CHI ERA

Corriere Adriatico (Fermo) - - Donna - Ca­mil­la Do­me­nel­la

«Ca­sta di­va, che inar­gen­ti que­sta sa­cre an­ti­che pian­te» canta Nor­ma al­la lu­na. E co­me la lu­na splen­de iri­de­scen­te scom­pa­ren­do in una not­te, co­sì Ani­ta Cer­quet­ti ha bril­la­to per po­chi an­ni il­lu­mi­nan­do del­la sua lu­ce le sce­ne in­ter­na­zio­na­li. La “ca­sta di­va” è lei, que­sta so­pra­no mar­chi­gia­na na­ta a Mon­te­co­sa­ro nel 1931, di­ve­nu­ta in po­co tem­po una del­le mag­gio­ri in­ter­pre­ti del re­per­to­rio ver­dia­no, ep­pu­re di­ven­ta­ta can­tan­te per ca­so.

L’ini­zio per ca­so

Studiava violino a Cit­tà di Ca­stel­lo, do­ve si era tra­sfe­ri­ta in­sie­me con la fa­mi­glia: la ma­dre Zai­ra Fi­da­ti, mae­stra ele­men­ta­re, e il pa­dre El­so, pe­ri­to agra­rio ispet­to­re del­la Sin­ger. La mu­si­ca ce l’ave­va den­tro, ma la in­to­na­va con l’ar­chet­to fa­cen­do­lo scor­re­re so­pra le cor­de te­se del­lo stru­men­to, igna­ra che un gior­no la sua vo­ce sa­reb­be sta­ta più po­ten­te, più pre­ci­sa, più ario­sa, più dut­ti­le di quel violino che ogni gior­no im­pu­gna­va e studiava. Ave­va 16 an­ni. Una sua ami­ca, pros­si­ma spo­sa, la pre­gò, la sup­pli­cò: «Canta in chie­sa al mio matrimonio!». Ani­ta ac­cet­tò: un fa­vo­re ad un’ami­ca, cer­to, per­ché no? Fu co­sì che co­min­ciò la sua car­rie­ra. Quel­lo stes­so gior­no, in quel- la stes­sa chie­sa, c’era un mu­si­ci­sta di Pe­ru­gia che, ascol­ta­ta la sor­pren­den­te vo­ce del­la gio­va­nis­si­ma Ani­ta Cer­quet­ti, non po­tè che av­vi­ci­nar­la, lo­dar­la, e in­fi­ne con­vin­cer­la a fre­quen­ta­re un cor­so di can­to.

Il matrimonio ga­leot­to

Ani­ta si la­sciò per­sua­de­re e nel 1950 a 19 an­ni vin­ce a Bo­lo­gna il suo pri­mo con­cor­so di can­to, ar­ri­van­do pri­ma clas­si­fi­ca­ta su quat­tro­cen­to con­cor­ren­ti. Be­nia­mi­no Gi­gli, te­no­re stel­la mar­chi­gia­na del­la li­ri­ca, la ascol­ta a Re­ca­na­ti e ve­de in lei la lu­ce di una bril­lan­te car­rie­ra.

ANI­TA CER­QUET­TI

● Ani­ta Cer­quet­ti na­sce a Mon­te­co­sa­ro nel 1931. La fa­mi­glia si tra­sfe­ri­sce do­po po­chi me­si a Cit­tà di Ca­stel­lo. Fre­quen­ta il Clas­si­co e stu­dia violino. A 16 ini­zia a pren­de­re le­zio­ni di can­to per cui poi si tra­sfe­ri­rà a Pe­ru­gia e bru­cia le tap­pe: so­pra­no na­tu­ra­le, de­but­ta in Ai­da a Spo­le­to nel 1951. Per 9 an­ni cal­che­rà i tea­tri di tut­to il mon­do: è con­si­de­ra­ta una del­le più gran­di in­ter­pre­ti ver­dia­ni. Spo­sa Edo Fer­ret­ti, ba­ri­to­no, e si sta­bi­li­sce a Fi­ren­ze. Muo­re nel 2014 a 83 an­ni a Pe­ru­gia.

