La Var o il Var non im­por­ta Fan­toz­zi sa­preb­be de­fi­nir­la be­ne

Corriere Adriatico (Ascoli) - - Lettere & Commenti/Sonar - Por­to Sant’El­pi­dio

• Egre­gio si­gnor Re­gi­ni, tut­ti par­la­no del­la Var, an­zi del Var, mi sem­bra di aver ca­pi­to. Tut­to il re­sto non l’ho ca­pi­to, se non che per ades­so l’ap­pli­ca­zio­ne del­la nuo­va tec­no­lo­gia non è an­co­ra sta­ta per­fe­zio­na­ta o uti­liz­za­ta nel­la ma­nie­ra mi­glio­re. Lei co­sa ne pen­sa?

Mar­cel­lo Ca­ta­ni en­ti­le si­gnor Ca­ta­ni, la rin­gra­zio per aver­mi da­to la pos­si­bi­li­tà di espri­mer­mi su que­sto te­ma, ma per far­lo nel­la ma­nie­ra mi­glio­re, la pri­ma co­sa che mi vie­ne in men­te è che de­vo pren­de­re a pre­sti­to le pa­ro­le che il gran­de Pao­lo Vil­lag­gio mi­se a suo tem­po in boc­ca all’im­mor­ta­le Ugo Fan­toz­zi: «Se­con­do me il Var è una ca­ga­ta paz­ze­sca!». De­vo spie­gar­mi me­glio di co­sì? È dif­fi­ci­le, ma ci pro­vo. Pun­to pri­mo: il cal­cio è un gio­co, pri­ma che uno sport. Nel gio­co l’er­ro­re è am­mes­so, quel­lo del gio­ca­to­re co­me quel­lo dell’ar­bi­tro. Il fal­so rim­bal­zo sul ter­re­no, co­me la de­via­zio­ne del ven­to, co­me il rim­bal­zo sul pa­lo in­ter­no. Non pos­sia­mo (e non dob­bia­mo) nor­ma­liz­za­re il tut­to ad uno sport sen­za in­ter­fe­ren­ze ester­ne. In una ga­ra di sal­to in lun­go, ad esem­pio, è ne­ces­sa­rio ave­re con­di­zio­ni ugua­li per tut­ti e mi­su­ra­re con la mas­si­ma pre­ci­sio­ne (ca­so Evan­ge­li­sti a par­te, se lo ri­cor­da?). In una ga­ra di sal­to per­si­no il ven­to vie­ne mi­su­ra­to. Ma una par­ti­ta di cal­cio può e de­ve es­se­re sog­get­ta ad in­ter­fe­ren­ze ester­ne, com­pre­si gli er­ro­ri dell’ar­bi­tro. Cer­to, con que­sto non vo­glio di­re che l’ar­bi­tro pos­sa ar­bi­tra­re a ca­sac­cio e che qual­sia­si de­ci­sio­ne pren­da va­da ac­col­ta con gio­ia da chi la su­bi­sce. Cer­to, sa­reb­be be­ne che gli er­ro­ri ar­bi­tra­li fos­se­ro ri­dot­ti al mi­ni­mo e che non in­fluis­se­ro sul ri­sul­ta­to, que­sto è chia­ro. Ma qui in­ter­vie­ne il se­con­do pun­to. Il Var ci aiu­ta a ri­dur­re gli er­ro­ri, e di con­se­guen­za le po­le­mi­che (al­tro obiet­ti­vo di­chia­ra­to dei “va­ro­lo­gi”)? La ri­spo­sta è no. In­fat­ti il cal­cio, che non è una scien­za esat­ta, pre­ve­de mil­le in­ter­pre­ta­zio­ni di uno stes­so ca­so. Ha ca­pi­to lei quan­do il Var en­tra in fun­zio­ne e su ri­chie­sta di chi? No. E per quan­to lo si leg­ga a de­stra e a man­ca, an­co­ra que­sto non è chia­ro. Il Var ri­sol­ve? No, guar­di il ca­so del ri­go­re da­to al Ge­noa con­tro la Ju­ve. Era ri­go­re? Sì, ma c’era an­che un fuo­ri­gio­co. E al­lo­ra co­sa fi­schia­re? Chi ha ra­gio­ne? E il ri­go­re del­la Roma con­tro l’In­ter, c’era? Sì, e per­ché il Var non è in­ter­ve­nu­to? E al­lo­ra ogni ri­go­re non vi­sto dall’ar­bi­tro ver­rà de­cre­ta­to tren­ta se­con­di do­po dal Var? Ha ra­gio­ne Buf­fon a di­re che co­sì le par­ti­te fi­ni­ran­no tut­te 10-8 con 5 ri­go­ri per par­te. E le po­le­mi­che so­no già au­men­ta­te e au­men­te­ran­no an­co­ra. Se pro­prio qual­cu­no de­ve gua­da­gna­re sol­di a pa­la­te con qual­che nuo­vo di­spo­si­ti­vo - di­co io - li­mi­ta­te­vi a met­te­re i sen­so­ri sul­le por­te per il “gol-non-gol”. Lì la tec­no­lo­gia po­trei an­che ca­pir­la: un so­lo ca­so di ap­pli­ca­zio­ne per ve­de­re se la pal­la è ef­fet­ti­va­men­te en­tra­ta op­pu­re no. Ma non met­te­te le mo­vio­le in cam­po a giu­di­ca­re su ri­go­ri, fuo­ri­gio­co e fal­li in area più o me­no ac­cen­tua­ti o pro­vo­ca­ti. Fa­re­te un gran ca­si­no, non ri­sol­ve­re­te nul­la e au­men­te­re­te so­lo il caos che c’è in­tor­no al gio­co più bel­lo del mon­do. Un gio­co che pur­trop­po ne­gli ul­ti­mi an­ni ha su­bi­to fin trop­pi at­tac­chi mor­ta­li che ne han­no mes­so a du­ra pro­va la so­prav­vi­ven­za e che stan­no svuo­tan­do gli sta­di. All’ini­zio al­lo svuo­ta­men­to de­gli sta­die è sta­to bi­lan­cia­to da un af­fol­la­men­to dei salotti e del­le pol­tro­ne. Ma ades­so giun­ge no­ti­zia che an­che salotti e pol­tro­ne han­no co­min­cia­to a svuo­tar­si . Bi­so­gne­rà in­ven­tar­ne di più ca­ri­ne, al­tro che il Var.

G

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.