Da una ca­pi­ta­le all’al­tra

Conde Nast Traveller (Italy) - - Notebook -

Vi­si­ta­re Persepoli si­gni­fi­ca, par­ten­do da Te­he­ran, spin­ger­si ver­so sud nel cuo­re dell’Iran an­ti­co. Lun­go il per­cor­so si in­con­tra Esfa­hān, no­ta per le bel­lez­ze ar­chi­tet­to­ni­che e per i giar­di­ni pub­bli­ci. Un luo­go co­sì bel­lo che gli ira­nia­ni han­no co­nia­to il mot­to “Esfa­hān è me­tà del mon­do”. Più a sud è Shi­raz, do­ve nac­que il Bāb Sayy­id. Ali-Mu­ham­mad (18191850), co­fon­da­to­re del­la fe­de Ba­há’í, È per­ciò con­si­de­ra­ta una cit­tà san­ta e luo­go di pel­le­gri­nag­gio dai suoi fe­de­li. Da lì Persepoli, l’an­ti­ca ca­pi­ta­le per­si­de, di­sta so­lo 60 km.

CO­ME AR­RI­VA­RE

Per vi­si­ta­re l’Iran è ne­ces­sa­rio es­se­re mu­ni­ti di vi­sto. Si può fa­re all’ae­ro­por­to di Te­he­ran e in que­sto ca­so ha una du­ra­ta di 15 gior­ni ed è rin­no­va­bi­le in lo­co. Il vi­sto è ri­la­scia­to an­che dall’am­ba­scia­ta dell’Iran a Ro­ma e dal con­so­la­to di Mi­la­no ( am­ba­scia­tai­ran.it). A Shi­raz, la cit­tà più vi­ci­na a Persepoli, un in­di­riz­zo va­li­do è il Zan­diyeh Ho­tel ( zan­diyeh­ho­tel. com), con Per­sian Ba­th­room, pa­le­stra e quat­tro ri­sto­ran­ti. Per chi in­ve­ce pre­fe­ri­sce fa­re ba­se a Te­he­ran il con­si­glio è l’Ho­tel La­leh, mo­der­no e con­for­te­vo­le cin­que stel­le ( hrs.com). Pran­za­re in Iran non è ca­ro: ci di Ali Qa­pu, ra­mi­viag­gi.it, ra­ja­ta­bla.it).

L’ae­ro­por­to di ri­fe­ri­men­to è il Meh­ra­bad di Te­he­ran. Dall’Ita­lia si rag­giun­ge con vo­lo di­ret­to da Ro­ma Fiu­mi­ci­no e, con sca­lo a Istan­bul, da Mi­la­no Mal­pen­sa: 7 ore di vo­lo. Dal­la ca­pi­ta­le, per av­vi­ci­nar­si al­la me­ta, si può uti­liz­za­re Iran Air ( ira­nair.com) o Iran Ase­man Air­li­nes ( iaa.ir). so­no mol­ti chio­schi che ven­do­no ke­bab e street food, ma an­che i ri­sto­ran­ti di li­vel­lo nel­le gran­di cit­tà pro­pon­go­no me­nù gu­sto­si a prez­zi più che ra­gio­ne­vo­li. Ma se vo­le­te un lo­ca­le ve­ra­men­te ori­gi­na­le a Shi­raz pre­no­ta­te al Salt Re­stau­rant Shi­raz, il cui in­ter­no, idea­to dai pro­get­ti­sti di Em­tiaz De­si­gning Group, evo­ca le ca­ve di sa­le: è let­te­ral­men­te fo­de­ra­to di clo­ru­ro di so­dio che fil­tra l’aria in­qui­na­ta del­la cit­tà. Tut­to sa­la­to, ma non il con­to... Il tour tra le sto­ri­che bel­lez­ze ini­zia a Esfa­hān, cit­tà so­gno dell’Islam, con la sua gran­de piaz­za Na­qs-e Ja­hàn, il pa­laz­zo

la Mo­schea del­le don­ne, la Por­ta Qa­sa­rie­sh, il ba­zar ri­sa­len­te al XVII se­co­lo e il quar­tie­re ar­me­no con la cat­te­dra­le di Vank di ri­to apo­sto­li­co ar­me­no, con sof­fit­ti do­ra­ti e me­ra­vi­glio­si di­pin­ti a olio al­le pa­re­ti. Tap­pa se­guen­te è Shi­raz, la cit­tà del­le ro­se e dei poe­ti (Ha­fez nac­que qui). Da ve­de­re in zo­na an­che i bor­ghi di Ya­dez, Mayud e Rayen (

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.