MON­DO

Conde Nast Traveller (Italy) - - EDITORIALE -

Traveller. che, si di­ce, nel leg­gen­da­rio am­mu­ti­na­men­to del Bounty, ab­bia con­ta­to un bel po’. Il no­stro pe­ri­plo del mon­do ci con­du­ce quin­di in Ci­le, ter­ra che ab­bia­mo de­fi­ni­to estre­ma perché, nel­lo spa­zio di 200 chi­lo­me­tri mol­ti­pli­ca­ti per 4.000 di lun­ghez­za, espri­me, in fat­to di na­tu­ra, tut­to e il suo con­tra­rio, dai de­ser­ti ari­dis­si­mi agli ice­berg che si are­na­no sul­le spiag­ge. E do­po i pae­sag­gi l’uma­ni­tà, i vol­ti, gli oc­chi: quel­li, am­ma­lian­ti, del­le don­ne di Gha­da­mes nel­la Li­bia scon­vol­ta dai si­gno­ri della guer­ra e dal terrorismo. Co­sì me­ra­vi­glio­si che uno si chie­de: perché di­strug­ger­si di fron­te a tan­ta bel­lez­za? La bel­lez­za non sal­ve­rà il mon­do?, si do­man­da­va il prin­ci­pe My­škin di Do­stoe­v­skij: spe­ria­mo. In­tan­to, a chiu­de­re il cer­chio, rien­tria­mo in Ita­lia, in una strug­gen­te Pa­ler­mo noir vi­sta at­tra­ver­so lo sguar­do poe­ti­co di un gran­de fo­to­gra­fo fi­glio suo: Mar­co Gla­via­no.

“Qui a Baku si re­spi­ra la vo­glia di no­vi­tà e di li­ber­tà che fu la mol­la dei gran­di co­strut­to­ri del pas­sa­to”, Et­to­re Moc­chet­ti, di­ret­to­re di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.