­la­no nel gen­na­io del 1884”.

Nes­sun rim­pian­to per aver scel­to que­sta ver­sio­ne ita­lia­na?

“Di­rei di no, an­che se for­se la pri­ma, Don Car­los, è più com­ple­ta, es­sen­do svi­lup­pa­to in ma­nie­ra più am­pia il rap­por­to tra Eli­sa­bet­ta e Don Car­lo. In quel­la ita­lia­na mol­te co­se ven­go­no da­te per scon­ta­te. Si ca­pi­sce co­mun­que quan­to Don Car­lo sia ope­ra che mo­stri un’at­ti­nen­za for­tis­si­ma tra la me­lo­dia e la pa­ro­la fran­ce­se del­la ver­sio­ne ori­gi­na­ria. Si ha a che fa­re pur sem­pre con me­lo­die na­te per il suo­no e per il rit­mo del­la lin­gua fran­ce­se”.

Qua­li co­lo­ri or­che­stra­li so­no ne­ces­sa­ri per

Don Car­lo?

“È un’ope­ra di una gran­dez­za e di una bel­lez­za as­so­lu­ta che toc­ca ver­ti­ci as­so­lu­ti. Per que­sto all’Or­che­stra del Tea­tro Co­mu­na­le di Bo­lo­gna ho chie­sto un co­lo­re den­so, ma­la­to e tor­men­ta­to, tut­te ca­rat­te­ri­sti­che che so­no al­la ba­se di que­st’ope­ra che por­ta in pri­mo pia­no per­so­nag­gi tut­ti im­mer­si in so­li­tu­di­ni dif­fe­ren­ti di amo­re, po­te­re e ami­ci­zia. In real­tà, il tor­men­to di que­sto me­lo­dram­ma è da­to an­che dal suo tor­men­to ar­mo­ni­co. Ci so­no pun­ti in cui non si ca­pi­sce do­ve Ver­di vo­glia an­da­re. L’ar­mo­nia qui non di­ven­ta mai una cer­tez­za, ma è sem­pre in con­ti­nuo cam­bia­men­to e di­ve­ni­re. Al­tra ca­rat­te­ri­sti­ca di Don Car­lo è il va­lo­re che Ver­di dà al­la to­na­li­tà. Ba­sti pen­sa­re al mo­men­to fi­na­le dell’ope­ra con la scel­ta del­la to­na­li­tà di Si mag­gio­re, stra­nis­si­ma e tra­scen­den­te, mol­to usa­ta da Wa­gner in al­cu­ne sue ope­re. Il Si mag­gio­re non ha il ca­lo­re del Si be­mol­le e non ha il po­te­re del Do mag­gio­re; è una to­na­li­tà ibri­da, a me­tà, che espri­me al­la per­fe­zio­ne quel­la di un’al­tra di­men­sio­ne”.

Quan­to è dif­fi­ci­le tro­va­re og­gi un ca­st idea­le per que­sto ti­to­lo?

“Lo è un po’ per tut­te le ope­re di Ver­di, ma a mag­gior ra­gio­ne per Don Car­lo do­ve si ri­chie­de a tut­ti an­che un al­to li­vel­lo in­ter­pre­ta­ti­vo. Per me una ba­se bel­can­ti­sta de­ve sem­pre esi­ste­re in un can­tan­te, do­ve per bel­can­to non in­ten­do un pe­rio­do sto­ri­co né un fi­lo­ne, ma una fi­lo­so­fia e un mo­do di fa­re mu­si­ca. Ho sem­pre bi­so­gno di vo­ci che mi ga­ran­ti­sca­no una cer­ta fles­si­bi­li­tà di co­lo­ri, di di­na­mi­ca e di pro­nun­cia. Que­st’ul­ti­ma è im­por­tan­te per­ché crea poi il giu­sto suo­no. La mia scel­ta è ca­du­ta quin­di su can­tan­ti che co­no­sco be­ne e con cui ave­vo già la­vo­ra­to, da Ro­ber­to Aro­ni­ca a Ma­ria Jo­sé Si­ri, da Lu­ca Sal­si a Ve­ro­ni­ca Si­meo­ni fi­no a Dmi­tri Be­lo­sel­skij”. Don Car­lo di Ver­di Or­che­stra e Co­ro del Tea­tro Co­mu­na­le di Bo­lo­gna

Dir. Mi­che­le Ma­riot­ti. Re­gia di Hen­ning Broc­khaus

Bo­lo­gna, Tea­tro Co­mu­na­le, dal 6 al 14 giu­gno

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.