Il mi­ste­ro dei tre cel­lu­la­ri spen­ti nel­lo stes­so istan­te

Corriere Adriatico (Ancona) - - Primopiano • Ancona -

● Il 9 ot­to­bre, gior­no del­la scom­par­sa di Re­na­ta Rap­po­sel­li, il suo cel­lu­la­re, quel­lo di Giu­sep­pe e quel­lo di Si­mo­ne avreb­be­ro per­so il se­gna­le nel­lo stes­so ar­co tem­po­ra­le, ov­ve­ro po­co do­po le 13, quan­do – se­con­do il rac­con­to dei due in­da­ga­ti – la don­na ave­va rag­giun­to l’ap­par­ta­men­to di via Ga­li­lei do­ve vi­vo­no i suoi fa­mi­lia­ri. I te­le­fo­ni del fi­glio e dell’ex ma­ri­to sa­reb­be­ro tor­na­ti in fun­zio­ne so­lo tre gior­ni do­po. È que­sta una del­le in­di­scre­zio­ni tra­pe­la­te ne­gli ul­ti­mi gior­ni sul ca­so del­la pit­tri­ce scom­par­sa. Un par­ti­co­la­re, ov­via­men­te, an­co­ra tut­to da con­fer­ma­re. Fi­no­ra, l’uni­ca cer­tez­za è che l’ul­ti­ma vol­ta che Re­na­ta ha avu­to ac­ces­so a wha­tsapp è sta­to il 9 ot­to­bre, al­le 12.47. Poi, il nul­la. A Giu­lia­no­va, l’ul­ti­ma cel­la ag­gan­cia­ta dal suo smart­pho­ne, non an­co­ra ri­tro­va­to. Il con­su­len­te del­la pro­cu­ra, Lu­ca Rus­so, sta esa­mi­nan­do an­che il com­pu­ter e una pen­dri­ve dei San­to­le­ri per cer­ca­re di ri­co­strui­re even­tua­li trac­ce la­scia­te dai due uo­mi­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.