L

Conde Nast Traveller (Italy) - - AROUND THE WORLD -

e Gal­le­rie d'Ita­lia pro­se­guo­no nel lo­ro straor­di­na­rio per­cor­so di of­fer­ta cul­tu­ra­le e, do­po aver pre­sen­ta­to l'an­to­lo­gi­ca di Emi­lio Igrò e le nuo­ve le­ve dell'ar­te slo­vac­ca, propongono, nel­la se­de di Mi­la­no, la mo­stra“Bel­lot­to e Ca­na­let­to. Lo stu­po­re e la luce”. La ras­se­gna, cu­ra­ta da Bo­že­na An­na Ko­walc­zyk, mi­ra ri­co­strui­re l'ope­ra e la per­so­na­li­tà dei due au­to­ri at­tra­ver­so qua­dri, di­se­gni, in­ci­sio­ni, ma an­che at­tra­ver­so og­get­ti da lo­ro uti­liz­za­ti. Un viaggio scan­di­to da 100 ope­re, di cui al­me­no una tren­ti­na mai espo­ste pri­ma in Ita­lia, che, ol­tre a va­lo­riz­za­re il ge­nio pit­to­ri­co e l'in­tel­li­gen­za crea­ti­va di An­to­nio Ca­nal, det­to il Ca­na­let­to (1697-1768), e di suo ni­po­te Ber­nar­do Bel­lot­to (1721-1780,ne ri­co­strui­sce il per­cor­so crea­ti­vo che fe­ce la for­tu­na del ve­du­ti­smo ve­ne­zia­no por­tan­do­lo da ge­ne­re pe­cu­lia­re e a cor­ren­te d'avan­guar­dia del suo tempo Il taccuino di Ca­na­let­to con i suoi di­se­gni di­sve­la le pro­ce­du­re da lui at­tua­te nel­lo stu­dio del­le ve­du­te; le no­te si con­cen­tra­no su par­ti­co­la­ri della cit­tà, i suoi co­lo­ri, i suoi mu­ri e in ni­ti al­tre os­ser­va­zio­ni poi ri­pre­si e ap­pro­fon­di­ti nei di­pin­ti. Nel suo bel­lis­si­mo Venezia e Mo­by Dick:, Ce­sa­re de Seta s'in­ven­ta un dia­lo­go, per al­tro do­cu­men­ta­to e at­ten­di­bi­le, in cui fa di­re a Ca­na­let­to: "Mi pia­ce­va gio­ca­re con la 'ca­me­ra ot­ti­ca',guar­da­re in quel­la sca­to­la mi con­sen­ti­va di ri­pro­dur­re ogni dettaglio di ciò che os­ser­va­vo". È in­te­res­san­te an­che ana­liz­za­re i sog­get­ti pro­po­sti che non si li­mi­ta­no a rap­pre­sen­ta­re la Venezia più pre­zio­sa e ric­ca, ma si al­lar­ga­no ad aree più lon­ta­ne, sia­no es­se le ri­ve del Bren­ta o le ap­prez­za­tis­si­me ve­du­te di Lon­dra, cit­tà do­ve An­to­nio Ca­nal sog­gior­nò per no­ve an­ni ri­chie­stis­si­mo dall'ari­sto­cra­zia. La mo­stra poi il­lu­stra co­me Ber­nar­do Bel­lot­to si al­lon­ta­nas­se dal­la tec­ni­ca del­lo zio sco­pren­do,nel­le pe­re­gri­na­zio­ni a Ro­ma,To­ri­no Mi­la­no, una raf gu­ra­zio­ne più uma­niz­za­ta e una luce tut­ta sua, più mor­bi­da e av­vol­gen­te, me­no smal­ta­ta e più ma­lin­co­ni­ca che tro­va il suo api­ce nel­le ope­re rea­liz­za­te quan­do vis­se a Dre­sda e aVar­sa­via, chia­ma­to co­là da prin­ci­pi e re­gnan­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.