44/

Conde Nast Traveller (Italy) - - NEWS -

PPos­so di­re che in tut­ti i viag­gi che fac­cio si può ri­co­no­sce­re un fi­lo con­dut­to­re: quel­lo dell’ar­chi­tet­tu­ra, in­te­sa co­me se­gno for­te del ge­nio dell’uo­mo, che, quan­do si espri­me a cer­ti li­vel­li, crea un va­lo­re ag­giun­to a ciò che esi­ste già, of­fer­to dal­la na­tu­ra, in una sor­ta di ten­sio­ne a ele­var­si ver­so qual­co­sa di più gran­de. Il mio è qua­si un bi­so­gno di ve­de­re la real­tà sem­pre fil­tra­ta dal pen­sie­ro dell’ar­chi­tet­to, di chi è in gra­do di pla­sma­re il pae­sag­gio, an­che quan­do ma­ga­ri la no­ta do­mi­nan­te è, e per for­tu­na ri­ma­ne, quel­la del­la na­tu­ra. Di re­cen­te, per esem­pio, so­no sta­ta nel Nord del­la Sardegna, ter­ra straor­di­na­ria e an­co­ra in gran par­te in­tat­ta, ca­pa­ce di com­muo­ve­re per la sua bel­lez­za, che rag­giun­ge uno dei suoi ver­ti­ci nel­la ba­ia di Ca­la di Vol­pe, il pro­to­ti­po dell’in­se­na­tu­ra, per co­sì di­re, tan­to è per­fet­ta. Ep­pu­re, an­che lì, a col­pir­mi è sta­ta l’ope­ra la­scia­ta dal­la ma­no dell’uo­mo, da quell’ine­di­to en­sem­ble cui ne­gli an­ni Ses­san­ta han­no da­to vi­ta un ar­ti­sta e un ar­chi­tet­to, ap­pun­to. Da una par­te, Jac­ques Couel­le, e dall’al­tra, Lui­gi Viet­ti, va­le a di­re, crea­ti­vi­tà e ra­zio­na­li­smo, in una fu­sio­ne di mo­di di sen­ti­re e in­ter­pre­ta­re la real­tà che mi ha stu­pi­ta e se­dot­ta. Una cit­tà che in­car­na il mio idea­le

Dall’Egit­to al­la ri­na­sci­men­ta­le Fi­ren­ze, al­la con­tem­po­ra­nei­tà al MoMA di New York. MIM­MA PO­SCA ama an­da­re là do­ve si av­ver­te il se­gno for­te del ge­nio dell’uo­mo

Mim­ma Po­sca, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Vran­ken Pom­me­ry Mo­no­po­le Ita­lia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.