Il no­stro bel­can­to va nell’est Eu­ro­pa

Me­di­ci in tour­née in Ro­ma­nia e Re­pub­bli­ca Ce­ca

Corriere Adriatico (Ancona) - - Weekend - An­dreaMac­ca­ro­ne

L’ ita­lia­no che can­ta il tan­go di nuo­vo in tour. Il ba­ri­to­no an­co­ne­ta­no Gia­co­mo Me­di­ci vo­la nell’est Eu­ro­pa per tre da­te: due in Ro­ma­nia e una in Re­pub­bli­ca Ce­ca. La pri­ma que­sta se­ra a Bu­ca­re­st. Inau­gu­ra­ta du­ran­te l’esta­te con al­cu­ni con­cer­ti in Ita­lia, la tour­nèe sta por­tan­do il can­tan­te do­ri­co a toc­ca­re al­tri im­por­tan­ti pal­co­sce­ni­ci eu­ro­pei. E per il 2018 è pre­vi­sta, inol­tre, una nuo­va se­rie di esi­bi­zio­ni in Ar­gen­ti­na, luo­go che Me­di­ci co­no­sce be­ne al­la lu­ce del­la sua fre­quen­ta­zio­ne dei tea­tri la­ti­no ame­ri­ca­ni.

La pas­sio­ne tan­gue­ra

Fu pro­prio un viag­gio che Gia­co­mo fe­ce cir­ca die­ci an­ni fa in Ar­gen­ti­na a far scoc­ca­re la scin­til­la del­la pas­sio­ne tan­gue­ra. «Mi tro­va­vo in Su­da­me­ri­ca in ve­ste di ba­ri­to­no - spie­ga il can­tan­te - ed è pres­soc­chè ob­bli­ga­to­rio im­bat­ter­si in spet­ta­co­li di tan­go quan­do si è in Ar­gen­ti­na. È sta­to un col­po di ful­mi­ne. Ho su­bi­to sen­ti­to che le ca­rat­te­ri­sti­che del mio can­to po­te­va­no spo­sar­si ap­pie­no con quel­le del tan­go. E co­sì è na­to tut­to». Nel can­to tan­gue­ro c’è il fuo­co del­la pas­sio­ne, c’è la no­stal­gia per i luo­ghi ama­ti e lon­ta­ni, c’è l’amo­re che bru­cia l’ani­ma. Tut­ti sen­ti­men­ti ed emo­zio­ni mol­to for­ti, ti­pi­ci del­le cul­tu­re la­ti­ne. «Si­cu­ra­men­te sa­rà sta­ta an­che una cer­ta so­mi­glian­za tra la cul­tu­ra ar­gen­ti­na e quel­la ita­lia­na a far­mi in­na­mo­ra­re di que­sta mu­si­ca - con­ti­nua Me­di­ci - ma al di là del­le si­mi­li­tu­di­ni ho sco­per­to un mon­do che mi ha ar­ric­chi­to ar­ti­sti­ca­men­te. E ades­so pos­so di­re di sen­tir­mi più com­ple­to dal pun­to di vi­sta del can­to».

Il tour

Per la pri­ma vol­ta Gia­co­mo Me­di­ci pre­sen­te­rà una se­rie di bra­ni ine­di­ti, can­ta­ti in ita­lia­no sul­le no­te del ce­le­bre com­po­si­to­re ru­me­no Ca­ri Ti­bor. L’esor­dio pro­prio que­sta se­ra a Bu­ca­re­st. «Sa­rà una for­te emo­zio­ne, ne so­no si­cu­ro - com­men­ta Gia­co­mo - in­tan­to c’è la gran­de sod­di­sfa­zio­ne di aver ri­ce­vu­to in do­no que­ste mu­si­che da Ca­ri Ti­bor, sul­le qua­li ho ar­ran­gia­to i miei te­sti in ita­lia­no. Ed è in as­so­lu­to la pri­ma vol­ta che mi tro­vo a can­ta­re in pub­bli­co dei bra­ni ine­di­ti». La cul­tu­ra del can­to tan­gue­ro sta con­qui­stan­do l’Eu­ro­pa, una sor­pre­sa che ha stu­pi- to lo stes­so can­tan­te. «In ef­fet­ti da qual­che tem­po ho no­ta­to un cer­to in­te­res­se ver­so il tan­go da par­te di mol­ti Pae­si eu­ro­pei - spie­ga - ed in par­ti­co­la­re nell’est Eu­ro­pa, do­ve la cul­tu­ra del can­to clas­si­co e li­ri­co è sem­pre sta­ta mol­to for­te. Ciò non può che ren­der­mi fe­li­ce, e spe­ro di re­ga­la­re al pub­bli­co ru­me­no e ce­co dei bel­lis­si­mi con­cer­ti».

Il nuo­vo al­bum

“Bo­he­mian Tan­go” è l’ul­ti­mo di­sco del can­tan­te Gia­co­mo Me­di­ci. Ed è con que­sti bra­ni che l’ar­ti­sta sta gi­ran­do il mon­do con il tour che lo con­dur­rà nuo­va­men­te in Ar­gen­ti­na il pros­si­mo anno. Ma pre­sto, gli ine­di­ti can­ta­ti in ita­lia­no, an­dran­no a com­por­re le trac­ce di quel­lo che sa­rà il quar­to di­sco del­la sua car­rie­ra. «Ap­pe­na si con­clu­de­rà il tour at­tua­le mi fer­me­rò per re­gi­stra­re i nuo­vi bra­ni - af­fer­ma Gia­co­mo - e sa­rà un di­sco che se­gne­rà un pas­so ul­te­rio­re nel mio per­so­na­le per­cor­so». Un cam­mi­no che fi­no ad og­gi è sta­to co­stel­la­to an­che di pre­sti­gio­se col­la­bo­ra­zio­ni: i mu­si­ci­sti Ja­vier Gi­rot­to e Da­nie­le di Bo­na­ven­tu­ra, il re­gi­sta Woo­dy Al­len, i di­ret­to­ri di or­che­stra Ja­mes Con­lon, Bru­no Bar­to­let­ti, Do­na­to Ren­zet­ti, Mi­che­le Ma­riot­ti, so­no so­lo al­cu­ni dei no­mi che com­pia­no nel cur­ri­cu­lum di Gia­co­mo Me­di­ci. «So­no sta­ti in­con­tri che per cer­ti ver­si han­no cambiato la mia vi­ta - spie­ga il can­tan­te - in par­ti­co­la­re la col­la­bo­ra­zio­ne con Ja­vier Gi­rot­to è quel­la che mag­gior­men­te ha la­scia­to un se­gno lun­go la mia stra­da. Esi­bir­si in­sie­me ad un mu­si­ci­sta di quel­la ca­ra­tu­ra pen­so sia il pre­mio al­la car­rie­ra più im­por­tan­te che si pos­sa ri­ce­ve­re. Ed io ho avu­to la for­tu­na e il pre­gio di po­ter­lo ri­ce­ve­re».

In al­to il ba­ri­to­no an­co­ne­ta­no Gia­co­mo Me­di­ci, so­pra la co­ver del suo al­bum

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.