STUDIAVA VIOLINO, CANTA A UN MATRIMONIO E SCOPRE IL VE­RO TA­LEN­TO

Co­sì de­but­ta nel 1951, a so­li 20 an­ni, in Ai­da a Spo­le­to. Da lì, cal­ca i pal­co­sce­ni­ci di tut­ta Ita­lia - da To­ri­no a Ve­ne­zia, da Mi­la­no a Na­po­li, da Bo­lo­gna a Pa­ler­mo a Ca­glia­ri – ma an­che quel­li stra­nie­ri, esi­ben­do­si in Fran­cia, in Sviz­ze­ra, in Spa­gna, in Por­to­gal­lo, in Olan­da, in Bel­gio, in Mes­si­co, ne­gli Sta­ti Uni­ti. Nel­le Mar­che canta a Re­ca­na­ti con Be­nia­mi­no Gi­gli, e poi al­lo Sfe­ri­ste­rio, al Tea­tro Lau­ro Ros­si di Ma­ce­ra­ta, al­la Nuo­va Fe­ni­ce di Osi­mo, al Tea­tro dell’Aqui­la a Fer­mo, e di nuo­vo con Gi­gli al Ros­si­ni di Ci­vi­ta­no­va. Era­no gli an­ni del­le di­ve del­la li­ri­ca: di Giu­liet­ta Si­mio­na­to, Re­na­ta Te­bal­di ma so­prat­tut­to di Ma­ria Cal­las. Pro­prio al­la so­pra­no gre­co-americana è le­ga­to l’epi­so­dio che ele­vo il suo ran­go a di­va in­ter­na­zio­na­le.

L’epi­so­dio che cam­bia tut­to

Sia­mo al Tea­tro dell’Ope­ra di Ro­ma, 1958. De­ve in­ter­pre­ta­re Nor­ma. Do­po la pri­ma, cla­mo­ro­sa­men­te ab­ban­do­na. Uno dei “gran ri­fiu­ti” più in­cre­di­bi­li del­la sto­ria del bel­can­to. A so­sti­tuir­la è pro­prio Ani­ta Cer­quet­ti, che a Ma­ria Cal­las ru­ba la sce­na, in­can­tan­do il pub­bli­co, en­tran­do a pie­no ti­to­lo nel pan- theon del­la li­ri­ca. «Ho sen­ti­to la Cal­las, ma non ci tor­ne­rei; mi pia­ce­va, ma non in Nor­ma. – rac­con­ta Cer­quet­ti nel 1975 in un’in­ter­vi­sta ri­pre­sa da Gbo­pe­ra.it - L’ho sen­ti­ta in Ar­mi­da: fan­ta­sti­ca; in Me­dea era il non plus ul­tra, ma in Nor­ma non mi pia­ce­va. Co­me per­so­nag­gio era sem­pre bra­va, ma non mi pia­ce­va­no i re­ci­ta­ti­vi: nes­su­no. Non mi pia­ce­va la Ca­sta di­va, mi pia­ce­va di più quan­do fa­ce­va In mia ma­no al­fin tu sei. Non mi pia­ce­va in Se­di­zio­se vo­ci, men­tre tro­va­vo a lei più con­ge­nia­le Ah, bel­lo a me ri­tor­na. Mi pia­ce­va in Lu­cia: l’an­dai a sen­ti­re con mia­to pre­ma­tu­ro sul qua­le si è scrit­to e ro­man­za­to mol­to. Chis­sà. Spo­sa il ba­ri­to­no Edo Fer­ret­ti e si sta­bi­li­sce a Fi­ren­ze. Cer­to è che la Cer­quet­ti è sta­ta a lun­go rim­pian­ta: a Mon­te­co­sa­ro che le in­ti­to­la il tea­tro co­mu­na­le nel 2011 han­no isti­tui­to un pre­mio e un’ac­ca­de­mia mu­si­ca­le. Al­lo Sfe­ri­ste­rio le fu de­di­ca­ta una se­ra­ta ad ago­sto 2014. Mo­ri­rà due me­si do­po, i fu­ne­ra­li a Fa­bria­no: tra i mil­le ar­ti­co­li di gior­na­le an­che quel­lo del quo­ti­dia­no in­gle­se The Te­le­gra­ph. Po­ten­za di una vo­ce in­ter­na­zio­na­le.

SI ESIBÌ CON CO­REL­LI E GI­GLI. L’AD­DIO NEL 1960 PER MO­TI­VI DI SA­LU­TE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.