CLAS­SIC VOI­CE AL­BUM

Bern­stein fu an­che pia­ni­sta “en­tu­sia­sta”: nei ri­chia­mi jazz del Con­cer­to di Ra­vel e nell’umo­ri­smo del “Pri­mo” di Bee­tho­ven

Classic Voice - - RUBRICHE - GIAN PAO­LO MI­NAR­DI

Più che al­tri di­ret­to­ri pre­sta­ti al­la ta­stie­ra, Leo­nard Bern­stein fu ve­ro e pro­prio pia­ni­sta, del ge­ne­re “en­tu­sia­sta”: lo sen­tia­mo nei tra­vol­gen­ti ri­chia­mi jazz del Con­cer­to di Ra­vel e nell’umo­ri­smo del “Pri­mo” di Bee­tho­ven, che ascol­tia­mo co­me al­bum di­gi­ta­le del me­se

Non è cer­to una ra­ri­tà che un di­ret­to­re sia an­che un emi­nen­te pia­ni­sta; per ci­ta­re sol­tan­to qual­che ca­so più ri­mar­che­vo­le, quel­lo di Mi­tro­pou­los, fer­ra­tis­si­mo nel do­mi­na­re le in­si­die del Ter­zo di Pro­ko­fiev o di Sol­ti che la­sciò una pro­met­ten­te car­rie­ra so­li­sti­ca do­po la vit­to­ria del Con­cor­so di Gi­ne­vra, sen­za di­men­ti­ca­re Szell, Bru­no Wal­ter, Sa­wal­li­sch, Pre­vin e mol­ti al­tri tra cui quel­li che han­no sa­lo­mo­ni­ca­men­te ge­sti­to la con­vi­ven­za dei due ruo­li, Ash­ke­na­zy e, di re­cen­te, Plet­nev. Ma il ca­so più ri­le­van­te è cer­ta­men­te quel­lo di Bern­stein. Si era af­fer­ma­to pre­co­ce­men­te co­me pia­ni­sta, pro­po­nen­do pro­gram­mi im­pe­gna­ti, co­me le aspre Va­ria­tions di Co­pland, mae­stro e men­to­re im­pre­scin­di­bi­le nel­la car­rie­ra com­po­si­ti­va di “Len­ny” che si este­se lun­go va­rie di­ret­tri­ci, la­scian­do sor­pren­den­te­men­te po­co spa­zio al­la crea­zio­ne pia­ni­sti­ca, pra­ti­ca­men­te con­cen­tra­ta, a par­te una So­na­ta gio­va­ni­le, su quel­la col­la­na di bre­vi bra­ni che so­no gli An­ni­ver­sa­ries e il più am­pio Tou­ches com­po­sto ne­gli an­ni 80. Per tro­va­re un pia­no­for­te più “im­por­tan­te” oc­cor­re en­tra­re nel re­cin­to sin­fo­ni­co, in quel­la se­con­da Sin­fo­nia The Age of An­xie­ty in cui la for­mu­la del Con­cer­to per pia­no­for­te e or­che­stra si dis­sol­ve die­tro la for­te sol­le­ci­ta­zio­ne del­la “eclo­ga ba­roc­ca” di Au­den. Ma co­me suo­na­va Bern­stein? De­vo rin­no­va­re il ri­cor­do av­vin­cen­te di quan­do lo ascol­tai a Fi­ren­ze, agli ini­zi de­gli an­ni 70, una tap­pa del­la tour­née coi Wie­ner Phi­lhar­mo­ni­ker in un pro­gram­ma che lo ve­de­va so­li­sta del Con­cer­to in Sol di Ra­vel, uno dei bra­ni che più ri­spon­de­va­no al­la sua vi­ta­li­sti­ca ener­gia per il ri­ver­be­ro jaz­zi­sti­co sot­te­so a quel ca­po­la­vo­ro. Una vi­sio­ne quan­to mai lon­ta­na, nel­lo stes­so sfor­zo che ta­lo­ra af­fio­ra­va dal ge­sti­re su due fron­ti quell’esal­tan­te sca­te­na­men­to rit­mi­co (con il fan­ta­sma, ine­vi­ta­bi­le, di Ger­sh­win) da quel­la che era an­da­ta se­di­men­tan­do­si in ma­nie­ra qua­si em­ble­ma­ti­ca nel­la col­la­bo­ra­zio­ne tra Be­ne­det­ti Mi­che­lan­ge­li e Ce­li­bi­da­che do­ve quei ri­ver­be­ri pa­re­va­no su­bli­mar­si, far­si co­me enig­ma­ti­ci, in­ner­va­ti en­tro il tes­su­to del ge­nia­le ar­ti­fi­cio ra­ve­lia­no. Per Bern­stein in­ve­ce gio­ca­va quel­la ca­pa­ci­tà di im­mer- sio­ne che era un suo trat­to in­sot­trai­bi­le, la mu­si­ca co­me fe­li­ci­tà e co­me de­mo­ne. Che è ciò che tra­smet­te­va agli stru­men­ti­sti con una ge­stua­li­tà cor­po­rea ini­mi­ta­bi­le e che ri­vi­ve­va lui stes­so af­fon­dan­do le ma­ni nel­la ta­stie­ra, con una vo­ra­ci­tà che esclu­de­va ogni com­pia­ci­men­to di­gi­ta­le per far­si pla­sti­co, av­vol­gen­te elo­quio; quel mo­do di col­lo­quia­re con gli stru­men­ti­ni che ri­tro­via­mo con in­tat­ta emo­zio­ne nel­le te­sti­mo­nian­ze mo­zar­tia­ne, tra cui il si­bil­li­no vir­tuo­si­smo di quel­lo in si be­mol­le K 450, uno dei Con­cer­ti che “fan­no su­da­re” co­me scri­ve­va al pa­dre Leo­pold; un su­da­re che in Bern­stein era ri­scat­ta­to dal­la fe­li­ci­tà, la stes­sa che con­di­vi­de­va con gli ama­tis­si­mi Wie­ner nel­lo scio­glie­re le pie­ghe del Pri­mo di Bee­tho­ven, sull’on­da di quel­la clas­si­ci­tà re­sa più au­to­re­vo­le dal­le im­pa­ga­bi­li scre­zia­tu­re dell’umo­ri­smo che tra­spa­ri­va dal suo vol­to non me­no che dal­le sue di­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.